Poesia del nostro tempo presenta l’Archivio virtuale de L’Italia a pezzi. Antologia dei poeti italiani in dialetto e in altre lingue minoritarie.

Nevio Spadoni (San Pietro in Vincoli, 1949), ha insegnato filosofia a Ravenna, città in cui vive. Con L. Benini Sforza ha curato l’antologia Le radici del sogno. Poeti dialettali del secondo Novecento in Romagna (Moby Dick, Faenza 1996). La sua produzione teatrale, rappresentata nei teatri di New York, Mosca e Limoges, trasmessa su Radio 3, è ora raccolta nel volume Teatro in dialetto romagnolo (Ed. del Girasole, Ravenna 2003) e in Fiat lux. E’ fat dla Creazion (L’Arcolaio, Forlì 2012) e Anàstasis (L’Arcolaio, Forlì 2013). È oggi uno tra i più autorevoli poeti neodialettali. In poesia ha pubblicato: Par su cont (Coop. Guidarello, Ravenna 1985); Al voi (Longo, Ravenna 1986); Par tot i virs (Campanotto, Udine 1989); A caval dagli ór (Longo, Ravenna 1991); E’ côr int j oc (Ed. Girasole, Ravenna 1994); successivamente raccolte in: Cal parôl fat in ca (Raffaelli, Rimini 2007) e Un zil fent (Il Vicolo, Cesena 2010).

Articolo di aggiornamento: qui

da I sgrafegn

Coma la birena
Me la pêrta falésa
a so de’ tu zarvël
e cvânt ch’a scriv
a so coma la birena ch’la cóva:
a m’sent la févra adös
e e’ bsogna ch’a stëga a lè
e ch’a cuva.

Come la tacchina.// Io sono la parte tocca / del tuo cervello / e quando scrivo / sono come la tacchina che cova: / mi sento la febbre addosso / e bisogna che resti lì / e che covi.

(Visited 10 times, 1 visits today)