Poesia del nostro tempo presenta l’Archivio virtuale de L’Italia a pezzi. Antologia dei poeti italiani in dialetto e in altre lingue minoritarie.
Mimmo Borrelli (Napoli, 7 maggio 1979). Attore, poeta, regista, drammaturgo e scrittore. Dall’età di 18 anni lavora nel teatro portando avanti numerose collaborazioni nell’ambiente partenopeo e non (con Franco Branciaroli, Antonio Ferrante, Davide Iodice, e altri), intrecciando queste esperienze con quelle del teatro di strada, dei Pupi napoletani e delle “guarattelle”. Si afferma come autore grazie al Premio “Riccione” dove (unico caso) vince consecutivamente per due volte di fila, 2005 e 2007. Nel 2010 approda alla regia con La Madre: ’i figlie so’ piezze ’i sfaccimma. Collabora in maniera attiva con il Teatro Mercadante Stabile di Napoli, nonché con la sua compagnia “Marina Commedia Società Teatrale”, di cui è presidente e socio fondatore. Nel settembre 2012 apre la stagione del Teatro San Carlo di Napoli con la sua opera-poema “Napucalisse”, per le musiche di Giorgio Battistelli. Sempre nel 2012 è direttore artistico del «Mirabilis Festival», ideato e realizzato dalla compagnia Marina Commedia. La sua opera ’Nzularchia è stata da poco tradotta in Francia da Jean Paul Manganarò (già traduttore di Pirandello, Gadda, Viviani, Carmelo Bene, Testori). Ha vinto il Premio “Tondelli” per la drammaturgia, il Premio “Vittorio Gassman”, il Premio “Antonio Landieri”, il Premio dell’Associazione Nazionale Critici Italiani.
 
da ’A sciaveca
Prologo
’u ppoco ’i vattiggio
(ovvero la risacca, il mare assume in sembianza il suo primo stato
d’animo, adagiando placidamente le sue appendici schiumose sul bagnasciuga)
… ’Nzomma…
La santa “gelopesca” ubicazione,
’a sciaveca …di quest’orrida mattanza,
ll’urtemo sciato asciutto ’i nu purmone
serunto r’ ’u signore cu ’a pacienza,
’mbuttunat’ ’i ’rraggia e spavo ’i malazione
nun puteva ca nunn’essere ’a parvenza
’i nu paisiello ’i mare, cu nu ponte ’mpennenza                                                                    sfriggiato cu ’a semmenza ’nfaccia ’u munno pe’ crianza.
Torrecaveta s’annomma chistu ’mbruoglio,
’int’ ’u lenzulo, senza ’i nu film ’a luce,
… ’i Ddio ca ce vattezzaje senz’uoglio,
ma c’ ’u sanghe ’i chi lle sonammuorto doce!
[…]
Stu paese putrefatto a murzille,
ammurbato ’i tavane e muschille,
ca cu na scella ’a sgherra svulazzano
e cu chell’ata ’u naso s’appilano,
è na darsena cu dduje scartielle:
una ’i tufo, n’ata ’i frattazze.
Guardanne buono, s’apparecchiano a palle,
pecché ’mmiezo c’hanne miso pe’ cazze
na tavula ’i ponte schiata ’ntella,
all’anneto ’i me, pe’ fa’ fronte
alla sottoscritta sberressa ghiacuvella
ca spisso, totte-totto quanne ’u viente
ciuculianneme se mette a punente,
chiazzejo vummechianne mariggiate:
allo’ appiccecate cu ll’acqua saliate,
cu ’a mazzamma cu ’a rena e cu ll’onne
ch’aonnano cazzotte ’i schiumma,
’a sotto ’i rient’ ’i cane r’ ’i paranze,
ma abbastano tre gghiuorne ’i fracetumma
e allargo ’a riva a riso ’mparanze.
Cierti vvote però, quanne m’affaccio
’mbarcone ’i scuoglie, pe’ sott’ ’i pilastre
r’ ’a banchina, pecché acqua chiena faccio:
ra nordassudde veco ’i mmure maistre
’i nu puorto maje ammarato, pecché smuorte
’int’ ’a na cascia-funnale troppo summo,
addo’ ’a ggente s’arrangia a pisca’ sierpe
… no chille ’i terra… e manco chille ’i ciummo.
… ’Nzomma…
’Ncoppe ’u Monte… ’i tufo, spisso ce pitte,
llà addo’ pe’ cimma ’i rape cresceno piante
’i figurine e pungitopo rampicante,
capitelli ’i maccarune, penne, orecchiette;
pe’ sciampagna po’ ce sta ll’acqua ’i mare,
p’antipasto cicarelle e fasulare,
ma chistu pranzo è sazio ’nfantasia
pecché magno sulo ’nziem’ ’a pecundria.
[…]
Chi ve conta stu cunto vattiggie,
“d’ingurdiggia, bramiggia e cupidiggia”,
puruleggia ubiquo senza uggia
cu n’arrembaggio ’i chianto pe’ remiggie…
[…]
’Nzomma!!!
’A terza Alleanza dell’apostasia                                                                                    sparla ’i tre tombe, avente pe’ llastre
’a sciorda gialla ’i n’epidemia
’i culera pe’ dduje frate e nu fratellastre:
’u ruoss’a tutto è Tonino ’u Bbarbone,
’u mezzano è Peppe Scummetiello;
’u primmo è spicato ’int’a ll’ammore,
’u siconto è nu traino prevetiello.
’Mmiezo a lloro s’è misa na figliola…
n’Angela zengara, ch’accussì s’annomma,
mettenno zizzania pe’ sott’ ’i lenzola
r’ ’a fratellanza… poiché danno è la donna.
… Ma ’u guajo cchiù ’nfame mò me l’ero scurdato,
pecché cchiù brutto r’ ’i riebbete ’nzaccoccia:
’u terzo figlio, chillo scapestrato,
ch’appicciaje sta stragge senza miccia,
nunn’è ricanusciuto comme frate,
ma fratellastro… illeggittimo p’ ’u pate…
S’ ’a fa cu dduje cumpare vuocce-vuocce.
Viento ’Mpoppa!! Se chiamma Cinqueseccie!!!
Prologo.// … Insomma… / La santa “gelopesca” ubicazione, / la rete da strascico… di quest’orrida mattanza, / l’ultimo esalato respiro di un polmone / unto di grasso dal signore con pazienza, // farcita di rabbia e tenuta assieme dallo spago della cattiveria, / non poteva che non essere la parvenza seria / di un paesino di mare, con un ponte pencolante, / messo per sfregio, col suo sperma, sul viso del mondo per buona creanza. // Torregaveta prende nome questo intrigo / tra le lenzuola, senza di un film la luce,… / di Dio che ci battezzò senz’olio, / bensì col sangue, di chi suonerà nella banda del suo corteo funebre, dolce! // […] // Questo paese putrefatto a morsetti, / ammorbato da zanzare, moscerini, insetti, / che con un’ala brava di traverso svolazzano / e con l’altra per il puzzo, il naso si turano, // è una darsena con due gibbosità ingobbite: / una di tufo, l’altra un mosaico di pietre indefinite. / Guardando bene, sembrano apparecchiate come due coglioni, / perché nel mezzo ci hanno piazzato come un pene // una tavola da ponteggio distesa subitaneamente, / sulla mia impalcatura marina per far fronte / alla sottoscritta, megera buffonata indisponente, / che spesso, con imprevedibile tempismo, quando il vento
// solleticandomi mi aizza mettendosi di ponente, / metto in scena vomitando mareggiate: / allora mettiti a litigare con le acque salate, / con un’immensità di pesci, la sabbia e le ondate // che t’inondano prospere di cazzotti di schiume, / sotto le chiglie dei pescherecci infestati dai denti di cane, / ma bastano tre giorni di agitato fradiciume / e tutt’insieme allargo la riva ad un sorriso immane. // Alcune volte però, quando mi affaccio / al balcone degli scogli, al di sotto dei pilastri / della banchina perché alta marea faccio: / da nord a sud vedo le mura maestre // di un porto mai ammarato poiché smorto / in una cassa-fondale troppo bassa, poco profonda, / dove la gente si arrangia pescando serpenti / …non quelli di terra… e neanche quelli di fiume. // … Insomma… // Sul Monte… il promontorio di tufo, ci dipingo spesso, / lì dove simili a grosse cime di rapa crescono piante / di fichi d’india e pungitopo rampicante, / capitelli di maccheroni, penne, orecchiette; // per champagne poi c’è l’acqua di mare, / come antipasto cicale di mare e fasolare, / ma questo pranzo è sazio nella mia fantasia / poiché mangio da solo con la mia malinconia. // […] // Colui che vi narra questo racconto tra le sillabe di una risacca, / fatta “d’ingordigia, brama e cupidigia”, / emette dappertutto pus senza uggia / con un arrembaggio di lacrime, come richiamo, per chi i pesci bracca… // […] // Insomma!!! // La terza Alleanza dell’Apostasia / spettegola di tre tombe marmoree, ricoperte da lastre, / lapidi costituite dalla diarrea gialla di un’epidemia / di colera per due fratelli ed un fratellastro: // il più grande di tutti è Tonino il Barbone, / quello di mezzo, il secondogenito è Peppe Schiumetta; / il primo è sfiorito nell’appassire dell’amore, / il secondo è un pretucolo traditore. // Tra di loro ci si è messa una figliuola… / un’Angela zingara, che proprio così si chiama, / mettendo zizzania tra le lenzuola / della fratellanza… poiché danno è la donna che si ama. // Ma il guaio più infame ora l’avevo dimenticato, / perché più brutto dei debiti nella saccoccia: / ovvero il terzo figlio, quello più scapestrato, / che diede fuoco a questa strage pur senza la miccia, // non è riconosciuto come fratello, / bensì come fratellastro… illegittimo per il padre… / Si frequenta con due compari insozzati nella sordida, ingorda lascivia. / Vento in Poppa!! Si chiama Cinqueseppie!!!

(Visited 30 times, 1 visits today)