Poesia del nostro tempo presenta l’Archivio virtuale de L’Italia a pezzi. Antologia dei poeti italiani in dialetto e in altre lingue minoritarie.
Giacomo Sandron è nato a Portogruaro (VE) verso la fine dell’estate del 1979. Ha studiato Filosofia a Trieste, vive a Torino. È membro dell’Associazione Culturale Porto dei Benandanti di Portogruaro (VE) con cui partecipa all’organizzazione di Notturni Di_Versi – piccolo festival di poesia e delle arti notturne. Poeta e slammer, dal 2002 partecipa a pubbliche letture, performance, laboratori, iniziative culturali, festival, sia all’interno che all’esterno dei patrî confini. Organizza e conduce regolarmente poetry slam e anti-slam in Veneto e Piemonte. Per la rivista «Atti Impuri» ha tradotto alcune prose di Herberto Helder, figura di culto della letteratura portoghese contemporanea. Suoi testi sono presenti in qualche raccolta, in qualche rivista e su diversi siti web tra cui Absoluteville, Poetarum Silva, Atti Impuri e Nazione Indiana. Ha all’attivo le plaquette Triestitudine, autoprodotta nel 2007, Cossa vustu che te diga, pubblicata nell’estate 2010 dall’Associazione Culturale Culturaglobale e La malattia professionale/Lato destro (SartoriaUtopia edizioni, Milano 2012). Nel 2012 si è aggiudicato il Premio “TeglioPoesia” per la poesia in dialetto. È autore, assieme all’architetto Mauro Gentile, della tetralogia di libri oggetto Germinal.
 
se stava con ste lastre de siel bianco inciodae int’el ciaf
I sotoporteghi xe grandi bocche che te inghiotte
i scuri venesiani ciglia che le sbatte
le piassette nove tute compagne che no se capisse
chi che semo e cos che femo e
fami nasà un puc di erba fres-cia, va là
rincurite i vansumi de visioni che te vansa
rincurili fin casa e fraccateli in pansa
Lo Zio Mauro vecia guardia che tien botta e’l se infratta
de note tal parco se suga de spade fra un fià ’l sparirà
I fioi se sbruma via anca i dei sconti tai cantoni scur
distirai su le panchine siga che someia simie scampae
da ’na cheba che invese la ghe sta tuta intorno ancora
Te ga visto Rizzio in piassa che ciodo che‘l xe
i oci come sfese par i schei dee machinete
e no vien fora luse e gnanca ghe ne entra
Beppe continua cannoni a manetta come sconti tai campi
andando avanti sburtai dal niente respirando plastegon
se stava con ste lastre de siel bianco inciodae int’el ciaf
Lo Zanni pupille verte come scuri co’ che vien la primavera
dai che se femo un insieme, no te sa che me fa mal al servel
Cossa vustu dirghe a un che scominsia a farse a trenta ani fati da un toco
Ciappate sta ceppa dritto da drio de la codoppa
se stechemo ’na stecca un tocco de stricca ’na raschia
che sgriffa in gola un tiro una botta che schiaffa
vampa di calore rosso rosso che pervade nella polpa
che te s-ciopa ne la testa che ricordi poco o nulla
e chi che semo e cos che femo e
Picia mia, i oceti tui, cussì bei, almanco quei
no sta tignirli sconti co’ torno casa tardi
ficameli drento tal profondo prima che me indormensi
ravanime l’anema, fame star in pase almanco un fià
Picia mia, i lavri tui, cussì bei, almanco quei
no sta tignirli sconti co’ torno casa tardi
pusimeli in fronte prima che me indormensi
dame un baso, fame star in pase almanco un fià
si stava con queste lastre di cielo bianco inchiodate in testa.// I sottoportici sono grandi bocche che ti inghiottono / i balconi veneziani ciglia che sbattono / le piazzette nuove tutte uguali che non si capisce / chi siamo e che facciamo e / fammi annusare un poca di erba fresca, va là / raccattati gli avanzi di visioni che ti restano / raccattali fino a casa e premiteli in pancia / Lo Zio Mauro vecchia guardia che tiene duro s’infila / di notte nel parco si asciuga di spade fra poco svanirà / I ragazzi si scremano anche le dita nascosti in angoli scuri / stesi sulle panchine urlano che sembrano scimmie fuggite / da una gabbia che invece gli sta tutta attorno ancora / Hai visto Rizzio in piazza che chiodo che è / gli occhi come fessure per i gettoni delle macchinette / e non esce luce e nemmeno ne entra / Beppe continua cannoni a manetta come nascosti nei campi / andando avanti spinti dal niente respirando plasticaccia / si stava con queste lastre di cielo bianche inchiodate in testa / Lo Zanni pupille aperte come balconi quando viene la primavera / dai che ce ne facciamo uno insieme, no lo sai che mi fa male al cervello / Cosa vuoi dire a uno che comincia a farsi a trent’anni fatti da un pezzo / Prenditi questa sventola dritta dietro la collottola / ci spacchiamo una stecca un pezzo di striscia che raschia / che gratta in gola un tiro una botta che schiaffa / vampa di calore rosso rosso che pervade nella polpa / che ti scoppia nella testa che ricordi poco o nulla / e chi siamo e che facciamo e / Piccola mia, gli occhietti tuoi, così belli, almeno quelli / non tenermeli nascosti quando torno a casa tardi / ficcameli dentro nel profondo prima che mi addormenti / rovistami l’anima, fammi stare in pace almeno un po’ / Piccola mia, le labbra tue, così belle, almeno quelle / non tenermele nascoste quando torno a casa tardi / posamele in fronte prima che mi addormenti / dammi un bacio, fammi stare in pace almeno un po’
l’oro de me nona
xe fiori che no buta
vasi veci
de do vite fa
xe tera nera e basta
l’oro di mia nonna / sono fiori che non sbocciano / vasi vecchi / di due vite fa / è terra
nera e basta
I BUSI se scava co’ a forsa che pensa e man
come se stonfa se suga ’sta tera ga ’na sé
longa tuti i ani del mondo:
Xe tanto che no magno verdura
no xe pì ninte ta l’orto
i pomidori xe che i se seca…
i gati i fa le buse e i ghe pissa drento
ta la cuiera tersa contando da sinistra
i quatro sucheti mati in fondo i cresse
sol che par farse de novo semensa
i buchi si scavano con la forza che pensa le mani / come s’inzuppa si asciuga questa terra ha una sete / lunga tutti gli anni del mondo: / È tanto che non mangio verdura / non c’è più niente nell’orto / i pomodori si stanno seccando… / i gatti fanno le buche e ci pisciano dentro / sulla terza aiuola contando da sinistra / i quattro zucchini matti in fondo crescono / solo per diventare di nuovo semenza

(Visited 10 times, 1 visits today)