Poesia del nostro tempo presenta l’Archivio virtuale de L’Italia a pezzi. Antologia dei poeti italiani in dialetto e in altre lingue minoritarie.

Domenico Brancale è nato nel 1976 a Sant’Arcangelo in Basilicata. Ha pubblicato: Cani e porci (Ripostes, 2001), L’ossario del sole (Passigli, 2007), Controre (Effigie, 2013), Incerti umani (Passigli, 2013) e Per diverse ragioni (Passigli, 2017). Ha curato il libro Cristina Campo In immagini e parole e tradotto Cioran, John Giorno, Michaux, Claude Royet-Journoud. È uno dei curatori della collana di poesia straniera “Le Meteore” per Effigie. Il suo lavoro sulla voce e sullo spazio ha prodotto le performance: Nessun sole sorge senza l’uomo (Monte Calvario, 2007); Questa deposizione rischiara la tua assenza (Gasparelli A. C., 2009); Nei miei polmoni c’è l’attesa (Galleria Michela Rizzo, 2013), Se bastasse l’oblio (MAC di Lissone, 2014), Langue brûlé (Palais de Tokyo, Parigi 2014). Vive a Bologna e Venezia.

da Canti affilati (Masoero, 2003)

Nu fridde nda l’uosse
i’è cuesta ’a chese andò vive
u suonne si n’è scrijète
mbàreche sènte
c’ u tirramote
nd’u tròpene d’u core
gràpe ppi ssempe nu jacc

Un freddo nelle ossa / è questa la casa che vivo // il sonno si è consumato // sembra sentire / che il terremoto / nella pozzanghera del cuore / apre per sempre uno spacco

Nu sciusce di viende
ripigghiète di cuoste
a llu zinzile di nu curperone
nd’ ’a camàsce
nu mucchie di terre
strìnte nd’u pugne
cusse sìme
Avògghie tu a pinzà a llu paradise
non abbicitièie a nasce
ca nda nu lampe ti ni scrìie
E cche gghi’è
ngi ’dda i’èsse na ngògne
addò nu fiore si spècchie
ppi ll’aste nganne
e senze ’ss’affanne

Un soffio di vento / rinvenuto accanto / allo straccio di un corpo / stremato nella calura / un mucchio di terra / stretto nel pugno / questo siamo / Hai voglia a pensare al paradiso / non fai in tempo a nascere / che in un lampo scompari / Eppure / ci deve essere un canto / dove un fiore si specchia / a stento  / e senza questo affanno

(Visited 72 times, 1 visits today)