Da Sale del ricordo (LietoColle 2017)

 

Con te la vita sempre
in corsia di sorpasso.
Trentenne irruente e scabro da anonimi
condomini criminali non si sa come
hai raggiunto lo status di fotografo radical
che non disdegna vendere
al mercato trasgressione,
così sono i servizi
con le top model che arrivano da Londra,
i party decadenti e scatenati, le chiamate
(alle quali mai ti posso accompagnare)
per incontrare Bono o Naomi nell’esclusivo
pub ottagonale del Clarence Hotel.
Non bastasse, dietro la facciata del lavoro cool
e della casa signorile importi nel paese
massicce quantità di hashish
e forse altro.
Quando ti rividi anni dopo a Londra
più segnato ma sempre corvino, conturbante,
eri incattivito e non fotografavi neanche più.
Mi dicesti: “Di tutti i soldi di quegli anni
non c’è rimasto niente.
È come se fosse stato
tutto solo un party.”

 

*

 

Nel tuo fondo lacerato non portavo sempre
luce ma quasi risentimento talvolta
per la mia ingenuità petulanza: mi dicesti
quasi mi strillasti in faccia un giorno “La vedi
quest’unghia, noi froci per la società
siamo sulla punta di quest’unghia basta
un evento inaspettato, crisi, confusione, un ritorno
indietro impensabile che pure è già accaduto –
e ci scrolleranno via come pulci
secche senza battere ciglio,
don’t you forget.”

 

*

 

In questa città
c’è un Museo di storia gay
– hai capito bene, ripeto (ci vuole pazienza con alcuni):
un Museo sull’o-mo-ses-sua-li-tà,
che preserva e trasmette
storia esperienze e sogni
contributi al vasto mondo
di una comunità di uomini e di donne
più volte nel corso della storia
minacciata di estinzione.
Mancano invece madonne
lacrimanti sangue, apparizioni
di padre pio, ossa
di santi.
Come si vive lieti
alla faccia di chi ci odia
quando si è distanti.

 

Luca Baldoni (Napoli, 1973), è cresciuto a Firenze, e ha in seguito vissuto a lungo in Irlanda, Germania e Inghilterra. Ha insegnato Letteratura italiana alle università di Londra e Oxford ed è stato ricercatore presso l’Accademia britannica a Roma. Attualmente insegna Storia dell’Arte alla James Madison University di Firenze.
Le sue raccolte di poesia sono Sensi diversi (LietoColle 2005 – Premio Camaiore Opera prima), Territori d’oltremare (La Meridiana 2008 – Premio
Sandro Penna per l’inedito) e Sale del ricordo (LietoColle 2017).
Ha curato Le parole tra gli uomini. Antologia di poesia gay italiana del Novecento al presente (Robin 2012) di cui è di recente apparsa una seconda edizione ampliata, ed è membro del comitato editoriale di The Florentine Literary Review.

(Visited 3 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *