Poesia del nostro tempo presenta l’Archivio virtuale de L’Italia a pezzi. Antologia dei poeti italiani in dialetto e in altre lingue minoritarie.
Pietro Civitareale è nato a Vittorito (AQ) nel 1934. A partire dal 1960, ha vissuto e lavorato ad Alessandria, quindi a Firenze, dove tuttora risiede. Si è occupato di critica d’arte, di traduzione e di saggistica, pubblicando diversi saggi e monografie su Betocchi, Lorca, Luzi, Montale, Pessoa, e numerosi studi sul dialetto tra cui: La funzione della memoria nella poetica di Vittorio Clemente (Amministrazione Provinciale, L’Aquila 1995); Poeti in romagnolo del secondo Novecento (La Mandragora, Imola-Forlì 2005); La dialettalità negata (Cofine, Roma 2009). Ha scritto libri di narrativa e in poesia ha pubblicato le seguenti opere in lingua e in dialetto: Un’altra vita (Emblema, Pescara 1968); Hobgoblin (Poesiarte, Firenze 1975); Un modo di essere (Associazione Turistica, Riccia 1984); Come nu suonne, versi in dialetto abruzzese (Poesiarte, Firenze 1984); Alegorias de la memoria (Edizione italo-spagnola, Olifante, Saragozza-Madrid 1988); Il fumo degli anni (Edizioni del Leone, Spinea-Venezia 1989); Vecchie parole. Versi in dialetto vittoritese (Biblioteca Cominiana, Treviso 1990); Altre evidenze (I Quaderni dell’Ortica, Forlì 1991); Solitudine delle parole (Solfanelli, Chieti 1995); Le miele de ju mmierne (Mobydick, Faenza 1998); In lucor violetto (Edizioni Noubs, Chieti 1998); Ombre disegnate (Orizzonti Meridionali, Cosenza 2001); Metemorfosi del silenci (edizione italo-catalana a cura di A. Clapés, Jardins de Samarcanda, Barcelona 2001); Quele che remane (I libri del Quartino, Torino 2003); En el matì de les paraules (edizione italo-catalana a cura di A. Clapés, Els ulls de Tirèsies de Cafè Central, Barcelona 2005); Mitografie e altro (Raffaelli, Rimini 2008).
 
da Quele che remane
Ju giardéine
Chenosce nu giardéine
Luntane da ogne remméure.
Du’ féile de piante,
nu ragge ncantate de sole
nu cerchie d’ore,
tre farfalle che vòlene.
Come nu ciejje annascuoste
dentr’all’ombra maje,
uarde ju munne de fore,
come dentr’a na vetréine.
Il giardino.// Conosco un giardino / lontano da ogni rumore. // Due filari di alberi, / un raggio obliquo di sole, / un cerchio d’oro / tre farfalle che volano. // Come un uccello nascosto / nella mia ombra, / guardo il mondo di fuori, / come all’interno di una vetrina.

(Visited 17 times, 1 visits today)