Poesia del nostro tempo presenta l’Archivio virtuale de L’Italia a pezzi. Antologia dei poeti italiani in dialetto e in altre lingue minoritarie.

Damiano Visentin nasce nel 1984. In gropa ae stee de Van Gogh è alla sua prima pubblicazione, datata febbraio 2009 e riproposta  nel 2010 da MiMiSol Edizioni. Nel 2008 per la prima volta partecipa ad alcuni concorsi letterari: al Premio De Palchi – Raiziss (Verona) viene selezionato fra i venti finalisti; al Premio Vigonza si classifica  secondo nella sezione Poesia dialetto Triveneto; vince il Premio Alicante (Vigolo Vattaro, Trento).
da In gropa ae stee de Van Gogh
 
Cicio’s Blues
Cicio el ga pi forsa de un cavaeo
Cicio el ga e man che e xe tute quante un caeo
Cicio el se alsa presto ogni matina
Cicio dopo sena el ciapa sono sentà in cusina
Cicio el te soride, testa alta e man in scarsea
Cicio co’ ghe gira el ciapa e’l buta su a gardea
Cicio da che o conosso el xe sempre de bon umor
Ma Cicio stamatina el fa i conti co un tumor
I oci de to fi a co’ li vardo i te someja
Cicio, ti te o sa, te me ga dato na fameja
Àreo! Xe domenega, porta a bestia a pascoear
Cicio no a xe questa ncora l’ora de moear
*
CICCIO’S BLUES 
Ciccio ha più forza di un cavallo
Ciccio ha le mani che sono tutte quante un callo (che sono piene di calli) 
Ciccio si alza presto ogni mattina 
Ciccio dopo cena si addormenta seduto in cucina 
Ciccio ti sorride, testa alta e mani in tasca 
Ciccio quando ha voglia mette la girglia sul fuoco 
Ciccio da quando lo conosco è sempre di buon umore 
Ma Ciccio questa mattina fa i conti con un tumore 
Gli occhi ti tua figlia quando li guardo ti somigliano 
Ciccio, tu lo sai, mi hai dato una famiglia 
Hey! E’ domenica, porta il tuo cane a passeggiare 
Ciccio non è questa ancora l’ora di mollare
(Visited 11 times, 1 visits today)