da Dialettututtu (Edizioni Cofine 2014)

Cc’è na lingua mmulata ’i friscu,
quannu sciuscia ventu e tempuscura
ammogghia filastrocchi ê carzarati.

Ccà, ham’a rristari ccà!

Cci su’ rradichi zzuccuna
(prima âva dittu na minchiata)
ca mancu fesi, erfici
e patriamuri a puzzuni
ponu scippari.

C’è una lingua affilata di fresco [di recente], / quando soffia vento e temposcura / avvolge filastrocche ai carcerati. // Qua, dobbiamo restare qua! // Ci sono radici grossi ceppi / (prima avevo detto una minchiata) / che neppure beccastrino [piccone], erpici / e padreamore a capo chino / possono strappare [estirpare].

***

Vincisti tu, allargu i vrazza, m’arrennu,
vincisti tu, vita, tu, morti, tu ddiu
o chiddu casissì.
Sulu ppi curiusità: era na guerra,
’n gnocu, na scummissa?

Hai vinto tu, allargo le braccia, mi arrendo, / hai vinto tu, vita, tu, morte, tu dio / o chiunque [qualunque cosa] tu sia. / Solo per curiosità: era una guerra, / un gioco, una scommessa?

***

Cci fu ’n tempu ca i figghi
scutavunu a patri e matri
(tempu di sempri e mai,
di testa e senzatesta).

Jù nô scutai a nuddu
e vosi ppifforza
mpastari paroli e vita
facennu na casa di cartavitrulina
scummigghiata, senza porti.

Tu, nô scutari a mmia
quannu chiovi e ti cumannu
di trasir’a casa. Scutimi
su ti dicu c’a i paroli
nun su’ vita, ’a vita
è tutta dintra na manu
di cimentu e quacina.

Ci fu un tempo che i figli / davano ascolto a padre e madre / (tempo di sempre e mai, / di testa e senza testa). // Io non diedi ascolto a nessuno / e volli per forza [ostinatamente] / impastare parole e vita / facendo una casa di ‘cartavetrolina’ [cartavetrata e carta velo] / scoperchiata, senza porte. // Tu, non ascoltare me / quando piove e ti comando / di entrare a casa. Ascoltami / se ti dico che le parole / non sono vita, la vita / è tutta dentro una mano / di cemento e calce.

Giuseppe Samperi è nato nel 1969 a Catania e vive tra Castel di Iudica e Faenza. Ha pubblicato poesia in dialetto: Sarmenti scattiati (Prova d’Autore, Catania, 1999), Aria sbintata (Prova d’Autore, Catania, 2002), e in lingua: Il miliardesimo maratoneta (Edizioni del Calatino, Castel di Iudica, 2011), L’ora mora del giorno (Edizioni novecento, Mascalucia, 2018). Nel 2003 pubblica una raccolta di prose, aforismi, versi, Alice dell’Amore (Prova d’Autore, Catania). Nel 2012 esordisce in narrativa con un ebook che raccoglie i racconti giovanili e le prose più recenti, La bottega del non fare & altri racconti (Edizioni del Calatino, Castel di Iudica). Nel 2014 esce la raccolta di poesie in catanese di Dialettututtu.

(Visited 62 times, 1 visits today)

1 Comment

  1. giuseppe s. 06/12/2018 at 8:04 pm

    Grazie per l’inaspettato, quindi ancora più gradito, post.

    Reply

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *