Poesia del nostro tempo presenta l’Archivio virtuale de L’Italia a pezzi. Antologia dei poeti italiani in dialetto e in altre lingue minoritarie.
Ulisse Fiolo è nato a Mira nel 1972, e vive in provincia di Venezia. Ha all’attivo il reportage: Sara-jevo? (AUTeditORI, Venezia 2004). Sue sillogi appaiono nei volumi collettivi: Nove poeti esordienti (Diapason&Naima, Quarto d’Altino 2003); Parole scritte (Ed. Comune di Mira, Mira 2004) e Smerilliana n. 16 (ed. Di Felice, Martinfelice 2014). Ha pubblicato le raccolte: Per (semplice) respiro (Prometeus, Milano 2003) e Brónse e seménse (scàmpoi de diaèto) (d’if, Napoli 2011), opera apparsa nella collana “I miosotìs” edita dal Premio “Mazzacurati-Russo”.
 
Cussìda ’l fiòeo (afari de faméja)
(inedito)
Me papà, de mestier,
tuta a vita ’l ga fato ’l camarier:
parché cussì, co a zente
in bona, ’l gera anca jù pì contento.
Me mama, invesse, a xe stà na infermiera –
ma in reparto Ostetricia:
sbrassar sempre putèi che nasse, gèra
no èssar mai infeìce.
Tale il figlio (affari di famiglia).// Mio padre, di mestiere, / nella vita ha fatto il cameriere: / perché esser fra gente / felice, lo faceva star contento. // Mia madre, invece, è stata un’infermiera – / però in Maternità: / cullare sempre i nuovi nati era, / quasi, l’eternità.

(Visited 10 times, 1 visits today)