da La stasòun dagli amòuri biénchi (Carta Canta 2014)

La stasòun dagli amòuri biénchi

U n’è mai l’òura
par i treni ch’i n s’férma.
Ma néun i s’à zcórd
te mèz dla campàgna
a zcòr m’i giraséul ch’i piénz.
 Énca
se u n gnè piò pgnùl da zachè a i péns
da spès
ma la stasòun dagli amòuri biénchi e
al so ch’al chésca da par lòu
da la disperaziòun.

La stagione delle more bianche. Non è mai l’ora giusta / per i treni che non fermano. / Ci hanno dimenticati
 / in mezzo alla campagna
 / a confortare i girasoli che piangono.
 Anche / se non ci sono più pinoli da schiacciare ci penso / spesso alla stagione delle more bianche e / lo so che cadono da sole
 / per la disperazione.

Turnè a pansès

L’è bèl turnè a pansè
s
dop ch’ u s’è stè dalòngh una màsa.
T ci l’órt
e’ mi zardòin
 e’
mi campsènt
du fóil d’érba tra i sas.

Tornare a pensarsi. È bello tornare a pensarsi / 
dopo essere stati lontani per molto tempo. / Sei l’orto / 
il mio giardino / 
il mio cimitero / due fili d’erba in mezzo ai sassi.

Èli e ràdghi

A t’ò niné
fin a fèt indurmantè
èli e ràdghi a l s’è invrucédi.
E t’una nòta pursì
da la nèbia l’è scap fùra
un pésgh in fiòur.

Ali e radici. Ti ho cullato / 
fino a farti addormentare / 
ali e radici si sono intrecciate. / E in una notte qualunque / dalla nebbia è spuntato / 
un pesco in fiore.

Annalisa Teodorani, nata a Rimini nel 1978, risiede a Santarcangelo di Romagna (RN). Ha pubblicato quattro libri di poesia in dialetto santarcangiolese: Par sénza gnént (Rimini, Luisè 1999); La chèrta da zugh. La carta da gioco (Il Ponte Vecchio, Cesena 2004); Sòta la guaza. Sotto la rugiada (Il Ponte Vecchio, Cesena 2010, 2013) e La stazòun degli amòuri biénchi (Cartacanta, Forlì 2014). È compresa nel saggio di Pietro Civitareale Poeti in romagnolo del secondo Novecento (La Mandragora, Imola 2005), e nell’antologia omonima uscita del 2006 per le Edizioni Cofine di Roma. È inserita nel Dizionario dei poeti romagnoli del Novecento (a cura di G. Fucci, Pazzini, Villa Verucchio 2006) e nell’antologia Poets from Romagna (a cura di G. Bellosi, traduzioni in inglese di A. Bianchi, J. Fortune e S. Siviero, Cinnamon Press, Blenaug Fflestiniog -U.K.- 2013).

(Visited 188 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *