Poesia del nostro tempo presenta l’Archivio virtuale de L’Italia a pezzi. Antologia dei poeti italiani in dialetto e in altre lingue minoritarie.

Fernando Gerometta nato nel 1954, risiede a Vito d’Asio (PN). Scrittore, pittore, poeta, operaio, maestro gelatiere e boscaiolo, a lungo emigrante. Ha pubblicato nelle raccolte della collana Clapadoria Peravoladoria, nelle antologie Tiara di cunfìn, Notturni di_versi – La crisi, Premi Sant Antoni, Artiscj di ca e di là da l’aga, nelle antologie dei premi Le Pigne, Premio Tito Maniacco, Salva la tua lingua locale, Audax, nei libri Acqua Aria Terra Fuoco e Dagli occhi al cuore, sulla rivista online Versante Ripido. Con Luigina Lorenzini ha pubblicato Pavéa un’eštât – La luna tal codâr (Edizioni Omino Rosso). Ha ottenuto riconoscimenti in numerosi concorsi regionali e nazionali, tra cui il 2° posto al Premio Salva la tua lingua locale a Roma, in Campidoglio, nel 2014 e di nuovo finalista nel 2017 e nel 2018.

 

 

DIZIDINT, CENÇA DIZIDI FORZIT – Parte I

Bestia co tu sos, tu stas, aria ta l’aria
sicûr, paròn di te, madràc no cji si jùat
alt da cjera, a miesa taia, sora i sterps
di sbris ta las rosas
il nulî tu sos ne bon ne trist da las pomas dal savìa
co as morestan sot dal lùar arbol e nisun regolç,
arbol ben o mâl crisût cul ben e il mâl atorotor.
Sint! Chest nulî co al riva dongja
cuant co las stagjons as zedin il pas al pas da las stagjons.
Nulî, coma un capî, il timp di un marilamp,
capî co al mont no j coventarés, en’ so’l mont
e il siò capî ai durassin tant co il timp.
Roc, cidìn, tal frìat fer il flât russìt
salustri, lûs sot il nivul dedruas
sbrisada d’intraviers, d’inlunc, d’inlarc
no si mouf, no cola.
Ucéi d’inuntinavia, una dì encja lùar par cjera
infintrinamais l’ultima pluma, savìa
vignût da un cêl cetant vizin a cjera, a cjera distinât.
Al spaca il timp il pas da las stagjons
cul siò nulî ne bon ne trist coma di muart platada
fumata, capî cença conosi.
Fum a dadas, fouc al tudiêa, al cjapa a voltas
âtas al scjampa, sul pasòn mars dal meis di març
veretât, cret crot, cot, rût.
A scjampa, curnìla, da agâr a povol
cussì dongja, al à da esi alc, la piel dal vûli su la lûs dal vuli.
Ploia fastidiosa co nisun spietava in fôr dal vier
vier tal bec cumó, ‘mó roda, cumó pont di cuistiòn
cuistiòn co a é fonts dal êsi, plait o gjonda.

DECIDENDO, SENZA DECIDERE FORSE – Parte I. Bestia che sei, stai, aria nell’aria / sicuro, padrone di te, serpente non ti si vede / sollevato da terra, a mezzo tronco, sopra gli sterpi / in scivolata fra i fiori / l’odorare sei né buono né cattivo dei frutti del sapere / che macerano sotto il loro albero e nessuno raccoglie, / albero bene o male cresciuto con il bene e il male tutto attorno. / Senti! Questo odorare che ci raggiunge / quando le stagioni cedono il passo al passo delle stagioni. / Odorare, come un capire, il tempo dell’accendersi di un lampo / capire che al mondo non servirebbe, anche se il mondo / e il suo comprendere durassero quanto il tempo. / Montone, silenzioso, nel freddo fermo l’alito viola / lucore, luce sotto il nuvolo rovescio / scivolata di traverso, in lungo, in largo / non si muove, non cade. / Uccelli lungo tutto il percorso, un giorno anche loro in terra / fino all’ultima piuma, sapere venuto / da un cielo tanto vicino a terra e a terra destinato. / Spacca il tempo il passo delle stagioni / con il suo odorare né buono né cattivo come di morte nascosta / nebbia, capire senza conoscere. / Fumo a tratti, fuoco esita, divampa a volte / altre scappa, sul pascolo arso del mese di marzo / verità, roccia nuda, cotta, schietta. / Scappa, cornacchia, da solco a pioppo / così vicina, come un presagio, la palpebra abbassata sulla pupilla. / Pioggia fastidiosa che nessuno aspettava tranne il verme / verme nel becco adesso, ora ruota, ora punto di domanda / domanda che è intimità, lamento o gioia.

DIZIDINT, CENÇA DIZIDI FORZIT – Parte II

Vier cença dincj, gnosi cença teologjìa
la fuarça di una bestia vera, al sera incjimó
una volta il cercli, e po dopo in rispuesta a craça la curnîla.
Percorso tematico dei luoghi della grande guerra.
Davôr i sterps scuindût il ricuart di chei
co ai àn tignût adun i gorofolârs pi biei
cul fîl spinât sbragât via ai cjavài di Frisia.
Forzit, cença dizidi, dizidint, stoi gînt.
Gî lasant l’ultin pensêr sul clapon in mieç dal riu
cu l’âga fonza, fuarta la curînt
gî, cumò co al mi ven in côr il troi
co dismenantsi jenfra i çucs al mi menà uchì,
la risultiva co mai pandarài, il tucùt di cjera
cruda cu las rosas veras, chel tucùt di cjera
cota cul sclopòn piturât, una scaiuta noma
cjatada cirînt in ta la frînt il cjermet
dulà co ai finivan i gnìa gioucs. Indenant, cumó
co la me orêla a é cussì fina co gjolt cuant co la zisila
a sgrifiêa l’aria, e cuant co invezet la sînt sgrifiâ il cêl
e il soreli poiâsi, coma fazolet sul cjàf
da la nuviça, sora i romats. E nivulas blencjas
liseras, cjapièl di lat, ‘s no van, as no ven,
buera riçota la musa, bocja da ridi, tu dizits
ce tânt di corsa co al pues gî il troi, da riba in su,
da riba in jù, ce tânt drets palârs e clevas
trop spiçât il piçàt, so al pues restâ il bar
da las urtìas crisût tal recès scuâsit tor
di chel co, uchì murùt, pi in là cret, po dopo i’mò murùt,
al sera ce co a resta di ort, curtîl, cjasa, atorotor
il sùal plancùt par me in chest d’unsviers.

DECIDENDO, SENZA DECIDERE FORSE – Parte II. Verme senza denti, gnosi senza teologia / la forza di una bestia vera, chiude ancora / una volta il cerchio e dopo in risposta gracchia la cornacchia. / Percorso tematico dei luoghi della grande guerra. / Dietro gli sterpi nascosto il ricordo di coloro / che hanno tenuto uniti i rosai più belli / con il filo spinato strappato via ai cavalli di Frisia. // Forse, senza decidere, decidendo, sto andando. / Andare lasciando l’ultimo pensiero sul masso in mezzo al torrente / con l’acqua profonda, forte la corrente / andare, ora che mi ricordo il sentiero / che svolgendosi fra le moli mi menò qui, / la sorgente che mai svelerò, il pezzetto di terra / cruda con i fiori veri, quel pezzetto di terra / cotta con il garofano dipinto, una scheggia soltanto / trovata cercando nel fogliame il terminus / dove finivano i miei giochi. Avanti, ora / che il mio udito è così fine da farmi gioire quando la rondine / graffia l’aria, e quando invece la sento graffiare il cielo / e il sole posarsi, come velo sul capo / della sposa, sopra i rami. Nuvole bianche / leggere, panna, non vanno, non vengono, / vento ricciuto il volto, sorriso, decidi / quanto veloce può andare il sentiero, in salita, / in discesa, quanto ripidi erte e clivi, / quanto appuntito il picco, se può rimanere il cespo / delle ortiche cresciuto al riparo quasi addosso / di ciò che, qui muretto, più in là roccia, poi ancora muretto, / chiude quello che rimane di orto, cortile, casa, tutto intorno / il solo piccolo pianoro per me in questo universo.

DIZIDINT, CENÇA DIZIDI FORZIT – Parte III

Urtìa, gucja di glisia gotica
denant di me il prufîl di doi palârs
coma prufîi di dos lunas
cetant vizinas, dulà co al taca o al finìs il guselâr
co al revòca o al glot il cêl. Urtìa, sacra sempiterno
bar di urtìas, da no tocjâ. Urtìa t’un ort
di mindùsias e savùars, pi in là i cjâfs
da las vîts invencjâts, notas, musica invencjada
su las rigas di fier, da léi o da scjassâ
par il purcél copât dopo vili amât, par l’oc
co al à fat flurî di gorofoi ros duta la nìaf dal curtîl,
il cjâf da pié dal çoc, par un von muart
cuiet dopo vìa mangjât il cuarp di Crist.
Una grampùta di incens, avonda una nivulùta
par puartâli in cêl. La muart plena di pôra
ator par i crets, platada ta las cisas
tal pugnùt strent in fonts a la sacheta
doi furçons di scûr par fâ scjampâ ogni scûr.
Par magança la giuligna a sparìs apenas
co a j si poia sora l’ombrena da las vîts.
In tal ort nisun dopra mai falcét, nencja las strias.
Jùat la pala da voltâ vignimi dongja,
forzit soi çuncjât e m’al domandi
jenfra las çopas tant co las fuéas as pierdin
il pudìa da becâ.

DECIDENDO, SENZA DECIDERE FORSE – Parte III. Ortica, guglia di chiesa gotica / davanti a me il profilo di due erte / come profili di due lune / tanto vicine, dove inizia o finisce la faringe / che vomita o inghiotte il cielo. Ortica, sacro eterno / cespo di ortiche, da non toccare. Ortica in un orto / di odori e sapori, più in là i capi a frutto / delle viti ingiuncati, note, musica ingiuncata / sulle righe di ferro, da leggere o scuotere / per il maiale ucciso dopo averlo amato, per l’oca / che ha fatto fiorire di rose rosse tutta la neve del cortile, / la testa ai piedi del ceppo, per un nonno morto / quieto dopo aver mangiato il corpo di Cristo. / Un pugnetto di incenso, abbastanza una nuvoletta / per portarlo in cielo. La morte piena di paura / in giro fra le rocce, nascosta fra le siepi. / Nel piccolo pugno stretto in fondo alla tasca / due briciole di buio per scacciare ogni buio. / Per magia la brina scompare appena / gli si posa sopra l’ombra delle viti. / Nell’orto nessuno usa mai la falce, neanche le streghe. / Vedo il badile venirmi vicino, / forse sono spezzato e me lo chiedo / fra le zolle mentre le foglie perdono / il potere di urticare.

(Visited 43 times, 2 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *