Poesia del nostro tempo presenta l’Archivio virtuale de L’Italia a pezzi. Antologia dei poeti italiani in dialetto e in altre lingue minoritarie.
Mario Mastrangelo è nato a Salerno nel 1946. Insegnante in pensione, scrive da sempre nel dialetto della sua città natale. Ha pubblicato i seguenti volumi di versi: ’E penziere r’ ’a notte, I pensieri della notte (Palladio, Salerno 1992); ’E teraturer’ ’a mente, I cassetti della mente (Ripostes, Roma-Salerno 1994); ’E ttegole r’ ’o core, Le tegole del cuore (Ripostes, Roma-Salerno 1997); ’O cuttone cu ’a vocca, Il cotone con la bocca (Ripostes, Roma-Salerno 2000); Addó ’e lume e ’i silenzie, Dove i lumi e i silenzi (Ripostes, Roma-Salerno 2004); Si pe’ piacere appena appena parle, Se per piacere appena appena parli (Prova d’Autore, Catania 2007); Nisciuna voce, Nessuna voce (Raffaelli, Rimini 2011).
 
da Nisciuna voce
Nisciuna voce
Niente, rint’ ô silenzio c’arravoglia
sta storia tója nun riésce a sentì niente,
nisciuna voce, parluttìo, bisbiglio
c’ ’a sustanza sulenne ’e l’infinito
te sape fà capisce. A tte vicino
nun vene meludia lenta ’e canzone
ca te rice ca staje
rint’ ô cuorpo ’e vertiggine r’ ’o ttutto,
nun te vene a succorre na parola,
capace ’e scorre com’a ssango o sciumo
nzieme a ’e segrete ca vò fà sapé.
Siente sulo maligna na resata.
E capisce che penza ’a vita ’e te.
Nessuna voce.// Niente, dentro il silenzio che avvolge / la tua storia non riesci a sentir niente, / nessuna voce, parlottio, bisbiglio / che la sostanza solenne dell’infinito / sappia farti capire. Non ti viene / vicino melodia di canzone / che ti dica che stai / nel corpo di vertigine del tutto, / non viene ad aiutarti una parola, / capace di scorrere come sangue o fiume, / assieme ai segreti che vuol far sapere. / Senti solo maligna una risata. / E capisci cosa pensa la vita di te.

(Visited 13 times, 1 visits today)