da El silensi d’i föj druâ

*

Una stansa culur de gess, cartun e vernîs
‘mubiliada cui stasiun d’i memori e futugrafì
umber d’i lüs che passen tajen la cùa
ai inferiâ, quadrett del mund d’un Wittgenstein
sconusû, pers, lassa scapà, svelt ‘me i estâ.

Emm culurà anca nümm la nott cui scacchi del neon
entrà cui far de na quaj Punto denter’i noster loft
pensiun giujn due el fresch el sta per galera
e se sta ben anca inscì, sensa un tütt de intênd.

I fümm del silensi respiren pulver e ragnadel
e se miscen svelt a torba e mangià de lettiera.

Una stanza colorata di gesso, cartone e vernice / ammobiliata con le stazioni di ricordi e fotografie / ombre di luci che passano tagliano la coda / alle inferiate, quadrati di mondo di un Wittgenstein / sconosciuto, perso, lasciato scappare, veloce come le estati. / Abbiamo colorato anche noi la notte con gli scacchi del neon / entrati coi fari di qualche Punto dentro i nostri loft / pensioni giovani dove stare al fresco vuol dir prigione / e si sta bene così, senza un tutto da comprendere. / I fumi del silenzio respirano polvere e ragnatele / e si mischiano svelti a torba e a cibo da lettiera.

*

Ghènn i crèm per tegnì luntan la mort
e i medesin per culurà de gess
el mür due tacum i pensè pusè vûnc.
L’udur del cancher di gent l’è el silensi
de l’anima che la vusa
nel fienil de la cusciensa
e nei sò armadi la se trova
cun t-shirt semper növ de pàca.

Ghèmm la pell bele cunsümada
‘m’i punt di matit druâ
ma a scriv cun che la china chi
ghè dumà el cursiv di estâ passà
cume tüti i stori che sèmm faj de nüm
e de tüt quel che ghemm de bel de dì,
al sicür dai alter e dal sû che’l vegn sü.

Ci sono le creme per tenere lontana la morte / e le medicine per colorare di gesso / il muro dove attacchiamo i pensieri più sporchi. / L’odore del cancro delle genti è il silenzio / dell’anima che urla nel fienile della coscienza/ e nei suoi armadi si trova / con t-shirt sempre nuove di pacca. / Abbiamo la pelle già consumata / come le punte delle matite usate / ma a scrivere con questa china / c’è solo il corsivo delle estati passate / come tutte le storie che ci siamo fatti di noi / e di tutto quello che di bello abbiamo da dire, / al sicuro dagli altri e dal sole che vien su.

*

Me sunn stremì e disi che rièssi nò a parlà
intant che sbroffi amò paròl pusè inutil:
mar sensa sal, me’nalter bicèr vöj
e nissüna butiglia che la rîd de fianc.

Me sunn stremî ma riessi nò a fermàss
e intant sbroffi amò parol sensa nagott
brüsi pensè de legn ne la stufa giò in cantina
forse solo per scaldàss’ e sentì de vess a cà.

Süti a martelà giò ciod süi paròl
per inciùdaj li e lassai no scapà,
fissaj li me futugrafî süi mür del silensi

e anca se vören vulà via jènn amò lì
che spèten e i me guarden cu’i öcc
de la nustalgìa, che me fann amò stremì.

Mi sono spaventato e dico di non riuscire a parlare / intanto che sbuffo ancora parole più inutili: / un mare senza sale, un altro bicchiere vuoto / e nessuna bottiglia ridere di fianco. / Mi sono spaventato ma non riesco a fermarmi / e intanto sbuffo ancora parole senza niente / brucio pensieri di legno nella stufa in cantina / forse solo per scaldarmi e sentire d’essere a casa. / Continuo a martellare giù chiodi sui parole / per inchiodarle lì e non permettergli di scappare, / fissarli lì come fotografie sulle pareti del silenzio / e anche se vogliono volare via sono ancora lì / che aspettano e mi guardano con gli occhi / della nostalgia, che continuano a farmi paura.

Davide Romagnoli, 29 anni, milanese. Insegna letteratura in una scuola privata superiore. Oltre a scrivere poesia, compone musica e scrive per il cinema. Ha pubblicato nel 2018 El silensi d’i föj druâ, per Marco Saya Edizioni, raccolta di poesie in dialetto milanese, e, più in particolare, quello che si parla (si parlava) nei paesi a sud-est della città.

(Visited 63 times, 9 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *