da Sfisse / fessure  spiragli (Edizioni Cofine 2016)

miteina

par crissi ghe vul cul∫i l’ulì
in douti quii ani ch’a passa pricei∫i
anca se imatuneida fis’cia la bora

quil ch’a nasso iò da vegnei ananti
par catasse in t’oun logo sigouro
despoi l’ulì iò da crissi ancura
anca co ne par de issi strachi

e sarò peici sti grain soun le rame
cumo se fusso luri a spetane
– e sempro cul frido grando

a peie i leimidi se spalanca
in tal virdo ch’a ∫i douto fato
a quil ch’a no sè dèi cu la favela

ghe vaghi dreio a quil ch’al siel
fà crissi in sta confu∫ion de culuri
de rame graie u∫ei e ∫eigale

gnente par issi coussei cugnussoudo
quil ch’a nasso iò da vegnei ananti

sta miteina la ru∫ada ∫i ancura soun le fuie

mattino. per crescere si deve raccogliere l’oliva / in tutti quegli anni che passano uguali / anche se impazzita fischia la bora // chi nasce deve venire avanti / per ritrovarsi in un luogo sicuro / dopo l’oliva deve crescere ancora / anche quando ci sembra di essere stanchi // e saranno piccoli questi granelli sui rami / come se fossero loro ad aspettarci /– e sempre col freddo grande // a piedi i sentieri di campagna si spalancano / nel verde che è tutto fatto / a quello
che non so dire con la parola // rincorro quello che il cielo / fa crescere in questa confusione di colori / di rami cespugli uccelli e cicale // niente sembra essere così conosciuto / quello che nasce deve venire avanti // questa mattina la rugiada è ancora sulle foglie

incontro

mei i no sè vula ch’a i catarè
la pa∫ ch’a drento la to anema
me culura, e in tal bandon
de sta veita cumo passada
la te fà turnà indreio de oun tempo
ch’a iò finei de fà crissi fiurdalei∫i
soun quil prà sconto dreio la ma∫era

de mei te cumpagna al vento
ch’a se stren∫o drento le cani∫ele
e douto al bel ch’a s’ciareisso al mar
co el se ∫larga feinta a la fein
par fasse siel e ∫eighe incontro a tante stile

mei sà, la to man calda, ouna carissa
oun ateimo de veita despoi de ouna veita

incontro. io non so dove troverò / la pace che dentro la tua anima / mi colora, e nell’ abbandono / di questa vita come trascorsa / ti riporta indietro da un tempo / che ha finito di far crescere fiordalisi / su quel prato nascosto dietro il muricciolo di campagna // di me ti accompagna il vento / che si stringe dentro le calli / e tutto il bello che schiarisce il mare / quando si allarga fino alla fine / per farsi cielo e andare incontro a tante stelle // io qua, la tua mano calda, una carezza / un attimo di vita dopo una vita

in squara

i vuravi ∫eighe vissein al sul
ciapalo in seima al monto
par deighe ch’el ∫i bel
col se culura de russo
e la campagna inguanta
la sira squa∫i inciucheida

a ∫i co le galeine stà ∫à drento
preima ch’a in tale ca∫e
a se impeissi le lampadeine

a stà firmi se vido a lon∫i
e no stà cridi ch’a sto mondo
no seia fato cu l’in∫egno

varda dreito inseina ∫eighe
in tondo a quil ch’a te reiva

al sul ta∫o
la tera ta∫o

mei vuravi stà seita

armonia. vorrei avvicinarmi al sole / prenderlo in cima al monte / per dirgli che è bello / quando si colora di rosso / e la campagna accoglie / la sera quasi stordita // è quando le galline stanno già dentro / prima che nelle case / si accendano le lampadine // a stare fermi si vede lontano / e non credere che questo mondo / non sia fatto con l’ingegno // guarda diritto senza / dubitare di quello che ti arriva // il sole tace / la terra tace // io vorrei stare zitta

Loredana Bogliun nasce a Pola nel 1955. Scrive poesie in dialetto dignanese, antico idioma istroromanzo di Dignano d’Istria. Ha pubblicato Poesie, Impegno 80, Mazara del Vallo 1988; Ma∫ere-Gromacˇe-Muri a secco, Book- EDIT-Durieux, Bologna-Fiume-Zagabria 1993; La peicia, Hefti, Milano 1997; La trasparenza – cinque poesie cinque incisioni, edizione artistica con Giorgio Celiberti, Hefti, Milano 1997; Soun la poiana, Lietocolle, Faloppio 2000 (Premio San Benedetto del Tronto 2001); Graspi/Grappoli, EDIT, Fiume 2013 (Premio Salva la tua lingua locale – terzo posto, Roma 2015). Franco Brevini ha incluso suoi testi nell’antologia Le parole perdute. Dialetti e poesia nel nostro secolo, Einaudi, Torino 1990.  Christian Eccher ha dedicato alla sua poesia il capitolo “L’istrioto come lingua assoluta di poesia” nel libro La letteratura degli italiani d’Istria e di Fiume, EDIT, Fiume 2012. Nel 2016 esce la la raccolta sfisse / fessure spiragli in dialetto diganese che si classificata, ancora inedita, al terzo posto del Premio Ischitella – Pietro Giannone 2014.

(Visited 1 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *