Poesia del nostro tempo presenta l’Archivio virtuale de L’Italia a pezzi. Antologia dei poeti italiani in dialetto e in altre lingue minoritarie.
Maria Lenti è nata nel 1941 a Urbino, dove vive. Docente di lettere fino al 1994, anno in cui è stata eletta parlamentare per il partito di Rifondazione Comunista, impegno continuato fino al 2001. Autrice di numerosi saggi, recensioni e interventi di letteratura, arte, cinema e politica, dal 1976 è presente in volumi collettanei, in riviste e su quotidiani. I saggi di tenore politico e culturale sono raccolti in Effetto giorno (Ediland, San Benedetto del Tronto 2012); quelli sui poeti dialettali in Cartografie neodialettali (Pazzini, Villa Verucchio 2014). Lunga l’esperienza di lezioni e seminari di lingua, letteratura, cultura italiana con studenti stranieri, in Italia e all’estero. Ha pubblicato due volumi di prose, due studi monografici (cinema e resistenza; poeti latini e vino) e, in poesia: Un altro tempo (Rebellato, Padova 1972); Albero e foglia (Forum/Quinta Generazione, Forlì 1982); Sinopia per appunti (Tracce, Pescara 1997); Versi alfabetici (Quattroventi, Urbino 2004); Il gatto nell’armadio (Fara, Santarcangelo 2005); Cambio di luci (Canalini & Santoni, Ancona 2009). Sulla sua poesia il regista Lucilio Santoni ha realizzato nel 2002 il video A lungo ragionarne insieme. Un viaggio con Maria Lenti.
 
da Cambio di luci
Storia mia de me
Da pcina propri pcina la lagna “fa’ la brava”
m’intronava per via che era morta la mi mama
e io er armasta com ’na pulcina
– sal sal sol tla testa.
I fratei le sorelle poco più che implumi
el mi ba, i mi parent, j’ amich di mia,
la comunanza vera di quegli anni,
han fatt per me quel ch’han potut (el massim
dic adess che un po’ le rob le cnosc).
Via via qualca pessa l’ho tacata anch’io:
so’ dventata granda sensa i dann chi gross
me so’ innamorata più d’ ‘na volta
ho lavrat ho insegnat studio ancora
facc politica (me piac se cambia el mond –
per chi sta pegg – in mei).
Bona o trista, chisà. Le pretes
su me sulla mia mente sul mio corpo
j’ho mandat prest t’un chel paes
mentr’ho tenut la primavera tle mi ven
tel cor che batt e arbatt i bei pensier e i brutt.
“Te, c’è sempre j’occh sereni.
E’ da essa nata sa la camicia”,
me dichen quand m’incontren.
(C’han voja da schersè, d’ironizzare,
così non saprò mai chi sono per loro.
O c’han ragion su quest?
Vest sempre sa la camicetta de coton,
bianca più spess:
d’inverne me salva el cald sott’ a la maja
me tien fresc d’estat).
O pur – rincarne la dòs – è fatt granata para
sa la vitta”.
Lunga la mi storia corta la lor memoria
sto sitta mez ridend mo i guard fiss …
…Tla lor cucchia mama e babo c’aveven mess
l’annima e l’intension cla bona
per fè gì tutt per el su vers
e non sùbit dentra t’na tragedia
che ’n s’arconta manca.
El cont de cla scalanca grossa
e de tutt chi atre benedetti inciampament anca d’ogg
en el dmand più da un pess.
M’a chi chiedle? e perché?
Che la somma en è mai tonda, el so ben ben.
E po’ me trov dle volt contenta ’na gran mucchia
t’un ste vent a fe’ tutt i sant giorne la mi part
da ’n cant
– quand s’alsa ’l sol.

(Visited 11 times, 1 visits today)