Poesia del nostro tempo presenta l’Archivio virtuale de L’Italia a pezzi. Antologia dei poeti italiani in dialetto e in altre lingue minoritarie.
Anselmo Roveda (Genova, 1972), cresciuto tra la Riviera ligure di Ponente e l’alta valle dell’Orba, è giornalista, critico letterario e scrittore. Nel 2006 pubblica per Campanotto A farta d’euio de framboase into sangue spantegòu e successivamente qualche plaquette per amici, destinate a confluire in Rafataggi (inedito). È presente nell’antologia di F. Toso La letteratura ligure in genovese e nei dialetti locali. Profilo storico e antologia (2009). Roveda è attivo anche sul fronte della traduzione in genovese. Inoltre si interessa di tradizioni popolari dell’arco alpino e dell’area mediterranea, con particolare riferimento ai repertori della narrazione orale: suoi i volumi Pupun de pessa. Ninna nanne e orazioni della buonanotte nella tradizione ligure (2005) e Barban, bibòu e foé. Dizionario delle figure fantastiche della Liguria (2010); la traduzione dall’occitano del racconto Li Pastre/ I pastori di Frédéric Mistral (1830- 1914); la curatela del volume O ratto inta formaggia e o gatto (2011) con le fiabe classiche di Martin Piaggio (1774-1843); la preparazione editoriale, con note, di Inti descursci du Pàize. Carloforte: modi di dire e proverbi tabarchini (2006) di N. Capriata e di La Partenza. Canzoniere del trallalero. Storie e testi dell’antico canto dei genovesi (2006) di L. Parodi; e infine, la ricerca Daula daulagna. Filastrocche e cantilene infantili dell’alta valle dell’Orba, con varianti d’area ligure e piemontese (in: «Quaderni di semantica. Rivista internazionale di semantica e iconomastica», 2/2010).
 
Da A farta d’euio de framboase into sangue spantegòu (2006)
Reixe
pèrdise comme reixe de röe,
inta tæra,
e ascóndise tra prìe
e ærboi bruxæ da-a sâ do mâ
e tegnîse, comme l’è poscìbile, a-a memöia
sovente me vegne de pèrdime
tra e maxëe
e e ramme frascose da stæ
quande badaluffa
a piggia drento pe intrego
e allantöa
me spegio inte çëxe
e attreuvo,
mæximo e cangiòu,
o mæ möro che o l’ammia drïto in fondo a-a stradda
Radici// perdersi come radici di rovere, / nella terra, / e nascondersi tra le pietre / e gli alberi bruciati dal sale del mare / e tenersi, come è possibile, alla memoria // sovente mi viene da perdermi / tra i muri a secco / e i rami rigogliosi dell’estate / quando la baruffa / ti prende dentro per intero // e allora mi specchio nelle ciliegie / e trovo,/ identico e cambiato, / il mio volto che guarda dritto in fondo alla strada.

(Visited 20 times, 1 visits today)