Poesia del nostro tempo presenta l’Archivio virtuale de L’Italia a pezzi. Antologia dei poeti italiani in dialetto e in altre lingue minoritarie.
Francesco Sassetto è nato nel 1961 a Venezia. Laureato in Lettere nel 1987 presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia con una tesi sul commento trecentesco di Francesco da Buti alla Commedia dantesca: La biblioteca di Francesco da Buti interprete di Dante (Il cardo, Venezia 1993). Ha collaborato alla cattedra di Filologia Dantesca, ed ha conseguito nel 1998 il titolo di dottore di ricerca in Filologia e Tecniche dell’Interpretazione. Insegna Lettere nella Scuola Media “Ugo Foscolo” di Preganziol (Treviso). Suoi versi e sillogi in veneziano appaiono in varie riviste, antologie e volumi collettanei. Ha all’attivo le seguenti raccolte: Da solo e in silenzio (Montedit, Milano 2004); Ad un casello impreciso (Valentina Editrice, Padova 2010); Background (Dot.com Press-Le Voci della Luna, Milano 2012).
 
da Background
Toni
Toni, Antonio Corò a l’anagrafe e ancùo su l’epigrafe
in campo. Setantatre ani, infarto i ga dito,
el cuor xe s-ciopà.
Ma Toni gera za morto quatro ani fa co gera finìo
el contrato d’afito de la so botega in salizada,
un buso impegnìo de scarpe, savate, stivali
da acqua alta, scatole e sacheti un fià dapartuto,
Toni se moveva contento in quel bordèlo
de misure e modeli, çercava e trovava
la roba che la gente voleva, scarpe par tuti,
a bon marcà, la so vita quela botega a Castelo.
El paròn ghe gaveva dito che desso
xe tuto cambià, desso quel magazèn
a pianotera valeva tanto de più,
el voleva tre volte l’afito,
Toni no podeva pagàr,
la botega seràda a spetàr qualchidùn
che la tolesse in ’sta cità deventada
putana da schèi.
Lo gaveva copà.
E Toni girava su e zo in salizada, le man in scarsèla,
a passi curti dal tabachèr fin in fondo
al Moriòn a vardàr i muri piturài de ànzeli
che svola coi pugni serài, poche parole
co i amissi restài, su e zo tuto ‘l giorno
a impegnìr ore longhe de vodo.
Xe ‘ndà via ieri sera, Toni, la botega sparìa
da quatro ani, nissùn la vol, massa lontana
da le carovane de foresti coi schèi,
la saracinesca irusinìa e seràda
come i oci de Toni.
Toni.// Toni, Antonio Corò, all’anagrafe e oggi sull’epigrafe / in campo. Settantatre anni, infarto hanno detto/il cuore è scoppiato. // Ma Toni era già morto quattro anni fa quando scadde / il contratto d’affitto del suo negozio in salizzada, / un buco riempito di scarpe, ciabatte, stivali/per l’acqua alta, scatole e sacchetti un po’ dappertutto / Toni si muoveva contento in quella confusione / di misure e modelli, cercava e trovava / quello che la gente voleva, scarpe per tutti, / economiche, la sua vita quel negozio a Castello. // Il proprietario gli aveva detto che adesso è tutto cambiato, adesso quel magazzino / a piano terra valeva molto di più,/aveva triplicato l’affitto, / Toni non poteva pagare, / il negozio chiuso ad aspettare qualcuno / che lo prendesse in questa città diventata / prostituta di lusso. // L’aveva ammazzato. // E Toni girava su e giù in salizzada, le mani in tasca, / a passi corti dal tabaccaio fino in fondo / al Moriòn a guardare i muri dipinti con angeli / che volano con i pugni chiusi, poche parole / con gli amici rimasti, su e giù tutto il giorno / a riempire ore lunghe di vuoto. // E’ andato via ieri sera, Toni, il negozio sparito / da quattro anni, nessuno lo vuole, troppo lontano / dalle carovane di ricchi turisti, / la saracinesca arrugginita e chiusa // come gli occhi di Toni.

(Visited 13 times, 1 visits today)