Poesia del nostro tempo presenta l’Archivio virtuale de L’Italia a pezzi. Antologia dei poeti italiani in dialetto e in altre lingue minoritarie.
Luciano Cecchinel è nato a Revine-Lago (Treviso), ove risiede, nel 1947. Già insegnante di materie letterarie, ha pubblicato articoli e studi sulle tradizioni popolari e ha raccolto i suoi versi in Al tràgol jért. L’erta strada da strascino. Poesie venete 1972-1992 (Scheiwiller, Milano 1998), Lungo la traccia (Einaudi, Torino 2005), Perché ancora / Pourquoi encore (Istituto per la Storia del Resistenza di Vittorio Veneto 2005, con traduzione di M. Rueff), Parole residue (1989-2005) (Quaderni delle Grafiche Fioroni, Casette d’Ete 2006), Le voci di Bardiaga (Il Ponte del Sale, Rovigo 2008), parlar cròt (parlare malato) (a cura di M. Vercesi, Tipografia L’Artigiana, Siena 2009), Sanjut de stran (Marsilio, Venezia 2011) e Poesie (Damocle Edizioni, Venezia 2012). (Julian Zhara)
 
da Sanjut de stran
na lus malada de onbrìa
fa co le sgnare a ’n parfun che ’l se sdefa
trarghe de òlta
a na lus malada de onbrìa,
girarghe torno fa oltadi via
no poder capir o no oler
che l’è ’n barlumimènt
che ’l torna a zignar in cao tant
te ’n canton sbaldì de la mènt
fa nòtoi strigadi snaśar
sol che aria mòrta e scura,
mati da la goja e da la paura
del zei stret par ndar fòra
una luce malata d’ombra.// come con le narici a un profumo che si sfa/ cercare di ghermire all’improvviso / una luce malata d’ombra, / girarle attorno come impazziti // non poter capire o non volerlo / che è un barbaglio / che riprende ad ammiccare in capo a tanto / in un canto sformato della mente // come pipistrelli stregati odorare / solo aria morta e scura, / folli per la voglia e per la paura / del ciglio stretto per uscire

(Visited 14 times, 1 visits today)