Poesia del nostro tempo presenta l’Archivio virtuale de L’Italia a pezzi. Antologia dei poeti italiani in dialetto e in altre lingue minoritarie.
Nicola Duberti è nato a Mondovì nel 1969, da famiglia originaria di Viola. È insegnante di lettere nelle scuole medie. Ha pubblicato in poesia Varsci. Versi nel dialetto di Viola (Il Salice Dorato, Mondovì 1996); Ënvërtojé (Edizioni Ël Pèilo, Mondovì 2003); Taccuino del Barbiere Chirurgo (Genesi Editrice, Torino 2008). È presente nell’antologia di B. Pelizza (a cura di), Lingue di confine. Dodici poeti cuneesi (Edizioni Torino Poesia, Torino 2009). In prosa ha scritto Nature Morte (CEM, Mondovì 2005).
 
Ciamènd ëšcüsa
šcriv u l’é apèna ’nvërtujé ’n matéria
lóžne ’d pensé e dulú.
L’ëncióstr u l’ha la fonsiòn dle lümére
ch’i lüžo ai só cantõe
ént j’öji d’én gugnén;
e u fä da sürugò dij grumi ’d résgina
ch’i dižõ com’u sang uj däga ’n vir
a la rüšca dëj pén.
Chiedendo scusa.// Scrivere è appena avvolgere in materia / lampi di pensiero e dolore. // L’inchiostro ha la funzione delle lacrime / che scintillano agli angoli / negli occhi di un bambino; // è il surrogato dei grumi di resina / con cui esprime i suoi trasalimenti / la corteccia del pino.

(Visited 11 times, 1 visits today)