da Nauz (Il ponte del sale)

Vers ladin, tan rî che al é da te scrì.
Ćiara da finestra fora y vëiga dantadüt tëmp y sajun,
degun pinsier a jënt ladina, degun paîsc nadè.
Tan püćia crëta a mia confesciun,
n pater, ave, gloria vigni iade da pié ia.
Dejciolè raîsc, desraijé ödli y orëdles, madër s’un trà
y lascè jì pîsc y mans fora por pastöra plö grassina.
Miorè, ingrassè parores y punt d’odüda
y tla finada ćiarè zoruch da n cucher ite.

Verso ladino, il mio irrequieto scriverti. / Osservi dalla finestra e vedi innanzitutto tempo e stagione, / nessun pensiero a gente ladina, nessun paese natale. / Scarsa confidenza nella mia confessione, / un pater, ave, gloria in ordine prima di partire. / Le radici, sollevarle, sradicare occhi e orecchi, andare via / e lasciare che mani e piedi percorrano pasture più feconde. / Nutrire, ingrossare parole, il punto di vista / e tuttavia guardarsi indietro da una stretta apertura.

* * *

Tan ri tëmp te chësc altonn nia da mudé,
zënza palsa la plöia. Mia orela cürta danter ćiarü y frëit,
rodi iö cër ćiasa ia, sciöche a spazier te n raiun forest,
por tan che sëmena oramai pestada fora,
scomöi i vari śëgn plö che mai.
Vëgneste tö, val’un, incö a me ciafè?
Te chësc mêsc che ghira sciöche unica compagna la fedelté.
Insciö sunsi sentada sön banch dan porta, nagules timples.
Tres sunsi iö ćiamò chilò, sciöche te n ofize d’onur.
Mi pëgn por chësc podest, la surité.

È difficile tempo in questo autunno che non si cambia, / senza riposo la pioggia. Mia ricreazione tra nebbia e freddo, / mi muovo intorno a casa, come a passeggio su terra estranea, / e per quanto sia questo un sentiero battuto / rompe il passo ora più che mai. / Vieni tu, qualcuno, oggi a farmi visita? / In questo maso che esige la fedeltà come unica compagna. / Così sto seduta davanti alla porta, gli umidi garofani. / Qui sono, ancora e sempre in una mansione d’onore. / Ed è il pegno per questo pergamo la solitudine.

* * *

Vigni dé te passi dlungia ia, degüna oraziun
y impò te vëighi.
Pordüda jënt nes làsceste sciöche arpejun,
jënt dernada, porta les spëises de na vita fancela.
Oblianza de sorvisc y vigni dé l’guant da laûr,
ma domënia tira dant, verda por ëi n paraîsc forest.
Y Tö sighitëies a chirì por mè n lingaz de oraziun,
despartida sunsi pö da vigni fidënza.
Tö restes por mè n banch de ćiarü alt
te n cil che ne s’imbasta nia de sò corú scraiënt, tan blé.
Inant ói te ćiarè, fora insom chisc pra,
plö n bel ornamënt ne podessi impone me damanè.

Ti passo davanti ogni giorno, senza osservanza / e comunque ti vedo. / Che ci lasci in eredità gente smarrita, / consumate presenze, a portarsi addosso il prezzo di un’umile vita. / Dovere di servizio e ogni giorno una veste da lavoro, / che solamente la domenica per loro è più importante, / vigili loro di un paradiso straniero. / E tu ostinato cerchi per me un frasario di preghiera, / a me che sono libera da qualsiasi confidenza. / Nebbia mi rimani, alta / in un cielo valente più di quanto lo sia il suo colore. / Ciononostante continuo a guardarti, lì in fondo ai miei prati, / poiché non ho richiesta di ornamento più sereno.

Roberta Dapunt è nata nel 1970 a Badia, dove ancora vive. Dopo aver pubblicato in forma più privata due plaquette di versi: OscuraMente nel 1993 e La carezzata mela nel 1999, ha proseguito con altre raccolte poetiche La terra più del paradiso (2008), Le Beatitudini della malattia (2013), Nauz: versi ladini (2017) Sincope nel 2018.

(Visited 2 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *