Poesia del nostro tempo presenta l’Archivio virtuale de L’Italia a pezzi. Antologia dei poeti italiani in dialetto e in altre lingue minoritarie.
Maurizio Noris, di Comenduno – Albino (BG). Nato nel 1957. Libero professionista, formatore e promotore socioculturale nel contesto delle professioni sociali e delle politiche giovanili. Scrive poesie nel dialetto della media Valle Seriana. Nel gennaio
2001 pubblica Santì (TeraMata, Bergamo) libro artigiano di poesie dialettali con l’artista grafico I. Castelli. Ha poi pubblicato Dialet De Nòcc D’amùr (Cofine, Roma 2008); la plaquette Us de ruch (TeraMata, Bergamo 2009); la raccolta Us de ruch (LietoColle, Faloppio 2010); le piccole raccolte Angei (Fiori di Torchio, Seregno 2012) e Zögadùr (TeraMata, Bergamo 2012). Ha curato con P. Marelli l’antologia Guardando per terra. Voci della poesia contemporanea in dialetto (Lietocolle, Faloppio 2011). È presente con i suoi testi in antologie e riviste e ha ricevuto numerosi riconoscimenti.
 
da Santì
Contadì cantùr
Ölerèss
che i piö vècc de nóter
i föss rondène che sfibra,
s-cetine,
’sta noéna
d’estàt.
(Udùr de èrba che sóra,
sóta stó cél de prat)
Öna cansù
la delima paròle rösnete,
ma la tò us l’è ariùsa de pórtech
desligàda
che
và.
Se ta pènse cantùr,
’n di öcc,
a la fì,
no l’ ma rèsta
che ’l pà.
Contadino cantore.// Vorrei / che i più vecchi di noi / fossero rondini che sfibrano, / bambine, / questa novena / d’estate. // (Odore d’erba che arieggia / sotto questo cielo di prato) // Una canzone / consuma parole arrugginite / ma la tua voce è ariosa di portico / slegata / che / va. // Se ti penso cantore, / negli occhi, / alla fine, / non mi resta / che il pane.

(Visited 16 times, 1 visits today)