Poesia del nostro tempo presenta l’Archivio virtuale de L’Italia a pezzi. Antologia dei poeti italiani in dialetto e in altre lingue minoritarie.
Canio Loguercio (Campomaggiore, Potenza, 1955) è musicista, performer, architetto. Tre volte finalista al Premio “Recanati”, è anche conduttore, autore e regista di programmi radiofonici. Ha pubblicato l’album Indifferentemente (edizioni il manifesto cd, Roma 2003); Miserere (edizioni Squilibri, Roma 2006; libro + cd + DVD); Passioni (Edizioni d’If, Napoli 2009; libro + cd), dove narra un’improbabile storia d’amore che si snoda lungo le trame di canzoni scritte per lo più in napoletano, la “sacra madrelingua delle passioni”. Nel 2013 è stato pubblicato il libro + cd Amaro Ammore (Edizioni d’If, Napoli) e a marzo 2014 l’album Canzoni sussurrate con la rivista multimediale «in pensiero».
 
Traduzione di Davide Mucibello
Miserere
Scetateve bavuse e pupatelle ’e babbilonia
Arapite ’e ccape ’e cosce ll’uocchie ’e ’mbrelle
E sarrà nu maciello ’e caprettelle
‘A strage ‘e Sant’Aniello ’e ll’Ugonotti curnutielle.
Aizateve guagliune e piccerelle ’e malasorta
Ca co’ tanta devozione ’a culo ’nfunno chiove sanghe
E sarrà na mattanza ’e capuzzelle
A notte ‘e San Callisto d’ ’e criature bastardielle.
Miserere nobis cumpagnielle ’e senza niente
Misere’ d’ ’e ccarne… e ’o riesto ’e tutt’ ’a mercanzia
Pietà pe’ ’sti cecenielle pe’ ’sta malatia
Ca sta facenn’ ’e vierme e sfrennesea…
Miserere ’e sto tiempo ca nce ’nfete ’a fantasia
E nce accide ’o suonno e nun ce fa durmì
Pietà – e così sia – agnus dei – de fecatielle, de pisce mmane a cuppetielle
Agnus! – nuje pe’ sfreggio te schiattamme ’a carestia…
E sfronna ’o tiempo ’sto maletiempo
Ca nce strapazza ’e nierve
Passa e nun si ferma maje
’A notte e ’o juorno… e nun ’o ssiente
Se ’nfizz’ ’a sotto ’o verme
Zitto e nun more maje.
E scrolla ’o tiempo nu maletiempo
L’aria trase ‘ncuorpo fraceta
E ‘ncancreneja ’a capa e ll’anema
E votta ’o viento nu maleviento
Na tempesta ’e sabbia ardente…
E nun se sente cchiù na voce
Ma solo ’o sciato ca sussurranne
Scioscia cuntraviento na presella ’e sale
’O sputa ’ncielo e torna ’mmocca doce
Comme ’o ffele…
Ohi nenna staje durmenno e duorme a suonno chino
’Nzerrata int’a na tana muta e sorda a chisti suone
Ma ’o ffuoco già s’è aizato e ’ncoppa ’e cravune
So’ stese l’anemelle dint’ ’e fronne ’e limone… ohi ne’.
’O fummo t’adda cunsumà chill’uocchie nire
Ti a scetà all’addore ’e ’sti ffragaglie cotte co’ ddoje ove
Ma si pe’ nustalgia tiene famme d’ammore i’ sto ccà
Damme nu muorzo a sanghe a’ scorza ’e chisto core.
Miserere nobis cuncertino a sentimento
Miserere ’e ’sta freve senza pentimento
Pietà pe’ ’sta serenata ca nun ce ‘a fa a t’ ’ntussecà
Pe’ chesta vocca arsa agnus dei pietà.
Pecché nun sisca cchiù ’o rafaniello sulitario
Pecché ’o rugnunciello nun nce ‘a fa a cantà
Sciurill’ ’e cucuzzielle cumpagnielle ’e ’sto calvario
’E lacrime ’e veleno agnus dei pietà.
Si ’sta voce te scete int’ ’a nuttata….
E sfronna ’o tiempo ’sto maletiempo
T’ ’o truove ’nfaccia a ’e diente ritto
E nun te lasse maje
Stagione e vvierno… roseca ’e juorne
Sta sempe appriesso appriesso ’a zecca
E nun s’abboffa maje.
E scrolla ’o tiempo nu maletiempo
Trase ‘e sicco ‘ncuorpo e sfraveca ll’ossa ’a cuollo
E assecca ’e lacreme
E votta ’o viento nu maleviento
Na tempesta ’e sabbia ardente…
E nun se sente cchiù na voce
Ma solo ’o sciato ca sussurranno
Scioscia cuntraviento ’na presella ’e sale
’O sputa ’ncielo e torna mmocca doce
Comme ’o ffele…
Miserere Miserere nobis
Miserere Agnus Dei pietà
Miserere.// Svegliatevi bavosi e pupette di babilonia / Aprite le teste le cosce gli occhi gli ombrelli / Ci sarà un macello di caprette / La “strage di Sant’Aniello” degli Ugonotti cornutielli. / Alzatevi ragazzi e bimbette di malasorte / Perché con tutta questa devozione dal culo in fondo pioverà sangue / Ci sarà una mattanza di testine / La “notte di San Callisto” delle creature bastardelle. / Miserere nobis compagnucce di senza niente / Miserere delle carni… e del resto di tutta una mercanzia / Pietà per questi piccolini, per questa malattia / Che sta facendo vermi e decompone… / Miserere di questo tempo che ci appesta la fantasia / E ci uccide il sonno e non ci fa dormire / Pietà – e così sia – agnus dei – dei fegatelli, dei “pesci in mano” (seghe) con la mano a coppetta / Agnus! – noi per sfregio ti facciamo scoppiare la carestia… / E sfronda il tempo questo cattivo tempo / Che ci strazia i nervi / Passa e non si ferma mai / Di notte e di giorno… e non lo senti / Si infila da sotto il verme / Zitto e non muore mai. / E scrolla il tempo, un cattivo tempo / L’aria entra nel corpo fradicia / E incancrenisce la testa e l’anima / E soffia il vento, una bufera / Una tempesta di sabbia ardente… / E non si sente più una voce / Ma solo il fiato che sussurando / Soffia controvento un pizzico di sale / Lo sputa nel cielo e nella bocca torna dolce / Come il fiele… / Oh bimba, stai dormendo, e dormi così piena di sonno / Avvolta in una tana muta e sorda a questi suoni / Ma si è già alzato il fuoco e sopra i carboni / Sono stese le animelle nelle fronde del limone… hoi nè. / Il fumo ti deve consumare quegli occhi neri / ti devi svegliare all’odore delle fragaglie cucinate con due uova / Ma se per nostalgia hai fame di amore io sono qui / Dammi un morso scorticami il sangue dal cuore. / Miserere nobis concertino fatto con sentimento / Miserere di questa febbre senza pentimento / Pietà per questa serenata che non ce la fa a intossicarti / Per questa bocca arsa agnus dei pietà. / Perché non fischia più il ravanello solitario / Perché il rognoncello non ce la fa a cantare / Fiorellini di zucchine compagnelle di questo
calvario / Lacrime di veleno agnus dei pietà. / Se questa voce ti sveglia durante la notte… / E sfronda il tempo, questo cattivo tempo / Te lo trovi davanti ai denti / E non ti lascia mai. / Estate e Inverno… rosica i giorni / Sta sempre attaccata la zecca / E non si sazia mai. / E scrolla il tempo, un cattivo tempo / Entra di soppiatto nel corpo e smonta le ossa dal corpo / E asciuga le lacrime / E soffia il vento, una bufera / Una tempesta di sabbia ardente / E non si sente più una voce / Ma solo il fiato che sussurrando / Soffia controvento un pizzico di sale / Lo sputa nel cielo e nella bocca torna dolce / Come il fiele… / Miserere Miserere nobis / Miserere Agnus Dei pietà
 

(Visited 5 times, 1 visits today)