Poesia del nostro tempo presenta l’Archivio virtuale de L’Italia a pezzi. Antologia dei poeti italiani in dialetto e in altre lingue minoritarie.
Dante Maffìa è nato nel 1946 a Roseto Capo Spulico (CS). Saggista, poeta e narratore, vive da lunghi anni a Roma dove ha frequentato il circolo della libreria Croce, con Moravia, Maraini, Paris e Dario Bellezza. Ha curato per anni la rassegna dei libri per RAI 2; ha fondato le riviste «Il Policordo», «Poetica» e «Polimnia»; è redattore di «Studi di Italianistica nell’Africa Australe». Ha diretto e dirige collane di poesia, di saggistica e di narrativa. Ha pubblicato libri di narrativa, saggistica e scritti monografici sui grandi pittori e scultori contemporanei. In poesia ha pubblicato: Il leone non mangia l’erba (Remo Croce Editore, Roma 1974); Le favole impudiche (Laterza, Bari 1977); Passeggiate Romane (Capone Editore, Lecce 1979); L’eredità infranta (Hellas, Firenze 1981); Caro Baudelaire (Editore Lacaita, Manduria 1983); Sul Golgotha (Casa d’Arte Nitti, Firenze 1983); Il ritorno di Omero (Edizioni di Periferia, Cosenza 1984); A vite i tutte i jùrne (Carte Segrete, Roma 1987); U Ddìje poverìlle, (Scheiwiller, Milano 1990); L’educazione permanente (Casagrande, Bellinzona 1992); La castità del male (Casagrande, Bellinzona 1993); I rùspe cannarùte (Scheiwiller, Milano 1995); Lo specchio della mente (Crocetti, Milano 1999); Possibili errori (Fermenti, Roma 2000); Papaciòmme (Marsilio, Venezia 2000); Ucciso dentro il virgulto (Zefiro, Bagheria 2001); Canzoni d’amore, di passione e di gelosia (Pagine, Roma 2002); La biblioteca d’Alessandria (Lepisma, Roma 2003); Di Rosa e di rose (Paideia, Firenze 2004); Ultimi versi d’amore (Lepisma, Roma 2004); Viaggio a Francoforte (Zambon, Francoforte 2004); Canto dell’usignolo e della rana (Libroitaliano, Ragusa 2005); Diario Andaluz (ArCiBel Editores, Siviglia, 2005); Al macero dell’invisibile (Passigli, Firenze 2006); Il corpo della parola (LietoColle, Faloppio 2006); New York andata e ritorno (La Mongolfiera, Cassano allo Jonio 2008); Poesie Torinesi (Lepisma, Roma 2011); La strada sconnessa (Passigli, Firenze 2011); Abitare la cecità (Lepisma, Roma 2011); Poesie ritrovate (in Aula Magna, Blu di Prussia, Piacenza 2011); Sbarco clandestino (Tracce, Pescara 2011); Neve in sogno (Liriti, Reggio Calabria, 2012); Io poema totale della dissolvenza (Edilet-Edilazio, Roma 2013). È presente in varie antologie e nel 2009 la rivista «Periferia» gli ha dedicato un fascicolo monografico. Il Presidente della Repubblica Ciampi lo ha insignito di medaglia d’oro alla cultura nel 2004.
 
Tra vìgli’e sùnne
Ll’ùcchie nta cìte da malincunìe,
i sìnze ncunucchiète.
Me tròv’accìse
d’urravugliè du mère
du vìnte ca cardìjede
ll’ànem’i tùtte.
Na frùnn’i ròse stède
da qquè da llè, a nzàpede
sa ddà resìst’o s’èdda chiùde
ndi spìne, o se fe vìnte pùre jìlle.
Nel dormiveglia.// Gli occhi appannati di malinconia, / i sensi stremati. / Mi trovo ucciso / dal guazzabuglio del mare / dal vento che raschia sottilmente / l’anima di tutto. / Una foglia di rosa si muove / dondola, non sa / se deve restare o debba chiudersi / nelle sue spine, o mutarsi in vento.
Em’ arrivète ntu cigliòne.
Chiù all’è putìme cadì
e se putìme revegliè (du sunne,/ da camèsce?) e cumenzè
a cuntè i nnùrre scefuguète.
E cu ha ditte che se tròvede sèmpe
na frùnn i sparte
o, ghìnte com’a cuscìne/ i fràsche secchète,
a rìve da iumère?
Siamo arrivati al margine. / Più in là possiamo cadere / e possiamo svegliarci (dal sonno, / dall’apatia?) e cominciare / a contare i nodi della scivolata. / E chi l’ha detto che si trova sempre / una fronda di ginestra / o, riempita come un cuscino / di foglie secche, / la sponda della fiumara?
Na spugne ntinte nta cite,
na carte vruscète e rijaghète
a nu girasògue,
nu sùrge s’è frechète na caudère
i culùre e s’è mbriachète.
Che bella putìje/ che bella mercanzìje
nta stu pajìse i vìpere
addùve jède u vinte che spàrtede i vìje e dède
alli parùgue na mùseche
pe fède u revùte, nàscede
doppe pu sc’cavùrde na pommedìje:
come s’edde coce nu ruspe,
come edde passè a guguìje.
Una spugna bagnata nell’aceto, / una carta bruciata e regalata / a un girasole, / un topo ha mangiato una caldaia / di colori e s’è ubriacato. / Che bel negozio / che bella mercanzia / in questo paese di vipere / dove è il vento a dividere / le strade e dare / alle parole una musica / per la rivoluzione, nasce / dopo per l’ingordo una favola: / come si deve cuocere un rospo, / come deve spegnersi il desiderio.

(Visited 14 times, 1 visits today)