Dalla raccolta inedita I bordi delle cose

Corso Roma

A quai, addu stu meve senza nu teve nu tene sensu,
quando ‘rria lu Carniale mmuntamu nu rituale,
nu surdatu turnatu te la cuerra mortu te fame
se ffionduliscia su llu mangiare te la mamma
e na purpetta nde rrumane tra lu suspiru e lu cannaozzu,
cariscene nu mortu, na palla te sucu
nde fommaca te la ucca, a dda ‘nnanzi chianti e risi,
pensu a ddu poeta ca cu lu tremulizzu sbacantisce
‘u cuppinu pe’ muta fame, pensu allu meve meu
ca ete nienzi addu ca bonanima nnutacata
pe’ lu mutu core ‘n canna, pe’ la muta teve cafuddata
te gettu intra ‘stu piettu – ‘stu piettu spaiatu
ca ete sintumu nnutacatu te tutta ‘sta vita,
‘sta vita ca fazzu a occhiu, ca paramu, mmuntamu
(‘sta vita ca iou me criu can u ete,
ci sape quando, spicciata).

Qui, dove questo me senza un te non ha senso, | quando c’è il Carnevale s’allestisce un rituale, | un soldato tornato dalla guerra affamato | sul cibo della madre si getta inferocito | e una polpetta resta tra il fiato nella gola, | portano in giro un morto, una palla sugosa | gli sbuca dalle labbra, attorno pianti e risa, | penso a quel poeta che col tremito rovescia | la ciotola per troppa fame, penso al mio me | che non è se non cadavere strozzato | da troppo cuore in gola, da troppa te ficcata | di getto in questo petto – questo petto spaiato | che è sintomo arrochito di tutta questa vita, | questa vita che fingo, mascheriamo, allestiamo || (questa vita che mi illudo non sia, | chissà quando, finita).

Corte Raheli

Foe tandu ca bba ‘nzignu cu essu sinceru
sulamente cu meve: foe ‘a colpa,
quista, ‘a chiù crossa –
ccu nu’ dicu: «Ziu, beddhu,
‘a mmalatia te face e piaghe alli pieti,
se scula ‘n acqua rosa,
te piju a’mbrazze iou,
oju lla fazzu, none percé nu pisi
chiù nienzi, ma pe’ disperatu
amore», foe a quai, intra ‘stu tacìre,
intra a tuttu ddhu tremulizzu,
scindindu ‘e scale te petra queti
zzaccatu a’n coddhu a meve
tanivi l’occhi te preda
stracca cu nu essa mai vissutu,
stracca te ddu meve mutu.

Fu l’inizio dell’essere sincero | soltanto con me stesso: fu la colpa, | questa, la più enorme – | il non dire: «Zio, caro, | la malattia ti fa piaghe ai piedi, | ti cola un’acqua rosa, | ti prendo in braccio io, | lo voglio fare, non perché non pesi | oramai niente, ma per disperato | amore», fu qui, in questo tacere, | in tutto quel tremore, | scendendo le scale di pietra zitti | abbrancato al mio collo | avevi gli occhi di preda | stanca di non avere mai vissuto, | stanca di quel me muto.

Riviera Nazario Sauro

‘U mare mai tantu chiaru te Caddhipuli, pe’ tantu tiempu schifu e noia,
puru ‘sta taula ete terra, cuarda comu bbinchia
intra alle vene sotta i pieti, intra ‘u passu zzoppu sulla petra tua,
intra ‘u giru te lu muru ssangulantatu, ieni, cuardi ‘u Mallatrone
ca ete chicatu susu alla morte e rite comu stu meve meu sperperatu –
‘stu essere ommu ca hai spolveratu polvere susu ‘a polvere,
terra viva susu ‘a terra morta e poi (seme manatu a mmienzu mmare)
risorta.

Il mare mai tanto blu di Gallipoli, a lungo schifo e noia, | anche questa superficie è terra, guarda come mi palpita | nelle vene sotto i piedi, nel passo incerto sul tuo lastrico, | nel giro tra le mura sanguinose, vieni, guardi il Malladrone | che è curvo sulla morte e ride come questo mio io sperperato – | questo esser uomo che hai rispolverato polvere sulla polvere, | terra viva su terra morta e poi (seme su una marea) | risorta.

Andrea Donaera (Maglie, 1989) vive a Bologna. È laureato in Scienze della Comunicazione presso l’Università del Salento, dove è fondatore e segretario del Centro di ricerca “PENS: Poesia Contemporanea e Nuove Scritture”. Suoi testi e interventi sono stati ospitati su blog e riviste, tra cui Nuovi Argomenti, Minima&MoraliaNazione Indiana e Argo. Ha pubblicato le raccolte di poesia Il latte versato (Sigismundus, 2012), Certe cose, certe volte (Marco Saya, 2013), Occhi rossi (‘Round Midnight, 2015) e il saggio Su una tovaglia lisa. Nell’Inventario privato di Elio Pagliarani (L’Erudita, 2017).
Dal 2016 dirige la collana di poesia Billie della casa editrice Round Midnight. Nel 2018 è finalista al “Premio Elio Pagliarani” e ha vinto i premi “Bologna in Lettere”, “Urbanità tentacolare” e “Ossi di seppia”.
È il direttore artistico del festival letterario “Poié” e del festival della poesia dialettale “Oju lampante”.

(Visited 4 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *