Poesia del nostro tempo presenta l’Archivio virtuale de L’Italia a pezzi. Antologia dei poeti italiani in dialetto e in altre lingue minoritarie.
Claudio Recalcati è nato a Milano nel 1960. Ha pubblicato le raccolte poetiche Riti di passaggio (Campanotto, Udine 1995); Un altrove qualunque (Moretti & Vitali, Bergamo 2001); Microfiabe (Mondadori, Milano 2010) e Cartoline dell’addio (Stampa 2009, Varese 2013). Ha tradotto diversi poeti per «Testo a fronte» e fra i numerosi premi ha vinto il “Premio internazionale Eugenio Montale”. Ha curato con E. Zuccato la traduzione in milanese dei testi di François Villon Biss, lüsért e alter galantomm (Effigie, Milano 2005).
 
Un pu de fìdigh
E m’hann ciulà tüsscòss,
anca la fiasca ciulada
a l’autogrill la nott
che te disévet basta
un pu de fìdigh per vèss un Valansasca
e te disévet no di stüpidàd
crania pulaca
s’ te pénset che per alter canàl
la bursa la svùja saccòcc da sguànc,
l’ha fâ d’un pòr magütt
l’imperadùr del ciel e de la gràssia.
Un po’ di fegato.// E mi hanno rubato tutto, / anche il bottiglione rubato / all’autogrill la notte / che tu dicevi basta / un po’ di fegato per esser Vallanzasca / e non dicevi mica stupidate / testa nordica / se pensi che in altro modo / la borsa ha rovinato borse da troie, / ha fatto d’un povero muratore / l’imperatore del cielo e della grazia.

(Visited 19 times, 1 visits today)