Poesia del nostro tempo presenta l’Archivio virtuale de L’Italia a pezzi. Antologia dei poeti italiani in dialetto e in altre lingue minoritarie.

Marino Monti è nato a San Zeno di Galeata (Forlì) nel 1946, e vive a Forlì, dove si è diplomato all’Istituto Tecnico Industriale. Autodidatta, studioso di tradizioni romagnole, suoi scritti figurano nelle principali riviste neodialettali: «La Ludla», «La Piè», «Origini», e su «Il parlar franco» (nota di M. Cohen, n. 7, anno VII, 2007). Ha pubblicato i seguenti volumi di poesia: E’ bat l’ora de’ temp (La Mandragora, Imola 1998); A l’ombra di dé (La Mandragora, Imola 2001); L’Ânma dla tëra (La Mandragora, Imola 2004); Int e’ rispir dla sera (La Mandragora, Imola 2007); Stasón, Stagioni. Poesie in dialetto romagnolo (Pazzini, Villa Verucchio 2010), Premio “Salvo Basso” 2012; Poesia di Romagna, poesie in dialetto romagnolo tradotte in portoghese (traduzione in portoghese di C. Ferreira, Pazzini, Villa Verucchio 2012); Int e’ zét dal mi calér (Interlinea, Novara 2014).

da L’ânma dla tëra

Insdé
Insdé
tot du
insén
int e’ scalén
dla pôrta.
Guardé luntân
int e’ zet de’ dé
aspitend
la sera.

Seduti.// Seduti / tutti e due / insieme / sullo scalino / della porta. / Guardare lontano / nel silenzio del giorno / aspettando / la sera.

Articolo di aggiornamento: qui

(Visited 16 times, 1 visits today)