Poesia del nostro tempo presenta l’Archivio virtuale de L’Italia a pezzi. Antologia dei poeti italiani in dialetto e in altre lingue minoritarie.

Giuseppe Bellosi è nato nel 1954 a Maiano Nuovo di Fusignano (Ravenna) dove vive. Impiegato presso la Biblioteca comunale “C. Piancastelli” di Fusignano, ha contribuito con numerose pubblicazioni specialistiche alla documentazione ed allo studio del folclore e della letteratura dialettale della Romagna, affiancando a tale attività la ricerca poetica in dialetto. Collabora con diverse riviste, fra le quali “Il lettore di provincia”, “Tratti”, “Cartolaria”, “La Piê”. Ha pubblicato: D’int al tër (Lugo, 1973); Al foi di bdol (Lugo, 1974); I segn. Puisèj in rumagnól (Ravenna, 1980); E’ paradis. (Faenza 1992; con una letturadi L. Melandri); L’invéran (Lugo 1993; Bur, Venezia 2001, che recupera la raccolta precedente).
 
da I Segn
I scurs
S-cidês tot al matèn
a fê dal ciacar cun la tësta pésa,
nench s’t’an sé brisa in dό,
e’ pöst una conta gnit: l’è sèmpr invèl.
S’a fos bon d’infilêr un scόrs ciumpì
at cuntarèb un fat ch’e’ dura un dè,
mo a j ò dal parôl stachi òna da cl’êtra,
s-ciantêdi ins un töch d’chêrta.
S’a s’avde’ at pos dì
la zent ch’am so incontar,
i bus ch’a j ò scansê,
dri a una cuntrê o a una caréra l’è l’istès,
che intignemôd al strê agli è toti atachi.
I discorsi. Svegliarsi tutte le mattine / a fare delle chiacchiere con la testa pesante, / anche se non sai dove, / il luogo non conta nulla: è sempre in nessun posto. / Se fossi capace d’infilare un discorso compiuto / ti racconterei un fatto che dura un giorno, / ma ho delle parole staccate una dall’altra, / spezzate su un pezzo di carta. / Se ci vediamo ti posso dire / la gente che ho incontrato, / i buchi che ho scansato, / lungo una contrada o una carraia è lo stesso, / che tanto le strade sono tutte unite.
(Visited 4 times, 1 visits today)