Poesia del nostro tempo presenta l’Archivio virtuale de L’Italia a pezzi. Antologia dei poeti italiani in dialetto e in altre lingue minoritarie.
Azzurra D’Agostino è nata a Porretta Terme (BO) nel 1977. Scrive opere di drammaturgia e racconti. In poesia, in lingua e in dialetto, ha pubblicato i seguenti libri: D’in nci’un là (I Quaderni del Battello Ebbro, Porretta Terme 2003); Con ordine (LietoColle, Faloppio 2005); D’aria sottile (Transeuropa, Massa 2011) selezione Premio “Viareggio”; Versi dell’abitare (in Poesia contemporanea, undicesimo quaderno italiano, a cura di F. Buffoni, Marcos y Marcos, Milano 2012); Canti di un luogo abbandonato (Sassiscritti, Bologna 2013).
 
da D’in nci’un là
Il giorno della fragola
( a Oscar.D.S.)
Me l’era lé c’an sapeva mja csa fèer
Me stèva lé e a i’n stèva po’ mia tènt bèn
Atachè a ’na piènta d’arveja
E invaz a i era ’na frola
E al saveva, mé, ma stèva lé.
Po’ ’na sira lù taca a parlèr
E l’è stà comm se un entrass int l’ort
E srimtess l’arveja in t’larveja
Ela frola in t’i fròl
E al parléva con chi och lustri
Compagna a du sass int l’aqua
E al parlèva da denter al zigarett
E am parlava da denter un siit
Che an’è mja d’in ciuna pèrt, ma aj è
E am parlava e am dgiva
C’l’è arivà al dé periculous
E che l’aj hod’ascultér
C’l’è arivà il dé d’la fròla
E che mé
L’aj ho
D’ascultér
Tòtt qué.
Io ero lì, che non sapevo cosa fare / stavo lì e non ci stavo nemmeno tanto bene / che mi sembrava d’essere poco e niente / attaccata a una pianta di fagiolini/ e invece ero una fragola / e lo sapevo, io, ma stavo lì. / Poi una sera lui inizia a parlare / ed è stato come se uno entrasse nell’orto / e rimettesse i fagioli tra i fagioli / e la fragola tra le fragole / e parlava con quegli occhi lucidi / come due sassi nell’acqua / e parlava da dentro le sigarette / e mi parlava da un luogo / che non è da nessuna parte, ma c’è / e mi parlava e mi diceva / che è arrivato il giorno pericoloso / e che io lo devo ascoltare / che è arrivato il giorno della fragola / e che io / lo devo / ascoltare / tutto qui.
Mi’ nòn am’ dsgiva:
“al sèèt tè, che mé
san stè in tì partisèèn?”
“nòn, mé ed politica
an capiss mja gninta”- disiva me
“ma infàt ai’n’era mja d’la politica;
a’i eren dì bosc negher
indovv ti stèvi òr e dé e setmèni
con ‘na fèm un bùr e ’na pòra
e’d mòrìr adòss
comm’ i’ han sulament al bésti”
-am rispondeva lù.
Mio nonno mi diceva / “lo sai tu, che io / sono stato nei partigiani?” / “nonno, io di politica / non capisco niente” – dicevo io / “ma infatti non c’era della politica; / c’erano dei boschi bui / dove stavi ore e giorni e settimane / con una fame un buio e una paura / di morire addosso / come hanno soltanto le bestie” / – mi rispondeva lui.

(Visited 15 times, 1 visits today)