Poesia del nostro tempo presenta l’Archivio virtuale de L’Italia a pezzi. Antologia dei poeti italiani in dialetto e in altre lingue minoritarie.
Gabriele Ghiandoni è nato a Fano nel 1934, città in cui vive. Dopo la laurea in ingegneria al Politecnico di Milano, ha insegnato matematica all’Università di Urbino. Autore di prose e racconti, scrive in lingua e in dialetto. Tra i suoi libri si segnalano: In cima al mare (Maggioli, Rimini 1986); Idillio marinaro (Maggioli, Rimini 1987); Fano, una città, un racconto (Maggioli, Rimini 1987); Il peso della trasparenza (Flaminia, Pesaro 1988); Trattatello di geometria fantasiosa (Quaderni di Barbablù, Siena 1989); Luoghi (L’Obliquo, Brescia 1990); La vacanza a mare (Flaminia, Pesaro 1991); Veleni (L’Obliquo, Brescia 1991); Poesia a Fano (Lacerqua, Fano 1992); Gì a tors (Longo, Ravenna 1994); El viag, (Lacerqua, Fano 1995); Da per lu sol (Mobydick, Faenza 1996); In cima al mare/bis (Lacerqua, Fano 1996); El cimiter tla campagna (Lacerqua, Fano 1997); La festa (Mobydick, Faenza 1998); I racconti di Fano (Manni, San Cesario 1999); La musiga (Marsilio, Venezia 2000); Al fiume (Manni, San Cesario 2002); Concerto (L’Obliquo, Brescia 2003); La scrittura va sola per il mondo (Manni, San Cesario 2005); Sinfonietta (Prova d’autore, Catania 2006); Canto di fine estate (Prova d’Autore, Catania 2008); Fanum fortunae (Flaminia, Pesaro 2011).
 
da Gì a tors
A marina
I
Ogni giorn giva a marina
fin’a la mort:
en c’era gnent.
II
Sal ris sardònich
rosc cum el sol:
d’autun la bora di mort
j urlava tl’urechi.
Al mare.// I – Andava la mare tutti i giorni dell’anno; sino ad accorgersi che laggiù non esisteva niente. II – Col riso sardonico rosso come il sole: in autunno la bora dei morti gli urlava nelle orecchie.

(Visited 15 times, 1 visits today)