Poesia del nostro tempo presenta l’Archivio virtuale de L’Italia a pezzi. Antologia dei poeti italiani in dialetto e in altre lingue minoritarie.
Gabriele Alberto Quadri è nato nel 1950 a Vaglio, un ex comune del Canton Ticino che nel 2001 si è fuso con altri cinque comuni dando vita al comune di Capriasca nel distretto di Lugano. Vive a Cagiallo. Di madre cremonese, ha assorbito il dialetto paterno, ed è autore bilingue. È autore di vari studi di dialettologia, di prose, di racconti e di testi per il teatro. In poesia ha pubblicato: I quatro stagion (Lema, Agno 1975); L’eva ier (Guarisco, Como 1978); In dr’ort de ca (Sette di Quadri, Cagiallo 1980); Ocre solari (Fontana, Lugano 1983); Ra scherpafòra di scaff (Edelweiss, Lugano 1985); Bestiarium criviaschese (Dadò, Locarno 1996). L’Isola dell’Amore, Poemetto musicale (Ulivo, Balerna 1997); Tenzone d’amore (L’Ulivo, Balerna 1998); L’ultimo baccanale (L’Ulivo, Balerna 2000); Contrabress (IET, Casagrande, Bellinzona 2002); Croci d’esilio (l’Ulivo, Balerna 2006); A tua gloria, poesie -1973-2009 (Marwan, Varese 2010). Appare in: Cento anni di poesia nella Svizzera italiana (a cura di G. Bonalumi, R. Martinoni e P. V. Mengaldo, Dadò, Locarno 1997); Via terra, antologia di poesia neodialettale (a cura di A. Serrao, Campanotto, Paisan di Prato 1992); Dialect Poetry of Northern and Central Italy (a cura di L. Bonaffini e A. Serrao, Legas, New York 2001).
 
da Contrabress
Necrocrati
De sora ar lecc d’on dialett ch’a möör
vòra ’n Scorbatt con sciá i oli sáant;
de sora ar tecc d’on povro ambröös
vòra ’n Falchett ch’a brama i paláanch.
L’è cott or vecc, ma ’r fa testaméent:
ar bábor ra cá, ra stanza ’r cariöö,
a ’n ciola ’r cò, r’anema a ’n deméent,
ai binda come mi lassi ’r mè cöör.
Or Scorbatt ch’a r se stimava ’n sáant
E ’r Falchett or rè di inteligéent,
cor becch sücc i resta lí de stücch.
Povri i mè sciatt senza pü ritegn!
Ch’a vess crítich e náagh dré ar véent
a s’è tòll vöid ch’a fa domá fracass.
Necrocrati.// Sopra il letto d’un dialetto che muore / svolacchia un Corvaccio con gli oli santi; / sommo, sopra il tetto d’un povero diavolo / vola un Falchetto goloso di franchi. // E’ cotto il vecchio, ma fa testamento: / in malora la casa, al tarlo la stanza, / a un minchione la testa, l’anima a un pazzo, / ai barboni come me lascio il mio cuore. // Il Corvaccio che si stimava un santo / e il Falchetto il re degli intelligenti, / col becco asciutto restano lì di stucco. // Poveri rospi senza più ritegno! / Che essere critici e voltare bandiera / si è latta vuota che fa solo fracasso.

(Visited 3 times, 1 visits today)