Mercoledì 25 luglio 2018, in occasione dell’88° anniversario della sua nascita, è in programma al Parco del Cardeto “Franco Scataglini” un’escursione poetica dedicata al grande poeta anconetano (25 luglio 1930 – 28 agosto 1994).
A organizzarla, con il patrocinio del Comune di Ancona, il contributo della Regione Marche e la collaborazione di Forestalp, è Nie Wiem, casa editrice che coedita con Midnight la rivista online Poesia del nostro tempo.
Durante la passeggiata, che inizia alle ore 18 davanti a Villarey e si conclude alle ore 20 all’antico Faro in cima al Parco del Cardeto, una guida di Forestalp illustrerà le bellezze naturalistiche e storiche della zona, mentre i poeti Sarah Di Piero, Francesca Gironi, Lucidi, Susy Neri, Natalia Paci e Luigi Socci leggeranno poesie di Scataglini, coordinati da Valerio Cuccaroni. Alle ore 22, dopo la cena al FARgO, è in programma un pj set di luigisocci: una miscela poetico-musicale con le voci di Scataglini e altri grandi poeti del Novecento mixate a brani di musica contemporanea. Info e prenotazioni: 3201830461.

Di seguito una silloge delle poesie di Scataglini, tappa per tappa.

Escursione poetica in memoria di Franco Scataglini
88° anniversario della nascita

Parco del Cardeto (Ancona)
mercoledì 25 luglio 2018

organizzazione: Nie Wiem
in collaborazione con: Forestalp
con il patrocinio di: Comune di Ancona
con il contributo di: Regione Marche

PRIMA TAPPA: ORTO SULLE SCALE

M’hai lasciato un giadi’
(da E per un frutto piace tutto un orto)

C’è chi lascia un poema
e chi non lascia niente
perché esse muto è ’l tema
de vive, in tanta gente.

Però te m’hai inganato,
vechio, e pe’ non morì
muto com’eri stato,
m’hai lasciato un giardì.

Chi ha capito ’l mondo

In ’sta via c’è ’l rialzo
de ’n orticello tondo:
ce ’riva solo ’l balzo
de chi ha capito el mondo.

Mezo a ’na verde cova
splende la dalia gialla:
ce ’riva, senza prova,
chi non cià peso in spalla.

SECONDA TAPPA: FONTANA E ALBERO TRISTE

El tuo remoto fondo

Dòna che sei sovrana
d’un mondo che no’ esiste,
io so’ ’n arboro triste
’nt’un spechio de fontana.

El tuo remoto fondo
è dietro la mia imagine.
Io so’ ’l ciglio del mondo
e te sei la voragine.

TERZA TAPPA: DAVANTI EX FABBRICA “LAVORARE IN SILENZIO CON DEDIZIONE”

Mirko
(dalla sezione Laudario in Rimario agontano)

– Mirko – benzinareto
sortito for dal banco
de gerba scola
e’ neto
el parabreza, bianco.

Quindicianni costreti
da ‘na tuta: lavori.
Cosi’ dietro a le reti
vedrai smuri’ i culori

del mondo eternamente
(spuserai
avrai fioli
tuto sarà per niente)

QUARTA TAPPA: SPIAZZO PRIMA DELLA SALITA PER IL CIMITERO

Boscheto de collina
(da E per un frutto piace tutto un orto)

Boscheto de collina
’ndò la sera s’adensa.
I arbori a cosa pensa
chiusi ’n sé la brina?

Pensa a le cicatrici
del tronco, ndò era i geti,
o in fondo a le radici
i sui novi progeti?

O come facio io,
chiuso ne la mia pelle,
pènsane al loro dio
come a ’n ramo de stelle?

QUINTA TAPPA: AL CIMITERO DEGLI EBREI

[O cita’, crucifisse]
(da Carta laniena)

O cità, crucifisse
a ochi de poeta
estragne case, in seta
(come chi se confisse

da bregno siderale
su marciapiede cupo)
va i àngioli a lo sciupo
senza resiste.
Vale

come nodo scursore
che stròza la parola
al nasce scura in gola
(però senza dulore)

ogni lògo.
Ah le bare
vòte, de nisciun evo,
del cimitero abrevo
portato via dal mare

SESTA TAPPA: SOTTO LE MURA

Voce senza figura

In ’sta conca de vechi
muri de cità scura,
chi te porta ai orechi,
voce senza figura?

Chi ’n cor mio te fa drita
come punta de chiodo,
in ’sta carne ferita
chi me t’ha fato nodo?

Hai puntato ’na rosa
(da So’ rimaso la spina)

Hai puntato ‘na rosa
roscia de sopra el core.
Mai se vide ‘sta cosa,
sopra el vulcano el fiore.

SETTIMA TAPPA: DAVANTI AI PITOSFORI

I pitosfori in fiore
(da So’ rimaso la spina)

Pei viali de cità
romba le voie in moto
le fiole ciàne soto
un fogo da stignà.

Se sente dal mattino
l’andazo de l’amore
i pitosfori in fiore
udora de casino.

OTTAVA TAPPA: CANCELLO E SEGNALI STRADALI LUNGO SALITA FARO

Io so’ un pedo’ che bada
(da E per un frutto piace tutto un orto)

L’aria è sopra la strada
colore de lillà.
Io so’ un pedò, che bada
a non andà più ’n là.

M’ha seminato ’l vento
in tra le mura antighe:
un arboro me sento
qui davanti a ’ste righe.

NONA TAPPA: VEDUTA MARE

So’ come un viagiatore

’Nte ’sta freda matina,
la nebia copre ’l molo.
So’ ’n’ombra che camina:
l’ombra d’un omo solo.

Me ’compagna el rumore
sordo de l’onda grave.
So’ come un viagiatore
che ha perso la sua nave.

Paganelli
(da Carta laniena)

Per una dose in treno,
direto o acelerato,
disse, fui lusingato
dal vede ‘nt’un baleno

de fiori moli e gonfi
fori dal finestri’
una cita’ giardi’
e volsi in mezo ai tonfi

de le rote sui sgambi
cala’ giu’ de vetura:
l’acido e’ ‘na sventura
proprio p’i sogni strambi.

Un rinvio d’incidente
se un giorno a l’improviso
p’un altro paradiso
fiorito e inesistente

(con el cappelo nero
de falda larga e trista
pareva ‘n crocerista
fermo a l’imbarcadero

de Caronte, pero’
senza rabia o alterigia
e ‘l gran crine cinigia
da Ginsberg fricheto’)

casco’ da ‘n piano quinto
de palazo agontano
in camigioto indiano,
vero da l’esse finto.

DECIMA TAPPA: SOTTO FARO VISTA SAN CIRIACO E PORTO

San Ciriaco
(da Rimario agontano)

Sul sasso de la volpe
(el più ladro animale –
denti guzi de colpe),
antiga cathedrale

– bastimento terestre
’mbrancigato a la pietra
c’un destì de ginestre
a le radici impetra –

non ciài róta né porto,
non ciài stella polare,
el tuo nochiere è un morto
scarcato qui dal mare,

epur sei l’arca viva
c’ha traghetato el mondo
for de la vechia riva
de l’ergastolo tondo,

e lòngo i muri lisci
sbatendo i corni e l’ali
de realtà avampisci
le bestie perpetuali.

Sui dó arbori primi
’ndò se quatò el serpente,
o chiesa mia che rimi
con l’onda de l’oriente,

hai spaso l’universo
– esto careto vòto
c’a caretiere perso
va rotolando imoto.

El fadigà cristiano
che mile mà fa a ghiomo
te scavò com ’n scrano
pel dio fàtose omo

che framezo el rimbombo
del mar che non cià lògo
sta come cicio in bombo
e come luta in fògo
…………………………

Carcere demolito
(da So’ rimaso la spina)

[…]
3.
Io so che ’na buiosa
è tuto ’l vive d’omo
però guardo sul domo
volà i cucali rosa.

Arisalì la rupe
tremenda del cagò
’ndove ingozò un papò
de pesci e d’acque cupe.

Zompati oltre le merde
de la necesità
va de soavità
incontro al mare verde

e grida de sarcasmo
contro chi ’rmane avinto
drento ’l suo labirinto
de paura e d’orgasmo.

Pudéssimo andà sciolti
(no solo in sepoltura)
da colpe e da catura
’ndò ce semo rinvolti.

Sopra el nuvolo erto
sempre ’l spazio è infinito.
Carcere demolito,
al principio è ’l deserto.


Franco Scataglini è nato ad Ancona nel 1930 ed è morto a Numana nel 1994. Nel 1950 pubblica la sua prima raccolta di poesie (Echi, ATA, Ancona). Dopo vent’anni di silenzio, torna a pubblicare nel 1973: si tratta di E per un frutto piace tutto un orto (Astrogallo, Ancona), il suo primo libro dialettale. Del 1977 è So’ rimaso la spina (Astrogallo, Ancona). Nel 1982 è la volta di Carta laniena (Residenza, Ancona). Cinque anni dopo Scataglini pubblica un’antologia delle sue precedenti raccolte, Rimario agontano (Scheiwiller, Milano 1987). La rosa, rifacimento del poema medievale Le roman de la rose, esce nel 1992 per Einaudi. E nel 1994, postumo, viene pubblicato il poema autobiografico El sol (Mondadori, Milano).
Più ampie informazioni, e alcuni testi in prosa e in poesia di Scataglini, si possono trovare nel sito www.scataglini.it.

Il ritratto di Scataglini con il leone di San Ciriaco è di Gianni Berengo Gardin.

(Visited 66 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *