MeNono

doi bracia lunghe ch’i caschevo dae spale
soto ae stache
fino a tocae i zenoci
con doi man come doi pale
e doi bisteche ar posto de doi oece
‘ntorno a ‘na testina seca
tonda e picina ch’i paeva ‘na baleta
già aa matina te sentivi forte ‘r tono
i feva ‘n casin ch’i vibreva anche Bolano
‘n’ta strada, sua se panchina
tra quei che i vano e i veno
a ne te parlo de n’alieno, no, no
l’ea n’umano e l’ea me nono
l’ea nato ‘r vinti de frevao de l’unze
n’te na famigia de quee de ‘n tenpo
che tra fre e soele l’eo doizento
e i se usevo e lampade e candele per fae a luze
die ch’ea ‘n vecio sagio l’è na paola grossa
la gh’ea da ‘mpegnasse con quarche tranelo, quarche trapola
perché ee foe te ghe le dovevi asportae a forsa
e i ne se pè die ch’i ma ato aa conoscensa coa se fiacola
a ghe provevo a chiedeghe quarcò quand’eo fanteto:
“noneto, noneto, te me disi quarco?
…doi foe, doi barzelete, ne te me raconti mai niente!”
“ne me stae a rompie ‘r belin!
va a zegae fea che t’ei ‘n fante!”
così a l’ho cognossu, l’è così ch’i ma cressu
e i raconteva quarcò solo quando i ghe n’aveva vogia lu
e quando i ghe n’aveva vogia
i mieva malinconico e i diseva…
due braccia lunghe che cascavano dalle spalle
sotto le tasche
fino a toccare le ginocchia
con due mani come due pale
e due bistecche al posto di due orecchie
intorno a una testina secca
tonda e piccina che sembrava una pallina
già alla mattina sentivi forte il tono
faceva un casino che vibrava anche Bolano
nella strada, sulla sua panchina
tra quelli che vanno e vengono
non ti parlo di un alieno
era un umano ed era mio nonno

era nato il venti di febbraio dell’undici
in una famiglia di quelle di un tempo
che tra fratelli e sorelle erano duecento
e si usavano le lampade e le candele per fare luce
dire che era un vecchio saggio è una parola grossa
c’era da impegnarsi con qualche tranello, qualche trappola
perché le storie gliele dovevi asportare a forza
e non si può dire che mi ha dato la conoscenza con la sua fiaccola
ci provavo a chiedergli qualcosa quand’ero ragazzino
“nonnetto, nonnetto, mi dici qualcosa?
…due storie, due barzellette…non mi racconti mai niente!”
“non mi rompere le palle!
va a giocare fuori che sei un ragazzino!”
così l’ho conosciuto
è così che mi ha cresciuto
e raccontava qualcosa solo quando ne aveva voglia
e quando ne aveva voglia
guardava malinconico e diceva…
VeciaSpeza
bèla, belìn come l’éa bèla a me tèra
che i podévo solcae solo ‘ste man solcà
che i me déva ‘r me vin e ‘r me pan
a sola lüse der me so e l’àigoa der me ma
tera d’orzo ceci fasèi faro e gran
di bei tenpi andà
l’éa ‘na tèra düa chi te piéva a scciàfon
áötro che cotivala la ghéa da sbrisae di ciapón
éimo pòvei cristi con
pogo de tüto ma bón
poghe bale e i s’andéa a doman
finchè i ariveno ministri a capelà
dotoi maístri omi de stato e misüa
quarcün decidèa ‘r destin dea me sità
dea se gente dea sità futüa, da lassù
via e cà vecie veci carugi vecie muage veci quartei cacià zü
la ghéa da fae spassio ar gran darsenale dea regia maina de chiodo e cavour
noiaötri tuti ‘n’ter bum con poghi dinai
ma cor cüo caödo andeimo aa schèa da allievi operai
poi ‘n’ter chinse-desoto ‘r porto i è cressü e con lü i capanon industriai
così a me tèra l’éa ‘n pò meno bèla
ma a ‘mbrutila ancoa de ciü la ghe pensò a seconda guera
cor secondo bum chi fevo e bombe de aleati e cruchi
i poghi tochi dea me Vecia Speza l’eno andà distruti tuti
cor terzo bum te ne vedevi de nèvi da tuti i dossi,
quando ‘r me so la ne basteva ciü a lüse i la fevo quatro tubi bei grossi
come quatro camin giancorossi
come ‘na pissada negra chi a croverto de grigio a vida dea gente case e palassi
e adè ne saessa manco da chiede perchè
sta chi l’è a sità ciü depressa dea region ciü depressa
dea nasion ciü depressa che ghè
bella, belin, com’era bella la mia terra
che potevano solcare solo queste mani, solcate
che mi dava il mio vino e il mio pane
la sola luce del mio sole e l’acqua del mio mare
terra d’orzo, ceci, fagioli, farro e grano
dei bei tempi andati
era una terra dura
che ti prendeva a schiaffoni
altro che coltivarla
c’era da sbriciolare dei sassi
eravamo poveri cristi con
poco di tutto ma buono
poche balle e si andava a domani
finchè arrivarono un sacco di ministri
dottori, maestri, uomini di stato e misura
qualcuno decideva il destino della mia città
della sua gente e della città futura, da lassù
via case vecchie, vecchi carugi, vecchie mura, vecchi quartieri buttati giù
c’era da fare spazio al grande Arsenale della Regia Marina di Chiodo e Cavour

noi altri tutti nel boom
con pochi soldi ma col culo al caldo
andavamo a scuola da allievi operai
poi nel 15-18 il porto è cresciuto e con lui i capannoni industriali
così la mia terra era un pò meno bella
ma a imbruttirla ancora di più ci pensò la seconda guerra
col secondo boom che facevano le bombe degli alleati e dei tedeschi
i pochi pezzi della mia vecchia Spezia sono andati distrutti tutti
col terzo boom ne vedevi di nuovi da tutti i punti
quando il mio sole non bastava più
la luce la facevano quattro tubi belli grossi
come quattro camini biancorossi
come una pisciata nera che ha coperto di grigio la vita della gente, case e palazzi
e ora non sarebbe neanche da chiedere perchè
questa è la città più depressa, della regione più depressa
della nazione più depressa che c’è
Nota di Danilo Manganelli
Nato in fondo al ’77 a La Spezia, ho sempre ragionato più per suoni e immagini che per cifre e numeri.
La performance in versi tramite il rap mi ha catturato a metà degli anni ’90 e da lì non ho mai smesso.
Un dialetto imbastardito di italiano mi suonava in casa e a un certo punto ho fatto un po’ di opera di trascrizione all’interno dei testi che scrivevo. Poi ho cominciato a creare storie tutte mie con quella parlata, facendo un lavoro di archeologia lirica, scavando negli antichi Poeti del Golfo, riprendendo un po’ di parole dimenticate dalla Spezia di oggi.
Sono stato voce di svariati progetti musicali tra cui LatobesodelaFazenda (quattro dischi all’attivo dal 2004 al 2013), eSPerience (voce e contrabbasso per performance recitate in spezzino), rümo (band tutta strumentale con influenze rock e blues).
Al momento alterno performance soliste con voce e campionatore alla lavorazione di un concept album intorno alla storia delle “Terre di Luna”, che sto realizzando con il mio amico Bud Lee, già produttore del disco R/E/T/R/O di LatobesodelaFazenda.
Audio di opere tra dialetto e italiano:https://soundcloud.com/tvolia-voauliuz

(Visited 23 times, 1 visits today)