Da Erba e aria (Vydia editore 2017)
I segni verdi
Come chee care fojiéte de èdra
a scaeàr coeòne, curve de marmo
te un parco ribandonà; o i fii de erba
alta drio un stradhón de campagna,
dopo ‘a piova: carézhe fresche che
sgrafa ‘l rosa, vèce vìrgoe tii polpàci
de bòce che core alègri incontro
al só destìn; el mus.cio far viùdho
tee pière de ‘na casa coeònica; ‘a forma
invidàdha su intorno l’aria dei rizhi
dee vidhe, squasi sorèa de quea a elica
del d.n.a, te un microscopio a scansión;
el siénzhio sussurà te l’onbrìa tremante
de rame e frasche; ‘a lìnia che se incurva
dolzha, tee coìne, tii àrzeni speciàdhi
te l’aqua dei canài, l’inchino dee canèe.
Mì son cressù in fede de ‘ste scriture
qua, co‘ste paròe verde drento el cuòr;
cussì spere che ‘e mie sèpie copiarle,
che ‘sta poesia fae su un canp, un prà
fra l’ànema e ‘l ‘sfalto de chi le ‘scoltarà.
I segni verdi
Come quelle care foglioline d’edera
a scalare colonne, curve marmoree,
in un parco abbandonato; o fili d’erba
alta lungo un sentiero di campagna,
dopo il temporale: carezze fresche che
graffiano il rosa, antiche virgole nei polpacci
di bimbi che corrono allegri incontro
al proprio destino; il muschio farsi velluto
nelle pietre di una casa colonica; la forma
avvitata intorno all’aria dei viticci,
simile a quella elicoidale
del d.n.a., in un microscopio a scansione;
il silenzio sussurrato nell’ombra tremolante
di rami e fronde; la linea che si curva
dolce, nelle colline, negli argini riflessi
sull’acqua dei canali, l’inchino delle canne palustri.
Io sono cresciuto in fedeltà di queste scritture,
con queste parole verdi (e acerbe) dentro il cuore;
così spero che le mie sappiano copiarle,
che questa poesia componga un campo, un prato
fra l’animo e l’asfalto di chi le ascolterà.
*
‘A fina verticaità de l’erba
e dea piova. Dreta o sbièga,
che i bòce disegna tea carta
co’e matite verdi e nere.
Strissi che se unisse in fondo
al fòjio, tel tapéo de fii curti
che sona al ritmo dee jozhe,
al só sussùro fresco, slùser.
Righe che se incastra e canta,
cordèe de arpa che ghe parla
al s.ciòso che mé fiòl l’à fat
a scuòea, ieri, spiràe sconta
in mèdho ai scarabòci verdi,
dó anténe nere che se perde
drento i fii de l’aqua, epùra
che se ‘e vede, vèrte, ‘a baéta
bianca dei òci. Oh, piova, oh
erba, ‘a manina che l’à fat chii
giri tondi, marón, senpre pì cèi,
sa del vostro amór. Mì anca.
La sottile verticalità dell’erba
e della pioggia. Dritta o obliqua,
che i bambini compongono sulla carta
con le matite verdi e nere.
Strisci che si uniscono in fondo
al foglio, nel tappeto di fili corti
che suonano al ritmo delle gocce,
al loro sussurro fresco, luccicante.
Righe che si incastrano e cantano,
cordicine d’arpa che parlano
alla chiocciola che mio figlio ha disegnato
a scuola, ieri, spirale celata
fra gli scarabocchi verdi,
due antenne nere che si perdono
dentro i fili dell’acqua, che eppure
si intravedono, aperte, la pallina
bianca degli occhi. Oh pioggia, oh
erba, la manina che ha composto quei
giri tondi, marroni, sempre più piccoli,
sa del vostro amore. Io anche.

Epùra, i ‘à paròe che ‘e sa
de erba stonfa i morti, co’
i vièn catàrne drento ‘l sòno;
‘e ghe sgorga dae man vèrte,
a fontanèa, opùra jozha dopo
jozha intant che i ne varda
fissi coi só òci de avorio;
i ne dise robe che romài no’
‘e ne interessa pì; i ‘é ripete,
sotvose, come se i fusse drio
confidarne un de chii secrèti
che i se ‘à portà co’ lori; mai
che sie un calcòssa che vèrde
‘na spièra, che cète ‘a spizha
de ‘na coriosità mai coeoràdha.
‘E paròe ‘e bate tel bianco
portal del sogno, fis.ciando
fra ‘e sbàre vèce dei cancèi
po’, cuzhoeón, come rùmoe,
i morti i se scava busi tel prà,
curidhòi che i córe sbièghi
drento ae cóine. Se sintìn
‘e palpebre pende fa scòrzhe
co’ se svejién: drento ‘l zhervèl
un bzz zheèsto; ‘e nostre man le
‘é ssute, ‘e paròe le ‘é qua e qua
‘e se scava ‘l só nido de fògo.
Eppure, hanno parole che sanno
d’erba bagnata, i morti, quando
nel sonno ci vengono a trovare;
gli escono dalle mani aperte,
a fiotti, oppure goccia dopo
goccia mentre ci guardano
fissi coi loro occhi d’avorio;
sussurrano cose che ormai non
ci interessano più; ce le ripetono,
sottovoce, come se stessero
confidandoci uno dei tanti segreti
che si sono portati nell’aldilà; raro
sia qualcosa che apra
un varco, che soddisfi
una mai sopita curiosità.
Le parole bussano al bianco
portale del sogno, sibilando
fra le sbarre arrugginite dei cancelli
poi, carponi, come talpe,
i morti scavano cunicoli nel prato,
corridoi che si snodano obliqui
dentro le colline. Sentiamo
le palpebre spesse come bucce
quando ci svegliamo: dentro la testa
un azzurro ronzio; le nostre mani
sono asciutte, le parole sono con noi e in noi
si scavano il loro nido di fuoco.

Fabio Franzin è nato nel 1963 a Milano. Vive a Motta di Livenza, in provincia di Treviso. È redattore della rivista di civiltà poetiche “Smerilliana”. Ha pubblicato le seguenti opere di poesia: Il groviglio delle virgole, Stamperia dell’arancio, 2005 (premio “Sandro Penna”); Pare (padre) Helvetia, 2006; Mus.cio e roe (Muschio e spine), Le voci della luna, 2007 (premio “San Pellegrino”, premio “Insula Romana” e premio “Guido Gozzano”); Fabrica, Atelier, 2009 (Premio “Pascoli”, Premio “Baghetta”); Rosario de siénzhi (Rosario di silenzi – Rožni venec iz tišine, edizione trilingue con traduzione in sloveno di Marko Kravos), Postaja Topolove, 2010; Siénzhio e orazhión (Silenzio e preghiera), Edizioni Prioritarie, 2010; Co’e man monche (Con le mani mozzate), Le voci della luna, 2011 (premio “Achille Marazza”, finalista al premio “Antonio Fogazzaro”); Canti dell’offesa, Il Vicolo, 2011; Margini e rive, Città Nuova, 2012; Bestie e stranbi, Di Felice (I poeti di Smerilliana), 2013; Fabrica e altre poesie, Ladolfi editore, 2013; “Sesti/Gesti”, Puntoacapo, 2015.

(Visited 8 times, 1 visits today)