Poesia del nostro tempo presenta l’Archivio virtuale de L’Italia a pezzi. Antologia dei poeti italiani in dialetto e in altre lingue minoritarie.
Maurizio Benedetti è nato a Berna nel 1968 e vive ad Ara Grande (Tricesimo, UD). È direttore artistico del Festival di poesia “PoetARE” di Tricesimo. Ha pubblicato: Lontano da chi ascolta (Sottomondo, Gorizia 2006); So distruggere il mio dio (Sottomondo, Gorizia 2008); Bionda salamandra e altre poesie (Kappa Vu, Udine 2010).
 
Bulos di paîs
E fasevin dispiets
e cjolevin pal cûl, e ufindevin
e dopo e disevin:
“La prossime che tu fasis
tu âs finît par simpri”.
Nol ere tant temp che ere
muarte me mari,
che mi vevin menât
parfin tal simitieri
a fâ la prove di coragjo
cul mostro Cernazai.
Cumò co ai cuarant’ains
mi metarès a ridi
ma in chê volte o eri
frut e no capivi.
Usât a sei colpevul
dal cancar di mê mari, fossial
stât nome chel…
Par dî la veretât
o eri trascurât e o fasevi
el stupidel par vê un pocje
di atension, un estro
di cjatâ o par dismenteâ
e la int ûr crodeve
co fos io el menoât
e ur crôt ancie cumò.
Però, insomp de storie
cun dute che borie
ce sono deventâts?
Bulli di paese.// Facevano dispetti / prendevano in giro, offendevano / e dopo dicevano: / “La prossima che fai qualcosa / hai finito per sempre.” // Non era tanto tempo che era / morta mia madre, / che mi avevano portato / perfino in cimitero / a fare la prova di coraggio / col mostro Cernazai. // Adesso che ho quarant’anni / mi metterei a ridere, / ma quella volta ero / solo un ragazzo e non capivo. / Abituato a essere colpevole / del cancro di mia madre, e fosse // stato solo quello… // Per dir la verità / ero trascurato e facevo / lo scemo / per avere un po’ di attenzione, un estro / da trovare, o per dimenticare / e la gente gli credeva / che fossi io il deficiente / e gli crede anche adesso. // Però, in fondo a questa storia / con tutta quella boria // cosa sono diventati?

(Visited 4 times, 1 visits today)