Poesia del nostro tempo presenta l’Archivio virtuale de L’Italia a pezzi. Antologia dei poeti italiani in dialetto e in altre lingue minoritarie.
Bianca Dorato (Torino 1933-2007), interrotti gli studi classici per motivi di salute, ha lavorato come contabile in un’azienda piemontese. Nella lingua d’origine ha scritto per il teatro: Ël serv, Il cervo (Centro Studi Piemontesi, Torino 1997); Ij milan, I nibbi (Centro Studi Piemontesi, Torino 1999); Le neuit dël vent, La notte del vento (Centro Studi Piemontesi, Torino 2001); La buria (Centro Studi Piemontesi, Torino 2001); La ca (Centro Studi piemontesi, Torino 2006). In poesia ha pubblicato i seguenti volumi: Tzanteleina. Canson ëd lus, d’aria e ’d rie d’eva… Tzantèleina, Canzone di luce, d’aria e di sorridere d’acqua… (Centro Studi Piemontesi, Torino 1984); Drere ’d Lus, Sentieri di luce (Amici di Piazza, El Pèilo, Mondovì 1990);
Passagi, Passaggio (Boetti & C., Mondovì 1990); Fiòca e òr, Neve e oro (Ël Pèilo, Mondovì 1998); Travërsera, Sentiero di valico (La Slòira, Ivrea 2003); Signaj, Segnali (Interlinea, Novara 2006); I lenti giorni (antologia a cura di A. De Simone, Quaderni del Centro Studi Biagio Marin, Serra, Pisa-Roma 2008). Ha al suo attivo anche opere teatrali: Due giorni a luglio (1989). È presente in: La poesia in dialetto (a cura di F. Brevini, Voll. III, Mondadori, Milano 1999); Nuovi poeti italiani 5 (a cura di F. Loi, Einaudi, Torino 2004).
 
da Passagi
Passagi
Tanta dossor a l’ha cantate antorn
lë stalasagn ant ël di bel dla prima,
ël di dl’arciam: a venta alvesse, e parte,
s’a-i é ’n cel neuv, e na tèra novissa,
al cheur ëspers che a sa ’l temp ëd soa gòj;
a venta andé. Dëssamblà l’uss duvert
da la buria dl’invern, àuta la fiòca
ancora a vemp la stansia: tan solenga
e longa toa stagion ëd neuit geilà,
ëd crij d’orissi. E ancora a sarà sèira
a fé rèida la fiòca sle costere,
a ’ingrumlì ’d geil tut ës-ciòde ’d boton
al buf malegn dl’ëscur. Sola e chità
’t ses drocheri e mongiòja: se paròle
sacrà ti it sare an toe pere vivente,
s’a-i é ’n foalé stërmà, un cheur ancreus
savent ëd feu e ’d canson ; d’un Bin sicur
për vagné l’alba. Ant ël di che as esmòrta
genita at toca l’ùltima rajà,
a di salut dnans a l’ambrun-a. E ora
ël picaròche at signa dë scarlata.
Passaggio.// Tanta dolcezza ha cantato intorno a te / lo stillare del disgelo nel giorno bello della primavera, / il giorno del richiamo: bisogna alzarsi, e partire / se vi è un cielo nuovo, ed una terra novella, / per il cuore bramoso che conosce il tempo della sua gioia: / bisogna andare. Scardinato l’uscio aperto / dalla bufera invernale, alta la neve / ancora colma la stanza: tanto solitaria / e lunga la tua stagione di gelide notti, / di grida di uragano. E ancora si farà sera / a prendere la neve sui pendii, / a raggrumare di gelo ogni schiudersi di gemma / al soffio maligno dell’oscurità. Sola e abbandonata / tu sei maceria ed altare: se parole / sacre tu racchiudi nelle tue pietre viventi / se vi è un focolare nascosto, un cuore profondo / sapiente di fuoco e di canti: di una preghiera sicura / per raggiungere l’alba. Nel giorno che si spegne / puro ti tocca l’ultimo raggio di sole / a dire saluto davanti al crepuscolo. Ed ora / il picchio muraiolo ti segna di scarlatto.

(Visited 9 times, 1 visits today)