Poesia del nostro tempo presenta l’Archivio virtuale de L’Italia a pezzi. Antologia dei poeti italiani in dialetto e in altre lingue minoritarie.
Stefano Moratto è nato a Morsano al Tagliamento nel 1964. Ha fatto parte del gruppo di poesia “Majakovskij”, dei movimenti “Usmis” e “Trastolons”. Ha pubblicato il romanzo Donald dal Tiliment (2001) da cui è stato tratto l’omonimo radiodramma trasmesso dalla Rai Regionale del Friuli Venezia Giulia e le opere di poesia in friulano: Tons trastolons, poets cence leç par une lenghe caraibiche (con i Trastolons, 1998); Tananai (con i Trastolons, 2001); Isulis (Kappa Vu, Udine 2010). Alcune poesie sono state musicate da Kossovni Odpadki, ’Zuf de Žur,Bande Zingare, Arbe Garbe e altri gruppi. Ha realizzato il video Mugulis. I ultins piratis dal Tiliment (con G. Cantoni, 2007, Premio “Mostre dal Cine Furlan”).
 
da Mârs
Si cjatisi isula di bot:
tiaris che no si strenzin
fueis che no si imbraçin
revocs che si distudin inaltrò
Cussì a domandin e si domandisi
cemût? e cuant? e di trop cussì?
Il voli si volta ator e si fâ’ di maravea
screantsi a la viva armonia dal fîl da la cuesta
Dut al è cussì perfet e naturâl
tal çidin jevâsi dal nivel dal mâr
tal respîr lambri che al vuluça e che al cuieta
E po li’ misuris dai gjeolics a mostrâ
il folc a sec da l’idea ch’a à inneât
da la peraula ch’a à crevât
dal siest che al à slacât
Fâ di segn a consonançis çoncjadis
ta li’ pieris viartis
ta li’ radîs di un non
platadis sot la grusa
di un nembri fis e lambicât
Ci si ritrova isola d’un tratto: / terre che non si stringono / foglie che non si abbracciano / echi che si spengono altrove / Così domandano e ci si domanda: / come? e quando? e da quanto così? / L’occhio si guarda attorno e si stupisce / aprendosi alla vivace armonia della linea di costa / Tutto è così perfetto e naturale / nel silenzioso alzarsi del livello del mare / nel respiro cristallino che avvolge e che quieta // E poi le misure dei geologi a mostrare / il fulmine improvviso dell’idea che ha sommerso / della parola che ha spezzato / del gesto che ha franato / Indicare consonanze recise / nelle pietre aperte / nelle
radici di un nome / nascoste sotto la crosta / di un manto fitto e travagliato
Il fal al è crodisi doma splaza
o savalon che il mâr al plata
crodisi il sberli dal scoi tal vint
o il sbisiâ bagnât intal fondon
L’alternativa secja che a ferma
che a è linia salda e perfeta:
leç il profîl da la cuesta
piera ch’a resta la peraula
Coma che no fos la onda
coma che no fos la luna
coma che no fos la dança
che a mouf e che a consuma
L’errore è credersi soltanto spiaggia / o sabbia che il mare nasconde / credersi l’urlo dello scoglio nel vento / o il lavorio bagnato nel fondale / L’alternativa secca che ferma / che è linea sicura e perfetta: / legge il profilo della costa / pietra che resta la parola // Come non ci fosse l’onda / come non ci fosse la luna / come non ci fosse la danza / che muove e che consuma
Al pos tocjâ che la leç si crevi
tant che une roste
pa la fuarçe da la curint
o pal rivâl ch’a nol ten pi
Si piardin alore i trois
e mut boscam al dovente il vecju cors
I pes a sgripiin in poçis vuarbis
e encje il mâr si impire
in stanziis malfurnidis
Il ramon nouf intant al savolte
cjamps metûts in rie
e barcons vernisâts di pôc
Al impon il so codiç lusint
a radîs cuietis
çençe non e scaturidis
Un diu nouf al mostrarà li’ taulis
a rivaran uçei sclendars:
olmis a saran sterpis
suntun bleon strussât
Può capitare che la legge si franga / come un’argine / per la forza della corrente / o per il terrapieno che non regge / Si perdono allora i percorsi soliti / e boscaglia muta diventa il vecchio corso / I pesci annaspano in pozze cieche / e anche il mare si infila / in stanze disadorne / Il nuovo corso intanto travolge / campi allineati / e finestre appena verniciate / Impone il suo codice luminoso / a radici quiete / senza nome ed impaurite // Un dio nuovo mostrerà le tavole / arriveranno uccelli striduli: / ci saranno tracce sterili / sopra un lenzuolo stropicciato
A spiç a sta a misdì la tiare
e lis cjossis si impenzin cun presse
te lôr risulte, tal srarîsi che lis siare
Ae fin di une isule al è il mâr
sicu tal so principi
curint e nûl a scrivin lûcs
dulà che peraulis si ingrumin
dulà che invezit si sfantin
Cheste fin di tiare a prodûs
ogni fin, ogni estrem di cjosse
Ancje achì il mâr al è cussì grant
di jessi verticâl, une palade
che a glot i pinsîrs o ju pare indaûr
Cussì grant al è achì il mâr
di jessi un scjafoi di gatul
A punta è la terra a sud / e le cose si addensano con fretta / nel loro esito, nel rarefarsi che le chiude / Alla fine di un’isola c’è mare / come nel suo principio / corrente e nuvola scrivono luoghi / dove parole s’aggrumano / dove invece svaniscono / Questa fine di terra assomiglia / a ogni fine, ogni estremo di cosa / Anche qui il mare è così grande / da essere verticale, una barriera / che inghiotte i pensieri o li respinge / Così grande è qui il mare / da essere un budello opprimente // Sul bordo misuro la mia voce: / il bosco è stretto e alto / qui muoiono i sassi.

(Visited 10 times, 1 visits today)