Poesia del nostro tempo presenta l’Archivio virtuale de L’Italia a pezzi. Antologia dei poeti italiani in dialetto e in altre lingue minoritarie.

Mariano Bàino è nato a Napoli nel 1953. E’ stato tra i fondatori, nei primi anni ’90, della rivista “Baldus” e del Gruppo 93. Ha pubblicato in poesia: Camera Iperbarica, uscita presso le edizioni di “Tam Tam”, 1983, legate all’omonima rivista di Adriano Spatola; Fax giallo, uscito nel 1993 per una edizione limitata “Il Laboratorio” di Nola, e riproposto nel 2001 dalla Casa Editrice Zona (Rapallo), con postfazione di Gabriele Frasca;Ônne ‘e terra, uscito nel 1994, per le edizioni Pironti (Napoli) e poi rielaborato e ristampato per la Casa Editrice Zona, esattamente 10 anni dopo; Pinocchio (moviole), Manni, Lecce, 2000, con prefazione di Francesco Leonetti; Sparigli marsigliesi, in novanta esemplari numerati e firmati, presso le edizioni d’arte “Il laboratorio” di Nola, 2002 (II edizione, D’If , Napoli, 2003); Amarellimerick, Ed. Oedipus, Salerno, 2003. Del 2004 è Le anatre di ghiaccio, Ed. l’ancora del mediterraneo (Napoli), che riunisce aforismi, prosette, microracconti. Nel 2008 esce il suo primo romanzo, intitolato L’Uomo avanzato (edizioni Le Lettere, Firenze), con postfazione di Remo Ceserani.
da ÔNNE ’E TERRA
dalla sezione Vrenzole
diavolo a molla ’orilorgio
ce ’uarda (tu, amirósa, ll’ardenza
e ’a vesta a furmene arrecuóglie)
: sguiglia ’nu cientarme
d’’a tonaca affatata
diavolo a molla l’orologio/ ci guarda (tu, amante, la passione/ e la veste a fulmine raccogli)/ :sguscia un gendarme/ dall’intonaco fatato
scufanate (tu ’ncopp’’ o tréppete,
io’ncopp’a mme), ce ne dicimmo
stroppole: te spio si è scura o chiara
’a lóta ca ce ’nchiacca: me spie
si só ggialluóteco cu ll’ati pappavalle
accasciati (tu sul trespolo,/ io su di me), ci raccontiamo/ sciocchezze: ti chiedo se è scuro o chiaro/ il fango che c’inzacchera: mi chiedi/ se sono acido con gli altri pappagalli
(Visited 3 times, 1 visits today)