Da Strammata (Edizioni Forme libere, 2017)

 

ti scrivu cc’a lingua d’o sognu
picchí tu non si veru
veri sunu i to occhi e
l’oru d’o disertu
e iù ca non dormu cchiù ti
talìu cch’e pinzeri
e a nuvula supra i nostri testi
pari n cuntinenti
na botta di ventu
ni fici centumila isuli
a stati finìu supra u calannariu
e ora non sacciu cchiù unni camini
lassasti na stampa
nt’o me pettu
comu i stiddi d’o cinima
nt’a strata
forsi pinzavi a to matri
ma idda non ti tinni mai accussì fittu
cerchi strati senza divieti
canceddi aperti
i me cianchi sdirrubbunu
tutti i mura
sciogghiunu catini
abbracinchiti
nt’a to vucca
si cammau u me duluri
forsi picchí m’arriordi a me figghiu
ma n’o tinni mai accussì strittu

*

ti scrivo con la lingua del sogno / perché tu non sei vero / veri sono i tuoi occhi / e l’oro del deserto / e io che non dormo più ti / guardo con i pensieri / e la nuvola sulle nostre teste / sembra un continente / un colpo di vento / ne ha fatto centomila isole / l’estate è finita sopra il calendario / e ora non so più dove cammini / hai lasciato una stampa / sul mio petto / come le stelle del cinema / sulla strada / forse pensavi a tua madre / ma lei non ti ha mai tenuto così stretto / cerchi strade senza divieti / cancelli aperti / i miei fianchi demoliscono / tutti i muri / sciolgono catene / nella tua bocca / si è calmato il mio dolore / forse perché mi ricordi mio figlio / ma non l’ho tenuto mai così stretto

**

 

ogni vota mi lassati accussì
moru non moru
ca è peggio ca moru
ogni vota ca vi nni iti
vi purtati i megghiu cosi
chiddu ca non v’attocca
prima di tuttu l’anni
u sonnu
u ciatu
a fami
u sali di l’occhi
a manciaciumi
n muzzucuni di cannila
a ncirata
na menzura
spugghiati na vita
n punta di peri
scrusciu nnuccenti
n sonu di campana
n iattu ca cerca a zita
na sirena luntana
a vita di l’autri cuntinua
e iù
a centru di stanza
smuta
sminna
risulata
spaddata
munnata
cori di cipudda

*

ogni volta mi lasciate così / muoio non muoio /che è peggio che muoio /ogni volta che ve ne andate / vi portate le migliori cose / quello che non vi tocca / prima di tutto gli anni /il sonno / il fiato / la fame /il sale degli occhi /il prurito / un mozzicone di candela / una cerata / una mezzora / spogliate una vita /in punta di piedi / rumore innocente / un suono di campana / un gatto che cerca compagna / una sirena lontana / la vita degli altri continua / e io /a centro di stanza / muta / graffiata /risuolata /consumata /cuore di cipolla

**

 

nasciri fimmina
è nasciri centu voti
strammari i cunti e
moriri sempri

*

nascere femmina / è nascere cento volte / disfare i conti e / morire sempre

**

 

senza vuci sugnu nura
senza paroli mi casca a peddi
i pinzeri si tenunu all’aria
na sula parola ditta mali
pò fari moriri
l’ultima stidda
na schigghia non fa littra ma
addiventa lingua
di mancanza
di patri ca non cci-à statu mai
di matri picciusa chiusa nt’a na stanza
lingua di negghia ca
stramma e quagghia arreri a muntagna
tornu è parola di spiranza e
veni appressu a mi nni vaiu
lingua ca cunfunni
ca non havi cchiù chi diri
e su parri
chiddu ca dici non vali

*

senza voce sono nuda /senza parole mi cade la pelle / i pensieri si tengono all’aria / una sola parola detta male / può far morire / l’ultima stella / un grido non fa lettera ma /diventa lingua / di mancanza / di padre che non c’è stato mai / di madre piangente chiusa in una stanza / lingua di nebbia che / disfa e raggruma dietro la montagna / torno è parola di speranza e / viene dopo me ne vado / lingua che confonde /che non ha più cosa dire / e se parli / quello che dici non vale

**

 

amari è dui
sutta na cuperta cutta
cu tira forti
scummogghia all’autru

*

amare è due / sotto una coperta corta / chi tira forte / scopre l’altro

**

 

a ogni passu si rapi n fossu
cori troppu chinu e
pinzeri mpristati a usura
a vuatri ca mi vuliti liggera
dicu
strammatimi u sonnu
ammiscatimi a vita

*

a ogni passo si apre un fosso / cuore troppo pieno e / pensieri imprestati a usura / a voi che mi volete leggera / dico / disfate il mio sogno / contagiatemi la vita

 

 

Angela Bonanno vive e lavora a Catania. Nel 2003 ha esordito con una silloge di poesie in dialetto siciliano, Nuatri (Premio letterario Salvo Basso per l’inedito 2003), edizione Prova d’Autore. Sempre con la stessa casa editrice nel 2005 ha pubblicato Setti Viti comu i jatti. Con l’editrice Criluge Meridies ha pubblicato il poemetto Cu sapi quannu nel marzo 2007 (Premio Ercole Patti per la poesia agosto 2008). Nel marzo del 2009 è uscito Amuri e Vàdditi con prefazione di Luigi Lo Cascio, editrice Uni-Service, Trento. Nel maggio del 2010 ha pubblicato Dumani ti scrivu, poesia per il teatro, edizioni Forme-Libere, Trento. (Premio Terre D’Agavi 2013). Antologia della malata felice (Forme-Libere, Trento, dicembre 2011) è il suo primo romanzo, che ha ricevuto la Segnalazione Speciale della Giuria Premio Brancati 2012, ed è stato tradotto in lingua spagnola nel 2015 e pubblicato con la casa editrice Paso de barca. Ha vinto il Premio Franco Fortini IV edizione e il Premio Città di Marineo 2014 con la raccolta Pani schittu, CFR Edizioni. Il suo secondo romanzo Prima dammi il pane (marzo 2018 è edito da Catartica edizioni, Sassari).  La sua ultima raccolta poetica, Strammata (Forme-Libere, Trento  dicembre 2017) ha ricevuto il Premio G. Pascoli 2018 nella sezione dialetto.

(Visited 63 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *