da Vixita à palaçio inreâ. Poexie zeneixi – Visita a palazzo irreale. Poesie genovesi (Editrice Zona)

Na pria

Se me dî d’anâ vorriâ dî ch’aniö,
comme un o se sente legio inte st’äia legia,
donde o no l’à ciù de dovei perché o no gh’é ciù,
e no gh’interessa savei ciù ninte perché no gh’é ninte da savei,
quest’äia donde o cheu o batte pe convençion
e a stradda da fâ a l’é na convençion
ma in mæ davvei no gh’é ciù stradda nì pe anâ
nì pe vegnî, nisciun avanti nisciun in derê,
ma gh’é st’äia cada do mâ, ch’a l’é casa teu.
Me cangio ciancianin inte na statua de pria:
unna vòtta aviæ dito inte ‘n erboo,
ch’o manda e seu reixe e e seu ramme
da tutte e bande; inte l’äia inte l’ægua
inta tæra into sô. Oua diggo na pria.

Una pietra. Se mi dite di andare vorrà dire che andrò, / come uno che si sente leggero nell’aria leggera, / dove non ha più doveri perché non esiste più, / e non gli interessa sapere più nulla perché nulla c’è da sapere, / quest’aria dove il cuore batte per convenzione / e la strada da fare è una convenzione / ma in verità non c’è più strada né per andare / né per venire, nessun avanti nessun indietro, / ma c’è quest’aria calda del mare, che è casa tua. / Mi cambio a poco a poco in una statua di pietra: / una volta avrei detto in un albero, / che manda le sue radici e i suoi rami / in ogni direzione; nell’aria nell’acqua / nella terra nel sole. Ora dico una pietra.

Sottoria

Pansa de ‘n mondo scuo. Mæ moæ a me diva:
“Chì coscì vegniâ un giorno i Re à inchinâse”;
ma zù da-a seia o celere o schiffiva
lonxi con niatri, comme pe ascordâse
de tutto (ne vegnimo da l’uspiâ,
d’anâ à trovâ mæ poæ) e inta pua se isava
‘na cavellea d’Erinni, o crio de ‘n mâ
che pe tempi à sti vòrti o l’arrivava,
o sobrillava co-o respio di mòrti
preiso inte prie; inta fummeghea un sen
à tòcchi o ne ciammava à antighi pòrti.
“In Sottoria – a fa lê – se mangia ben”.

Sottoripa. Pancia di un mondo buio. Mia madre diceva: / qui verranno un giorno i Re ad inchinarsi; / ma giù dalla sera l’autobus fuggiva / lontano con noi, come per dimenticare // ogni cosa (tornavamo dall’ospedale, / da visitare mio padre) e nella polvere si levava / una capigliatura d’Erinni, il grido di un mare / che un tempo arrivava a queste volte // tremolava con il respiro dei morti / coagulato nelle pietre; nello smog un seno-sereno / a pezzi ci chiamava ad antichi porti. // Lei diceva: “In Sottoripa si mangia bene”.

Vixita à Palaçio Inreâ – I

…da-i quæ euggi a m’ammia unn’eternitæ;
a corrente a remonta o sciumme,
a remescia i erboi, e grende desteise
sarsie da-o vento, i pormoin verdi;
e feugge fan segno à dòppo
quello ch’o saiâ ciù avanti.
E tore, i çimitëi, e çiminee de louëi abbandonæ,
derê gh’an di euggi
che stan à ammiâ di spaçi che no ghe son;
òh in sciô caracollâ do cheu
a cavarca a poula comme unica corsa,
a me dixe che son ancon vivo,
no sò fin quande ancon,
ma de seguo fin quande scrivo;
e scimie arrampinæ in scî lampadäi
e i camerlenghi se inchiñan a-e grende pòrte d’ombra;
vegniâ i Re, che te portian pe man
a-e oscue pòrte do paise
donde meuia i meigranæ
averti in scî erboi do doman,
stæti piggiæ inta sciummæa de quello ch’o no saiâ mai
e fòscia o no l’é mai stæto;
zinæ se arvan, o mæ còrpo rebellou à çê comme çenie;
òh mæ moen de tæra, de voxe
comme n’ingheugge a paxe
in çimma a-i monti – comme bandee i castelli –
e tutte e anime van
donde manco lô san
de ronsa inte l’ægua
grixa di sciummi di seunni e de ræne
che no finian de beive
into vento, mai…

Visita a palazzo irreale – I. … dai cui occhi mi osserva un’eternità; / la corrente risale il fiume / agita gli alberi, le grandi distese / percorse dal vento, i polmoni verdi; / le foglie indicano il dopo, / ciò che avverrà più avanti. / Le torri, i cimiteri, le ciminiere di opifici abbandonati, / hanno occhi dietro / e guardano spazi che non esistono; / oh sul caracollare del cuore / cavalca la parola come unica corsa, / mi dice che sono ancora vivo, / non so ancora fino a quando / ma di certo fino a quando scrivo; / le scimmie arrampicate sui lampadari / e i camerlenghi s’inchinano alle grandi porte d’ombra; / verranno i Re, che ti porteranno per mano / alle oscure porte del paese / dove maturano i melograni / aperti sugli alberi di domani, / rapiti dalla fiumana di ciò che non sarà mai / e forse non è mai stato; / orizzonti si aprono, il mio corpo trascinato a cieli come cenere; / oh mie mani di terra, di voci / come ci avvolge la pace / in cima ai monti – come bandiere i castelli – / e tutte le anime vanno / dove neppur loro sanno / di corsa nell’acqua / grigia di fiumi di sogni e di rane / che non finiranno di bere / nel vento, mai…

Alessandro Guasoni nasce a Genova nel 1958 poeta e prosatore in genovese; tra le sue pubblicazioni ricordiamo A pòula e a lunn-a (1997), Carte da zeugo (2003), Cantegoe (2005),Barcoin. Sette racconti in lengua lìgure (2006), Contravenin (Prova D’Autore, 2008) e Turchin (Editrice Zona, 2016) Nel 2006 ha ottenuto il Premio Nazionale “Giacomo Floriani” di Riva del Garda per il libro edito di poesie in dialetto, mentre nel 2007 l’Associazione genovese “A Compagna” gli ha conferito il Premio “Luigi De Martini” destinato a chi si sia distinto nell’opera di conservazione e valorizzazione delle parlate liguri. Nel 2018 esce la raccolta di poesie  Vixita à palaçio inreâ. Poexie zeneixi in dialetto genovese.

(Visited 4 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *