Poesia del nostro tempo presenta l’Archivio virtuale de L’Italia a pezzi. Antologia dei poeti italiani in dialetto e in altre lingue minoritarie.
Gabriella Maleti è nata a Marano sul Panaro (MO) nel 1942. Ha vissuto a Milano e dal 1981 risiede a Firenze dove è fotografa, co-curatrice della rivista «L’area di Broca», e fondatrice assieme a Mariella Bettarini, della casa editrice Gazebo. Ha pubblicato libri in prosa e in versi, tra cui: Famiglia contadina (Forum, Bologna 1977); Il cerchio impopolare (Salvo imprevisti, Firenze 1980); Madre padre (Società di Poesia, Milano 1981); Il viaggio (scritto con M. Bettarini, Gazebo, Firenze 1986); La flotta aerea (Quaderni di Barbablù, Siena 1986); Memoria (Gazebo, Firenze 1989); Fotografia (Gazebo, Firenze 1999); Parola e silenzio (Gazebo, Firenze 2004); Trialogo (Gazebo, Firenze 2006); Queneau di Queneau (Gazebo, Firenze 2007).
 
(due milanesi a naso in su)
“Varda là, là…”
“In dove?”
“Ma due te guarde! Guarda là, là,
chela roba che la sbarlusis!”
“Ah!”
“Te l’è vista?”
“Sì, sì, madona, varda che roba!”
“Diu signor, ma che roba l’è?”
“Mah!… El par un disco volante…”
“El po’ anche vess un angiul del signur!”
“Vacca, mel sbarlusis!”
“Guarda, guarda là…”/ “Dove?”/ “Ma dove guardi! Guarda là,là, quella cosa che luccica!”/ “Ah!”/ “L’hai vista?”/ “Sì, sì, madonna, guarda che roba!”/ “Dio Signore, ma che cosa è?”/ “Mah!…sembra un disco volante…”/ “Può essere anche un angelo del Signore!”/ “Accidenti, come luccica!”

(Visited 21 times, 1 visits today)