Poesia del nostro tempo presenta l’Archivio virtuale de L’Italia a pezzi. Antologia dei poeti italiani in dialetto e in altre lingue minoritarie.

Sandro Pecchiari ha pubblicato diverse raccolte di poesia, tutte per la Samuele editore: Verdi Anni, Le Svelte Radici, L’imperfezione del Diluvio – An Unrehearsed Flood (bilingue) e Scripta non manent. Suoi lavori sono stati tradotti in albanese, inglese, sloveno, francese e spagnolo e sono visibili in numerose antologie, italiane e non. Insieme a Alessandro Canzian e Federico Rossignoli cura il ciclo di poesia Una Scontrosa Grazia (Trieste, Libreria Ts360). Collabora con le riviste “Traduzionetradizione” e “L’almanacco del Ramo d’Oro”.

Fora de testa

lavorar come un mus, eco,
per costruirse el giorno
quel de ieri o prima ancora
in retromarcia el tempo se intortola
intorno facie che no te se ricordavi
intorno nomi scolegadi
e discorsi e biceri, tanti,
e cincin a la tua, al futuro,
a quei che no xe qua,
a quei che no xe più.

e ancora posti e rumori come incaselai
e ’scoltarli per impizarse
in-t-el silenzio
co’ tuto beca forme enormi
e te se volti e te rispondi a tuto
sempre più se impinisi la camera
el marciapie, anche la machina
-che no te vedi la puglia-
e la gente che passa pensa che te son fora
ma no, i te brazola
i te se senta de sora
a volte i slonga anche le man
e el ciel se slarga in boca
i oci no ciapa la distanza.

e riva ancora altri e ancora
ʻte se ricordi?’, ʻte se ricordi de mi?’
ʻe de mi?’, ʻde mi?’

te tignivi el fredo
strento in-te-i maioni
o nel sol che slarga i brazi e sera i oci
e te se brusi e te ghe disi a tuti
ʻson qua, son mi’.

Fuori di testa. lavorare come un mulo, ecco, / per costruirsi il giorno / quello di ieri o prima ancora / in retromarcia il tempo si aggroviglia / attorno a facce che tu non ricordavi / attorno a nomi scollegati / e discorsi e bicchieri, tanti, / e cincin alla tua, al futuro / a quelli che non sono qui con noi / a quelli che non sono più tra noi. // E ancora posti e rumori come incasellati / e ascoltarli per accenderli / nel silenzio / quando tutto assume forme enormi / e tu ti volti e rispondi a tutto / sempre di più si riempie la stanza / il marciapiedi, anche la macchina / – speriamo non ti veda la polizia – / e la gente pensa che tu sia fuori di testa / ma no, ti abbracciano / ti si siedono sopra / a volte allungano le mani / e il cielo s’allarga in bocca / gli occhi sperduti di distanza, // e ne arrivano altri e altri ancora / ‘ti ricordi?’, ‘ti ricordi di me?’/ ”e di me?’, ‘di me?’ // tu tenevi il freddo / stretto nei maglioni / o nel sole quando allarga le braccia e chiude gli occhi / e ti bruci e rispondi a tutti / ‘sono qua, sono io’.

Esserghe

esserghe xe quel che ghe vol
co’ se scurisi l’aria
e no savemo più
e i oci i se varda drento

te pol perderte
ne la speleologia de l’anima
no xe cossa far
che ’ndar fin in fondo
fin l’uscita –
chilometri de fil de Ariana
ma de quei consumai
che i se rompi
e te devi ingroparte
per trovarte.

ma son qua sconto
drio del tuo cruziarte scuro
e so cossa sarà, mi so,
ma no son ti.
posso testimoniar
come i numeri sui clanz del CAI
el GPS che sa dove che te svolti
e se coregi
ma noʼl sa coreger
quel che te camini.

go paura come un graion che sbrissa
l’aqua che s’ciopa co’ la casca
i freni che se rompi
e te speti che se spachi tuto
contro el muro de le man.

volessi respirar per ti
eserte un filtro o un criel.
te scantoni incazado
te me zighi de ’ndar via
e mi vado,
ma te me ciami indrio.

Esserci. bisogna esserci / quando l’aria si oscura / e non sappiamo / e gli occhi guardano all’interno // puoi perderti / nella speleologia dell’anima / non c’è niente da fare / che andare fino in fondo / fino all’uscita – /chilometri di fili d’Arianna / ma consumati / che si rompono / e devi annodarti / per trovarti. //ma sono qua nascosto / dietro il tuo crucciarti scuro / e so cosa sarà, lo so, / ma non sono te. / Posso testimoniare / come fanno i numeri sui sentieri del CAI / il GPS che sa dove tu svolti / e si corregge / ma non sa correggere / quello che cammini. // Ho paura come un ghiaione instabile / l’acqua che esplode quando casca / i freni che si rompono / e tu attendi che si spacchi tutto / contro il muro delle mani. // Vorrei respirare al posto tuo / esserti filtro o setaccio. / Tu scantoni incazzato / mi urli di andare via / e me ne vado / ma mi chiami indietro.

Un bravo omo

la stazion dei treni
el piazal dela stazion coi bus
el vial de la stazion
inevitabile qualche putana a ogni ora
omo o dona,
quele che porta indoso la lontananza
o gente che xe meio no vardar
col cortel svelto
comerci de poco, soldi de sudor.

ti te son casa oltre ’sta bariera
te passi come in-t-una bala de aria
sgionfa del tuo disagio
perché forsi te podessi
butarte via o forsi starghe.

nissun te varda, ovio,
ma te ga oci de tentacoli
sconti, sperando in una fiocina
col tremaz de un picio
invecido senza aqua.

no te ga vissudo e no te vivi
e forsi te son anche in subafito
in-t-el gropo de robe dentro
budei, polmoni, un cuor che xe in castigo.
lassa perder, dei, va casa.

Un brav’uomo. la stazione dei treni / il piazzale della stazione con gli autobus / il viale della stazione / inevitabile qualche puttana a ogni ora / uomo o donna, / quelle con addosso la lontananza / o gente che è meglio non guardare / dal coltello veloce / commerci da poco, soldi di sudore. // tu abiti oltre questa barriera / passi come in una bolla d’aria / gonfia del tuo disagio / perché forse potresti / buttarti via e forse starci. // nessuno guarda te, ovvio, / ma tu hai occhi di tentacoli / nascosti, sperando in una fiocina / col tremore di un bambino / invecchiato senz’acqua. // non hai vissuto e non vivi ancora / e forse sei anche in subaffitto / nel groppo delle tue cose dentro / budella, polmoni, un cuore che sta in castigo. / Lascia perder, dai, va’ a casa.

(Visited 1 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *