Poesia del nostro tempo presenta l’Archivio virtuale de L’Italia a pezzi. Antologia dei poeti italiani in dialetto e in altre lingue minoritarie.

Egidio Milinovich nacque a Fiume nel 1903 e scomparve nel 1981. Ha scritto in fiumano numerose e importanti poesie. Una delle prime fu Disoccupazioni, a seguire La mia contrada, Visita all’ospidal, Vita garba, Mai molar per ocio!, Autoauguri della Mimiza ‘Fregola’, Al verde, Ad Abdom Pamich campione olimpico di marcia nel 1964 e tante altre. Nel 1984 è stato pubblicata una raccolta delle sue poesie Variazioni fiumane da Stella Defranza. Nel 2017 esce la raccolta di poesie Joze fiumane (Edit).

da Variazioni fiumane

VITA GARBA

La matina senza sbicia…
El bambin almeno ciucia…
No’ per mi, me dol per lori:
semo in zinque e non xe bori…

Ciapa qua, mia cara vecia,
grampa tuto e meti in tecia,
fa un suazzeto, in abondanza:
Carighemose la panza!

Vita acida – La mattina senza bevande… / Il bambino almeno succhia… / Non è per me, ma mi duole per loro: / siamo in cinque e non ci sono soldi… // Prendi qua, mia cara vecchia, / afferra tutto e metti in pentola, / fai un sughetto, in abbondanza: / riempiamoci la pancia!

ADIO ZITAVECIA MIA!

Co vedo crolar la gomìla
che colpo nel cor, majco mila!
Nel mucio de sassi e de copi
xe intieri camini e scalete,
condoti, cusine, scafete…
Ma par che nel cor me se intopi
la vita del tempo passà:
segreti del’antichità…

Camin, fogoler, xe legenda:
paure e speranze de fioi;
orgoglio e miseria tremenda:

bronzini, un do tecie e cazioi;
e brande de legno e una cuna,
un per de cadini e una sedia
vizin la Divina Comedia
in sfasa e… la Dea Fortuna.

I giorni de lota e bubane
de noze e de feste fiumane;

i segni del Credo e del Voto,
i pianti de noti de veja
e canti de imbriaghi de soto…
po’ el chichirichì de soto…
po’ el chichirichì che te sveja.
I zighi del parto, smorzadi,
i lagni dei veci amaladi.
Po’ frise el lumin senza ojo.
Xe l’alba… ma creder non vojo:

Opaca, oltre i vetri sudadi,
un’alba coi sogni afanadi…
Me insogno? No, xe la realtà:
el mio regno xe sta ribaltà!

Ma sento che bate le ore…
Me resta, in eterno, la Tore!

Addio città vecchia mia – Quando vedo crollare le rovine / che colpo al cuore, mamma mia! / Nel cumulo di sassi e di tegole / ci sono interi camini e scalette, / tubi, cucine, lavabi… / Ma pare che nel cuore mi si inceppi / la vita del tempo passato: i segreti dell’antichità… // Camini, focolari, sono leggenda: / paure e speranze dei figli; / orgoglio e miseria tremenda: // forme in bronzo, due pentole un mestolo; / e letti di legno e una culla, / un paio di catini e una sedia / vicino la Divina Commedia / ridotta male e… la Dea Fortuna. // I giorni di lotta e di pacchia / di nozze e di feste fiumane; // i segni del Credo e del Voto, / i pianti delle notti di veglia / e i canti degli ubriachi di sotto… / poi il chicchirichì di sotto… / poi il chicchirichì che ti sveglia. / Le urla del parto, smorzate, / le lamentele dei vecchi ammalati. / Poi frigge il lumino senza olio / È l’alba.. ma non voglio credere: // Opaca, oltre i vetri sudati / un’alba con i sogni affaannati… / Me la sogno? No, è la realtà: / il mio regno è stato rovesciato! // Ma sento che batte le ore… / Mi resta, in eterno, la Torre!

EL PRIMO FIO

Sempre el zuzza, mama mia,
con sti labri porporini;
e sti ocieti birichini
mi me par che i me ciol via…

Rampa in aria le manine:
forsi el conta i suoi ditini?
Sempre fora dei cussini,
sempre piene panuzzine.

E co’l piange, chi indovina
se’l ga fame o se ‘l xe sazio,
o se’l brama un dolze abrazio
fra i brazeti de mamina?

Il primo figlio – Sempre succhia, mamma mia, / con queste labbra porpora; / e questi occhietti vispi / pare che mi portino via… // Tende in aria le manine: / forse conta le sue dita? Sempre fuori dai cuscini, / sempre pieni i pannolini. // E quando piange, chi indovina / se ha fame o è sazio, / o se desidera un dolce abbraccio / tra le braccia della mamma?

Un ringraziamento alla casa editrice Edit di Fiume e in particolare a Lilly Venucci per il recupero dei materiali dei poeti di Fiume e dell’Istria. Le traduzioni sono di Christian Sinicco.

(Visited 43 times, 1 visits today)

2 Comments

  1. patrizia 25/06/2018 at 11:20 am

    Grazie per ricordare queste bellissime poesie di zio Egidio

    Reply
    1. Christian Sinicco 26/06/2018 at 12:15 pm

      E’ un piacere per noi farlo!

      Reply

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *