da Follas

Una trobea, unu disigiu

Una trobea, po no iscaresci,
in su pe’ ’e manca
m’apu postu
e in s’àteru su disìgiu
de passus lébius e iscapus.

Po no iscaresci.

Sa peddi mia pariat di oru
e sa ’oxi no fut duda
spuma bianca
ananti ’e s’unda.

Candu su mari s’est intrulau
de ita m’at prenu
bértulas e coddus
giai chi andu
a manu tenta e conca indùllia
circhendu in terra
su bòlidu ’e is mangonis?

Una trobea e unu disìgiu
totus e a is duus aintru ’e su coru
fintzas e imoi
chi, bagamunda in carrus de fogu,
’ollu torrai a bandai
a intendi ita tenit de mi nai
ancora
su mari…

Notesta….

Una pastoia, un desiderio – Una pastoia, per non dimenticare,/ nel piede sinistro/ mi sono messa/ e nell’altro il desiderio/ di passi liberi e leggeri./ Per non dimenticare./ La mia pelle sapeva d’oro/ e la voce non era dubbio/ risacca bianca/ davanti all’onda./ Quando, il mare si è accigliato/ e di cosa mi ha riempito/ spalle e bisaccia/ se ora vado,/ presa per mano e a testa china,/ cercando in terra/ il volo dei fenicotteri?/ Una pastoia e un desiderio/ entrambi dentro il cuore/ anche ora/ che, vagabonda su carri di fuoco,/ voglio tornare/ a sentire cosa ha dirmi / ancora/ il mare…./ Stanotte….

 

 

Luna di mare

Apu scapiau de s’erriu totu s’andai
e is maris tuus no funt abbastaus
ni is bòlidus de is caus
po cumprendi’
si cras at essi’ ancora dì, o nì
che-i- su coru miu di oi.
Mancu imoi,
celus e brebus po baliai s’urtima làcana,
mancu imoi est nexi
si furu unu disìgiu
chi si scapiat in su bòlidu.
No est, luna de mari,
chi ti peda cun mimi unu fastìgiu
ma si de innoi no ti lòmpit boxi crara
càstia, su mari est sprigu
e manna t’amostat custa làntia.
Abruxat de ollu de lostrincu
de tempus a mesura
de passus, a bortas a fura.
Oh, notesta lassimiddu nai
ca de spinas chene ’e corona
apu prenu dònnia giassu,
lassamiddu nai,
ca si torru a ponni’ passu,
t’ap’ a fai’ bias in mari
e no t’ap’ a abruxai in sa làntia
ollu ’e lostrincu
ma custu coru miu strintu
de ancà tui no luxis prus.

Luna di mare – Ho slegato dei fiumi tutto l’andare/ e i tuoi mari non sono bastati/ né voli di gabbiani/ per capire/ se domani sarà ancora giorno, o neve/ come il cuore mio di oggi./ Neanche ora,/ cieli e parole magiche, per sopportare l’ultimo confine,/ neanche ora è colpa/ se rubo un desiderio/ che si slega in volo ./ Non è,/ luna di mare,/ che io ti chieda amore ricambiato/ ma se da qui non ti giunge voce limpida/ guarda, il mare è specchio/ e grande ti mostra questa lanterna./ Brucia di olio di lentischio,/ di tempo misurato/ di passi, talvolta rubati./ Oh, stanotte lasciamelo dire,/ che di spine senza corona / ho riempito ogni varco,/ lasciamelo dire,/ perchè se rimetto passo/ strade nel mare ti farò/ e nella lanterna non ti brucerò/ olio di lentischio/ ma questo cuore mio stretto/ dove tu non brilli più.

 

 

L à c a n a s

Srucu, chi mi nas essi’ mori ’e vida,
oi mi scòvias ca tèngiu ’eu puru
unu Logu chi no apu prantu.
In custa Terra o a fundu ’e mari
no ti pedu in cali tretu.
Manus giuntas po issu, pesu oi
facias a soli.
I est liminaxi
Aiaiu miu pilus de prata
chi contat cantu nuis arrubiastas
sinnant innoi làcanas noas.
Ma tui mi sighis ca est filu spinau
ch’est fàmini e disisperu
e no est beru’ ca sa làcana est erriu.
Tui ancà dd’asi biu
su sànguni de unu pipiu,
su lati callau de una mama spaciada
sa Terra disisperada, in cadena.
Tui ses fungudu,
meri de dolu
e làcana ses de pani e de ludu,
ma deu no, oi no ti saludu
ca càbudu no m’agatu
in custas manus giuntas
chi mi nerit de ancà acabbas.

Confini – Solco, che mi dici essere sentiero di vita,/ oggi mi riveli che ho anch’io/ un Luogo che non ho pianto./ In questa Terra o oltre il mare/ non ti chiedo dove./ E per esso, mani giunte innalzo oggi/ verso il sole./ Ed è limitare/ mio Nonno capelli d’argento/ che conta quante nuvole rossastre/ segnano oggi nuovi confini./ Ma tu insisti che è filo spinato/ che è fame e disperazione/ e non è vero che il confine è un fiume./ Tu dici di averli visti/ il sangue di un bimbo,/ il latte aggrumato di una madre consumata,/ la Terra disperata, in catene./ Tu sei profondo,/ di dolore padrone/ e confine sei di pane e di fango,/ ma io no, oggi non ti saluto/ perchè bandolo non mi trovo/ in queste mani giunte/ che mi dica dove finisci.

 

 

 

Anna Cristina Serra è nata nel 1960 a San Basilio. Poetessa in lingua sarda, impegnata da diversi anni nel panorama culturale sardo.
Partecipa ai concorsi letterari dell’isola nel 1993 vincendone alcuni, tra i quali il Premio Ozieri nel 1993 e nel 1998, il Premio Michelangelo Pira nel 1996, il Premio Mamoiada nel 1994 e nel 1997, il Premio Internazionale di Milano nel 1997, Olmedo nel 1993, 1994, 1995, Tissi nel 1993, il Premio Partigiani nel 1995, Silius nel 1994, Porto Torres nel 1998, Cossoine nel 1999, Osilo nel 1996, il Premio A.C.L.I. nel 1997, Dolianova nel 1993, il Premio Colleziu nel 1997, il Premio “Paolo Mossa” (Bonorva) nel 1999, il Premio “Benvenuto Lobina” (Villanovatulo) nel 1996, il Premio “Se Fermentu” (Marrubiu) nel 1995, Premio S. Caterina -Mores- nel 2001, e altri. In prosa ha vinto il Premio “Sa terzina” nel 1998.
Ha pubblicato con la Tema Editrice la silloge “Su fragu ‘e su ‘entu” vincitrice del Premio Michelangelo Pira 1996. Molte delle sue poesie sono state pubblicate in “S’Ischiglia”, nella “Grotta della vipera”, in “Nur”, nel “Notiziario” , su “Nae”, nelle pubblicazioni dei concorsi di poesia e in altre riviste letterarie.
Ha preso parte a numerose giurie di concorsi letterari, tra i quali: “Premio Tiscali” (Dorgali)- “Premio Città di Nuraminis”(Nuraminis) – “Premio S.Antoni de su ‘ou” (Mamoiada)-. “Premio S: Barbara” (Silius) “Premio Bonvhei” (Cagliari) . Ha scritto diversi articoli nella pagina in lingua sarda sul quotidiano “L’Unione Sarda”, sul “Notiziario” e in altre riviste. Collabora con la Compagnia Teatrale “Fueddu e Gestu”. Alcuni suoi testi sono stati musicati e cantati da Franco Madau, altri da Ottavio Farci e Veronica Maccioni per “Fueddu e Gestu”.
E’ stata presidente dell’Associazione culturale “Galania”, e ha collaborato all’organizzazione di convegni, mostre e presentazioni di libri con esponenti di rilievo dell’arte e della cultura della Sardegna. Ha pubblicato una raccolta di versi in dialetto campidanese, Follas (Frorias, Cagliari, 2003), dedicata al suo Maestro Benvenuto Lobina.

(Visited 6 times, 8 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *