da La vôs de’ vent. Poesie in dialetto romagnolo

La mi ca

Sóta
a un zil
fiurì ad stël
una streta
a e’ côr
che trilé
d’un grel.
Da mân a mân
che la vita
la s’ sluntâna
dé par dé
a m’ apigh
a e’ pes
dal parôl,
a un suris
par racaté
di brisul
int i cantun.
Tót du insén,
par no murì,
in che nid
sóta ai cóp.

La mia casa. Sotto / un cielo / fiorito di stelle / una stretta / al cuore / quel frinire / di un grillo. / A mano a mano / che la vita / si allontana / giorno dopo giorno / mi piego / al peso / delle parole, / a un sorriso / per raccogliere / briciole / negli angoli. / Noi due insieme, / per non morire, / in quel nido / sotto ai coppi.

Én

J éra int l’ era
i dé piò bél,
un pes ch’ j én
andé da mêl.
Én int la memoria
cóma zenta vstida
ad vérd dacânt e’ fiom
ch’u s’incurva
luntân.
Parsunir ad ste mond
a pêrd e’ fil
int e’ vent di ricurd.
A m’ scrol d’adös un pes
par un êtar za pront.

Anni. Erano nell’aia / i giorni più belli, / un peso quegli anni / andati a male. / Anni nella memoria / come gente vestita / di verde accanto al fiume / che s’incurva / lontano. / Prigioniero di questo mondo / perdo il filo / nel vento dei ricordi. / Mi scrollo d’addosso un peso / per un altro già pronto.

La giòstra

In cla strê
di dé pasé
u s’è ramasé
e’ grân zét
ch’e’ smaja
la vita.
Gvardés d’atond,
da sev in sev,
u s’è sluntané
e’ fiom.
La strê la curva
tra i sambugh,
la zerca un scvert.
In cla giòstra
ch’la mesna parôl
al mân agli è pré
ch’ an s’ stofa
ad prilé
e’ fil d’una föla.

La giostra. In quella strada / d’altri tempi / s’è radunato / il gran silenzio / che smaglia / la vita. / Guardarsi attorno, / di siepe in siepe, / si è allontanato / il fiume. / La strada curva / tra i sambuchi, / cerca uno scoperto. / In quella giostra / che macina parole / le mani sono pietre / che non si stancano / di attorcigliare / il filo di una favola.

Marino Monti è nato a San Zeno di Galeata (Forlì) nel 1946, e vive a Forlì, dove si è diplomato all’Istituto Tecnico Industriale. Autodidatta, studioso di tradizioni romagnole, suoi scritti figurano nelle principali riviste neodialettali: «La Ludla», «La Piè», «Origini», e su «Il parlar franco» (nota di M. Cohen, n. 7, anno VII, 2007). Ha pubblicato i seguenti volumi di poesia: E’ bat l’ora de’ temp (La Mandragora, Imola 1998); A l’ombra di dé (La Mandragora, Imola 2001); L’Ânma dla tëra (La Mandragora, Imola 2004); Int e’ rispir dla sera (La Mandragora, Imola 2007); Stasón, Stagioni. Poesie in dialetto romagnolo (Pazzini, Villa Verucchio 2010), Premio “Salvo Basso” 2012; Poesia di Romagna, poesie in dialetto romagnolo tradotte in portoghese (traduzione in portoghese di C. Ferreira, Pazzini, Villa Verucchio 2012); Int e’ zét dal mi calér (Interlinea, Novara 2014). Nel 2017 esce la raccolta di poesie in dialetto romagnolo La vôs de’ vent.

(Visited 1 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *