da Trasloche / Traslochi

A UNE A UNE CE NE VANNE

A une a une ce ne vanne
a n’ata vanne. Chi u sape
se e ddone
ce trove dd’ata vanne. Sckitte
ij sacce che mo
che te jesse truanne
ji nun te trove cchiù
che si trasciute ntu munne
d’i nocchiù.

A uno a uno se ne vanno. A uno a uno se ne vanno / in un altro luogo. Chi lo sa / se e dove / si trova quel luogo. Soltanto / so che ora / che vorrei incontrarti / io non ti trovo più / perché sei entrata nel mondo / dei non più.

MO CHE ME NFONNE U PANE

Mo che me nfonne u pane
pe na crucicchie
dd’ogghje d’i vulive
de Muline de Mare
a me quase me pare
nt’u nase che me trasce
n’addore de sciure
de portahalle che vottene
i làcreme da dd’ucchie.
E atturne atturne a me
nu vendizzole
ruspegghje fronne e sciure
e vucidde, quanta
vucidde, a na voce:
traminte, me dìcene a la recchie,
traminte abbasce
u mare. N’addore
de muledde e cachine
dd’àneme me nturcine.

Ora che sto per ungere il pane. Ora che sto per ungere il pane / con una crocetta / d’olio delle ulive / di Molino di Mare, / a me quasi mi pare / che mi entri nel naso / un odore di fiori di aranci che spingono / le lacrime dagli occhi. / E tutto intorno a me / un venticello / risveglia foglie e fiori / e uccelli, quanti / uccelli in coro: / guarda, sussurrano all’orecchio, / guarda più sotto / il mare. Un odore / di mele e di cachi / l’anima mi attorciglia.

MADONNE OHI MADONNE

Madonne ohi madonne
sotte u lette ce sta u paponne…
A sittant’anne angore, prime de ì a cucà,
spije, se stenghe sule,
sotte u lette.
Tiralulì, tiralulì
chi magne i pèttele ci hanna murì.
Manghe i pèttele manghe
facevene juvà
a nuje quatrare.
E ziànete Rocchine t’hanna tirà i cirre…
Ce stutàvene i globbe
e la scurde
int’u core vatteve.
U mortaccise, a petra appesa o codde,
retruvate nt’u puzze
angore me lu nzonne
e de paure me sckante.

Madonna oh Madonna. Madonna Oh Madonna / sotto il letto ci sta il babau. / Ancora a settant’anni prima di dormire / se sto solo, spio / sotto il letto. / Tiralulì, tiralulì / chi mangia le pettole dovrà morir. / Neppure le pettole / facevano giovare / a noi bambini. / E zio Rocchino stanotte ti tirerà i capelli… / Si spegnevano i globi delle luci / e l’oscurità / nel cuore batteva. / Il morto ammazzato con la macina al collo / ritrovato nel pozzo / ancora me lo sogno / sobbalzo e m’impauro.

Vincenzo Luciani è nato nel 1946 a Ischitella nel Gargano, dal 1975 vive a Roma dove dirige il mensile di informazione locale Abitare A. È fondatore dell’Associazione e della rivista di poesia Periferie. Dirige il Centro di documentazione della poesia dialettale “V. Scarpellino”. Ha pubblicato le raccolte di poesia: Il paese e Torino, (Salemi, 1985); per le Edizioni Cofine: I frutte cirve (1986), Frutte cirve e ammature (2001), Tor Tre Teste ed altre poesie: 1968-2005 (2005),La Cruedda (2012) e le ricerche: La regione invisibile (con Silvia Graziotti, 2005); Le parole recuperate. Poesia e dialetto nei Monti Prenestini e Lepini (2007); Dialetto e poesia nella Valle dell’Aniene (2008); con Riccardo Faiella, Le parole salvate. Dialetto e poesia nella provincia di Roma: Litorale nord – Tuscia romana – Valle del Tevere (2009) e Castelli Romani e Litorale sud(2010). Inoltre: Dialetto e poesia nei 121 comuni della provincia di Roma (2011) e, con Anna Corsi e Valentina Cardinale, Dialetto e Poesia nei Monti Lepini (2012), Dialetto e poesia nei 33 comuni della provincia di Latina (2014). Nel 2017 pubblica Straloche/Traslochi per la Collana “Aperilibri”, Edizioni Cofine.

(Visited 22 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *