Note per la lettura di Sud…ario:
Il dialetto è quello parlato a Ruvo di Puglia, in provincia di Bari.
Le e senza accento si leggono alla francese, cioè mute, escluso le e con accento grave o acuto e le congiunzioni. Gli accenti sulle altre vocali servono per facilitare la lettura.

…ci nasce au Sud se zezzàisce de Passiàune
e cunnanne l’ànema all’ètérnetò.

…chi nasce al Sud s’insudicia di Passione
e condanna l’anima all’eternità.
vm


Assèise ‘ngope a re scole de la chisje
tremìénde u munne sotte-saupe.
Inde, stuonne statue de criste e madunne
ca s’onne stangote de danne adìénzie
e s’arrùocchene inde a re nicchje aschiure.
Da-ffore, u munne cange a chelaure ogn-e matèine
ma u core de la gìénde sbiadisce sìémbe de cchjue.
Mo, me vìédene desperòte e ìéssene chione-chione
s’assidene au custe e m’ambàrene a dèisce re reziìune.
Seduto in cima alle scale della chiesa/ guardo il mondo sotto sopra.// Dentro, stanno statue di cristi e madonne/ che si sono stancati di darci retta/ e si nascondono in nicchie oscure.// Fuori, il mondo cambia colore ogni mattina/ ma il cuore della gente sbiadisce sempre di più.// Ora, mi vedono disperato ed escono piano piano/ si siedono a fianco e m’insegnano a pregare.
Quanne la ciàire se striusce
la banne camèine e chjange.
La gìénde se guarde ‘mbacce
e dèisce a Criste: sì murte pe’ niue
ma t’omme capèite pìcche e nudde.
Pìcche e nudde peccè nudde sèime
pezzecatidde de meddica sfritte
pe’ cunzò laghene scuotte.
Idde re sope e ogn-e anne
sole saupe alla crausce
trose inde a le peccote du munne
vè apprisse alla strascèine de ciàire
e dè u timbe au laminde du flecornèine.
Quando la cera si consuma/ la banda cammina e piange.// La gente si guarda in faccia e dice a Cristo: sei morto per noi/ ma ti abbiamo capito poco e niente.// Poco e niente perché nulla siamo/ pezzettini di mollica fritta/ per condire pasta scotta.// Lui lo sa e ogni anno/ sale sulla croce/ entra nei peccati del mondo/ va appresso la scia di cera/ e dà il tempo al lamento del flicorno.
Alzete, camèine e statte citte.
Chìésse disse Criste au streppiòte
ca s’alzò sènza chjange e sènza paghiure
ca s’alzò cu coragge ‘ngudde pe’ camenò
ca camenò u cchjù a lunghe possìble
saupe a re strode ‘mbelveròte du Sud
addò u munne cange a chelàure
addò re casere s’appiccene ‘ngudde
addò u sune affùonne ind-u addàure.
Alzati, cammina e stai zitto.// Questo disse Cristo allo storpio/ che si alzò senza piangere e senza paura/ che s’alzò col coraggio addosso per camminare/ che camminò il più a lungo possibile/ sulle strade impolverate del Sud/ dove il mondo cambia colore/ dove le case si accendono addosso/ dove il suono affonda nel profumo.
U delaure
Se more de crépacòre
ce u delàure te sckatte ‘mbitte.
Ce u delàure se chiome figghje
figghjemèje figliomio
u core sckatte addavère.
Acchessèje onne murte
attone e mamme ca tìénene ùocchjere
‘nzeppote de larme, sanghe e astàime.
Se recanùoscene da cume te tremìéndene.
Tremìéndene ‘ndìérre e àvetene re nudde
tremìéndene u vegnàune e aspìéttene pacendìuse
aspìéttene ca crìésce linde-linde pe’ devendò arue
sènza sapaje ca suotte stuonne radèisce seccote
sènza sapaje ca chire vegnìune nascene murte pe’ sìémbe.
Il dolore – Si muore di crepacuore/ se il dolore ti scoppia nel petto.// Se il dolore si chiama figlio/ figghjemèje figliomio/ il cuore scoppia davvero.// Cosi sono morti/ padri e madri che hanno occhi/ inzuppati di lacrime, sangue e bestemmie.// Si riconoscono da come ti guardano.// Guardano a terra e abitano il niente/ guardano il virgulto e aspettano pazienti/ aspettano che cresca lentamente per diventare albero/ senza sapere che sotto ci sono radici secche/ senza sapere che quei virgulti nascono morti per sempre.
Re spèine
…‘nge vole coragge a tremìénde re spèine.
La corone de spèine ca stè ‘ngope a Criste
u coragge u tène. Cure ca nan tenèime niue.
Sèime quatte pullastre sènza facce
abbandenòte a re chiacchjere vacande
pullastre sènza lìéngue e sènza penzìre
ca ‘ngandene sotte u sanghe ca scuorre
inde u sguarde de ce patisce delìure.
Assalìute chèra corone u sope
ca affùonne saupe a nu ùomene assiule
ca siule, nasce ‘mmìézze a preghire e velène
alla-niute, alla-scalzòte, cu le chjuve arrezzenèite
e u fiòte spezzòte da re resote de la gìénde.
Le spine – …ci vuole coraggio a guardare le spine.// La corona di spine che è in testa a Cristo/ il coraggio ce l’ha. Quello che non abbiamo noi.// Siamo quattro pollastri senza faccia/ abbandonati alle chiacchiere vuote/ pollastri senza lingua e senza pensieri/ che incantano sotto il sangue che scorre/ nello sguardo di chi patisce dolori.// Solo quella corona lo sa/ che affonda su un uomo solo/ che solo, nasce tra preghiere e fiele/ nudo, scalzo, con i chiodi arrugginiti/ e l’alito spezzato dalle risate della gente.
Vincenzo Mastropirro (1960) è di Ruvo di Puglia, ma vive a Bitonto (BA).
È flautista, compositore, poeta, didatta; ha inciso oltre 20 CD, essenzialmente col Trio Giuliani e col Mastropirro Ermitage Ensemble e altre formazioni, cimentandosi in un repertorio classico e contemporaneo. In poesia ha pubblicato cinque raccolte: Nudosceno (LietoColle, Faloppio 2007); Tretippe e Martidde / Questo e Quest’altro (G. PerroneLab, Roma 2009, ampliata e ripubblicata presso SECOP, Corato 2015); Poèsìa sparse e sparpagghiote / Poesia sparsa e sparpagliata (CFR, Piateda 2013); Timbe-condra-Timbe /Tempo-contro-Tempo (puntoacapo editore Novi Ligure 2016); Notturni (Terre Sommerse Roma 2017). Compare in numerose Antologie e Blog letterari. Ha collaborato con Alda Merini, Vittorino Curci ed Anna Maria Farabbi musicando i loro versi. Tra i numerosi premi letterari, gli è stato conferito il prestigioso Premio Lerici Pea 2015 – Sezione poesia in dialetto “Paolo Bertolani”.
Segnalato ne L’Italia a pezzi Antologia di poeti italiani in dialetto (a cura di M.Cohen, V.Cuccaroni, G.Nava, R.Renzi, C.Sinicco – Ed. Gwynplaine Ancona 2014), è presente anche in Con la stessa voce Antologia di poeti dialettali traduttori (a cura di P.Marelli e M.Noris, LietoColle ed. Faloppio 2015)

(Visited 4 times, 1 visits today)