Poesia del nostro tempo presenta l’Archivio virtuale de L’Italia a pezzi. Antologia dei poeti italiani in dialetto e in altre lingue minoritarie.

Nadia Cavalera, nata a Galatone (Le) nel 1950, dopo una parentesi a Brindisi, dove ha svolto attività giornalistica in campo prettamente culturale, vive a Modena. Unica poetessa presentata in Terza ondata, che stigmatizza l’avanguardia dell’ultimo Novecento, nelle sue opere ha scritto in latino, americano, dialetto galateo. Ha fondato due riviste: a BrindisiGheminga (1988, 0-3), prima rivista esclusivamente letteraria della città; a Modena, con il poeta Edoardo Sanguineti, Bollettario, quadrimestrale di scrittura e critica, tuttora in corso. In poesia ha pubblicato Amsirutuf: enimma (Tam Tam, 1988), Vita novissima (Bollettariolibri, 1992), Americanata (Bollettariolibri, 1993), Ecce femina (Altri termini, 1994), Brogliasso(Gheminga, 1996), Superrealisticallegoricamente (Fermenti, 2005), Spoesie (Fermenti, 2005), L’astutica ergocratica (Joker, 2011). Ha inoltre pubblicato saggi e raccolte di racconti, e i suoi scritti sono presenti in diverse antologie. Salentudine (Marsilio, 2004) è una raccolta di 103 limerick in dialetto galateo, uno per ogni paese del Salento.

 

da Salentudine (Marsilio, 2004)
Nc’era na kukkuascia ti Coriglianu
ca truò nu dottore intra llu ranu
si lu mese sobbra llu cummò
prima però sotta nu kànciulu si lu fumò,
ghera scurnosa ḍḍa kukkuascia ti Coriglianu.
C’era una civetta di Corigliano / che trovò un dottore nel grano / se lo mise sul comò / prima però sotto un virgulto se lo fumò, / era pudica quella civetta di Corigliano.
 
Nc’era nu tampagnu ti Miscianu
ca a lli lizziuni si istìa ti cappillanu
siminava matosche e mazzate
doppu si la scuntàra li pirazze troppu scazzicate,
cu ḍḍu superchiu tampagnu ti Miscianu.
C’era un coperchio di Miggiano / che all’elezioni si vestiva da cappellano / seminava in aria imprecazioni e mazzate / poi si vendicarono le peracce troppo provocate, / con quell’inutile coperchio di Miggiano.
 

Nc’era lu muragghione ti Muru
ca facìa nttornu tuttu scuru
lu minàra an terra cu buttu ti sangu
ma quiḍḍu furmine zzaccò n’aḍḍu tangu,
ḍḍu muragghione tifaru ti Muru.

 

C’era la muraglia di Muro / che faceva attorno tutto scuro / la fecero crollare sangue buttando / ma quella fulmine! attaccò un altro tango, / quella muraglia acerba di Muro.
(Visited 11 times, 1 visits today)