da Quand finìssen i semafor. (Quando finiscono i semafori) Poesie in dialetto milanese del XXI secolo (Arcipelago Itaca 2018)

EL MÈ DIALÈTT

Sèmm chì, ghe disaroo la verità:
’vègh in man ’sto dialètt ch’el dìs pù nient,
ch’el scappuscia in su la lengua, impastaa,
me mètt indòss ’na luna, on sentiment:

come vèss forestee dent la mia cà,
o boccà de sfròs a cà d’on amìs,
dervì in silenzi l’uss de quèll là
che el te scondeva el sò indirizz precìs.

Tartaj paròll in d’ona quai manera
per scoltà ’sta stanza scura. La tas.
Snasi el fond del caffè giò in de la ruera,

dèrvi el sò buffé, svòlti el materass,
curios de ’sto nagòtt, de ’sta scighera
e, a mì, ’sto sentiment pròppi el me pias.

IL MIO DIALETTO. Siamo qui, vi dirò la verità: / avere in mano questo dialetto che non dice più niente, / che inciampa sulla lingua, impastato, / mi mette addosso una luna, una sensazione: / come essere straniero in casa mia, / o entrare di nascosto a casa di un amico, / aprire in silenzio la porta di quello là / che ti teneva nascosto il suo indirizzo preciso. / Balbetto parole in qualche modo / per ascoltare questa stanza scura. Tace. / Annuso il fondo del caffè giù nella spazzatura, / apro la sua credenza, giro il materasso, / curioso di questo niente, di questa nebbia / e, a me, questa sensazione proprio mi piace.

LA NOEUVA APP

Disen che in Corea la gh’è ’na start-up:
a parà via i rangògn de la vida,
de mestee in mestee semper in salida,
hinn ’dree a brevettà ’na noeuva app.

Domà per pondà in sul divan i ciapp
ghèi ne darann: bastarà on inlocchida
de reclamm. Vardann pussee l’è la sfida:
cinqu euro, on’ora. Viva Reclamm-up!

E a fin giornada, tucc con la bauscètta,
i novità del dì andarèmm a comprà.
Pù struzziass per cavass de la bollètta!

Mah… ’Dèss… Monta in spìcciola! Consegnà
frutta biològica a duu euro a cassètta:
se el pioeuv nò, l’è pròppi on bèll gimaccà.

LA NUOVA APP. Dicono che in Corea c’è una start-up: / / per scacciare le amarezze della vita, / di lavoro in lavoro sempre in salita, / stanno brevettando una nuova app. / Solo per appoggiare sul divano le chiappe / soldi ci daranno: basterà un’intontita / di pubblicità. Guardarne di più è la sfida: / cinque euro, un’ora. Viva Reclamm-up! / E a fine giornata, tutti con la bavetta, / le novità del giorno andremo a comprare. / Mai più straziarsi per pagare la bolletta! / Mah… Adesso… Monta in bicicletta! Consegnare / frutta biologica a due euro a cassetta: / se non piove, è proprio un bel bighellonare.

POLEMICA PER L’ASSEGNAZION DEL NOBEL PER LA LETTERADURA AL BOB DYLAN

Lì anmò che la parcheggia in cortìl?
Ma lee la truscia col dottore… Somara!
Loeugia. Sabettament de portinara.
Disi, POESIA l’è giugà a fà l’april,

fà rinass la vida cont i scintìll
d’on mond sconduu. POESIA l’è rara,
ma l’è del poètta o de la benzinara,
sògn diit col vìvel, nò domà col dìll.

POESIA la pò morì in d’on boff del vent,
se la vos la tas, se tas la ghitara.
LETTERADURA la gratta al nient

paròll, sgraffignaa in su la prèia ciara,
soll: POESIA inciodada in LEG, TESTAMENT.
Mocchela lì! Ròba de portinara.

POLEMICA PER L’ASSEGNAZIONE DEL NOBEL PER LA LETTERATURA A BOB DYLAN. Ancora lì che parcheggia in cortile? / Ma lei se la fa col dottore… Somara! / Troia. Pettegolezzi da portinaia. / Ti dico, POESIA è giocare a fare l’aprile, / far rinascere la vita con le scintille / di un mondo nascosto. POESIA è rara, / ma è del poeta o della benzinaia, / sogno detto col viverlo, non solo col dirlo. / POESIA può morire in un soffio di vento, / se la voce tace, se tace la chitarra. / LETTERATURA ruba al niente / parole, graffiate sulla pietra chiara, / sole: poesia inchiodata in LEGGE, TESTAMENTO. / Piantala lì! Roba da portinaia.

Daniele Gaggianesi Daniele Gaggianesi, classe 1983, è nato e cresciuto a Corsico (MI), da padre milanese e madre di origini marchigiane. Nell’infanzia impara dai nonni paterni il dialetto milanese, nonostante il loro divieto di parlarlo “per parì minga on paesan” (“per non sembrare volgare”). Dopo il liceo scientifico si diploma come attore alla Scuola d’Arte Drammatica Paolo Grassi e si laurea in lettere moderne all’Università degli Studi di Milano. Attore di professione, porta avanti l’attività di poeta e cantastorie in milanese. Con suoi testi ha ottenuto riconoscimenti in diversi ed importanti premi letterari nazionali. Nel 2018 pubblica Quand finìssen i semafor, la sua opera prima in assoluto (Arcipelago Itaca).

(Visited 70 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *